codice-proc-civile
Codice proc. civile agg.  al  28 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 770 cod. proc. civile: Inventario da eseguirsi dal notaio

Quando all’inventario deve procedere un notaio, il cancelliere gli consegna, ritirandone ricevuta:

1) le chiavi da lui custodite a norma dell’articolo 756;

2) copia del processo verbale di apposizione dei sigilli, dell’istanza e del decreto di rimozione;

3) una nota delle opposizioni che sono state proposte con indicazione del nome, cognome degli opponenti e della loro residenza o del domicilio da essi eletto.

La copia indicata nel numero 2 e la nota indicata nel numero 3 sono unite all’inventario.


Giurisprudenza annotata

Inventario da eseguirsi dal notaio.

 

 

  1. Essenzialità della delega o della designazione del testatore; 2. Nomina di un secondo notaio.

 

 

  1. Essenzialità della delega o della designazione del testatore.

Il notaio, nell’assolvimento dei compiti inerenti ad un’accettazione di eredità con beneficio di inventario, opera quale ausiliario del giudice che lo ha nominato, sicché la sua eventuale designazione da parte dell’erede accettante con beneficio si configura come semplice indicazione e non come vero e proprio incarico professionale. Cass. 29 maggio 1976, n. 1953.

 

Il notaio, dopo la morte del concessionario, può procedere all’inventario del contenuto della cassetta di sicurezza solo se nominato dal pretore; in mancanza, l’inventario, posto in essere da un ufficiale rogante privo di poteri, deve considerarsi nullo, senza peraltro che questo comporti l’illecito disciplinare di cui agli artt. 28 e 138 legge notarile, il cui ambito di applicazione è limitato agli atti nulli per causa espressamente qualificata illecita o così tacitamente valutabile; pertanto, difetta di giurisdizione il tribunale nei confronti del notaio che, procedendo all’inventario del contenuto della cassetta di sicurezza, senza essere stato all’uopo delegato, ha commesso una mera infrazione al dovere di compiere atti validi. Trib. Napoli, 5 aprile 1984.

 

 

  1. Nomina di un secondo notaio.

La nomina di un secondo notaio per la redazione di un secondo inventario chiesta da un coerede pendente la procedura di inventario a seguito della precedente nomina di un notaio disposta su richiesta di un coerede non è ammissibile e, se disposta, va revocata. Trib. Venezia, 7 dicembre 2009.



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti