codice-proc-civile
Codice proc. civile agg.  al  28 Gen 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 79 cod. proc. civile: Istanza di nomina del curatore speciale

La nomina del curatore speciale di cui all’articolo precedente può essere in ogni caso chiesta dal pubblico ministero. Può essere chiesta anche dalla persona che deve essere rappresentata o assistita, sebbene incapace (1), nonché dai suoi prossimi congiunti e, in caso di conflitto di interessi, dal rappresentante.

Può essere inoltre chiesta da qualunque altra parte in causa che vi abbia interesse.


Commento

(1) In tale circostanza, concedendo all’incapace la possibilità di chiedere la nomina di un curatore speciale, gli si attribuisce una, pur se limitata, legittimazione processuale.


Giurisprudenza annotata

  1. Soggetti legittimati.

Nel procedimento di nomina del curatore speciale al minore ai sensi dell’art. 244 c.c., appartenente alla categoria dei procedimenti camerali unilaterali, la legittimazione a chiedere detta nomina, o ad impugnare il relativo diniego, è attribuita (ai fini esclusivi di tutela del minore) unicamente al p.m., con esclusione di qualsiasi interferenza degli altri soggetti, che pur siano affettivamente e moralmente coinvolti, come i genitori legittimi e il sedicente padre biologico, i quali assumono, appunto, nel procedimento la veste di semplici «informatori», che offrono al giudice elementi di valutazione dell’interesse del minore, e non la qualità di parti abilitate a far valere situazioni soggettive proprie; ne consegue che gli stessi soggetti non possono essere destinatari di condanna alle spese giudiziali della fase di reclamo (eventum litis). Cass. 19 settembre 2003, n. 13892.

 

 

  1. Scomparso.

È legittimo il provvedimento camerale del giudice col quale viene autorizzato il coniuge, in veste di curatore speciale, ad incassare i ratei pensionistici dello scomparso fino alla avvenuta dichiarazione di assenza. Cass. 24 ottobre 1989, n. 4338.

 

 

  1. Capacità processuale

L'esistenza d'un conflitto d'interessi fra rappresentante e rappresentato può legittimare la controparte che vi abbia interesse a chiedere la nomina di un curatore speciale al rappresentato, ai sensi dell'art. 79 cod. proc. civ., mentre non abilita la stessa a sollevare questione di invalidità della costituzione in giudizio del rappresentante, in quanto l'interesse tutelato dall'art. 78, secondo comma, cod. proc. civ., è esclusivamente quello della parte rappresentata e non delle altre parti. Rigetta, App. Torino, 11/07/2007

Cassazione civile sez. III  11 settembre 2014 n. 19149  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti