codice-proc-penale
Codice proc. penale agg.  al  29 Apr 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 172 cod. proc. penale: Regole generali

1. I termini processuali sono stabiliti a ore, a giorni, a mesi o ad anni.

2. I termini si computano secondo il calendario comune.

3. Il termine stabilito a giorni, il quale scade in giorno festivo, è prorogato di diritto al giorno successivo non festivo.

4. Salvo che la legge disponga altrimenti, nel termine non si computa l’ora o il giorno in cui ne è iniziata la decorrenza; si computa l’ultima ora o l’ultimo giorno.

5. Quando è stabilito soltanto il momento finale, le unità di tempo stabilite per il termine si computano intere e libere.

6. Il termine per fare dichiarazioni, depositare documenti o compiere altri atti in un ufficio giudiziario si considera scaduto nel momento in cui, secondo i regolamenti, l’ufficio viene chiuso al pubblico.


Giurisprudenza annotata

Regole generali

In materia di termini processuali stabiliti a giorni, la proroga prevista dall'art. 172, comma 3, c.p.p. con riferimento ai giorni festivi riguarda esclusivamente la scadenza dei termini stessi e non anche l'inizio della loro decorrenza, che dunque non è prorogata di diritto nell'ipotesi in cui il primo giorno sia festivo. (Fattispecie, in tema di appello, in cui il primo giorno di decorrenza del termine per proporre impugnazione era festivo). (Rigetta, App. L'Aquila, 01/03/2013 )

Cassazione penale sez. II  14 maggio 2014 n. 24277  

 

In tema di turbative nello svolgimento di manifestazioni sportive, il termine massimo di 96 ore per la convalida del provvedimento del questore, impositivo dell'obbligo di presentazione all'autorità di p.s. decorre dall'ora della notificazione e non è soggetto alla proroga di diritto prevista dall'art. 172, comma 3, c.p.p. per i termini stabiliti a giorni che scadono in giorno festivo. (Annulla senza rinvio, G.i.p. Trib. Napoli, 22/03/2013)

Cassazione penale sez. III  20 febbraio 2014 n. 17288  

 

Il termine stabilito per il deposito delle liste testimoniali è computato in giorni interi e liberi e dunque allo stesso non si applica la proroga automatica del termine che scade in un giorno festivo stabilito dal comma terzo dell'art. 172 c.p.p. Rigetta, App. Bari, 03/05/2011

Cassazione penale sez. V  30 novembre 2012 n. 1139  

 

In tema di decorrenza dei termini di custodia cautelare, la previsione di cui all'art. 297, comma primo, cod. proc. pen. - per la quale gli effetti della custodia cautelare decorrono dal momento della cattura, dell'arresto o del fermo - deroga alla disciplina generale che prevede la non computabilità del "dies a quo" (art. 14, comma secondo, cod. pen. e 172, comma quarto, cod. proc. pen.). Annulla senza rinvio, Trib. lib. Napoli, 13/01/2012

Cassazione penale sez. VI  23 maggio 2012 n. 22035  

 

In tema di computo dei termini processuali, la regola posta dall'art. 172, comma 3, c.p.p., secondo cui il termine stabilito a giorni, che cade in giorno festivo, è prorogato di diritto al giorno successivo non festivo, si applica anche agli atti e ai provvedimenti del giudice, e si riferisce, pertanto, anche al termine per la redazione della sentenza.

Cassazione penale sez. un.  29 settembre 2011 n. 155  

 

La regola per cui il termine stabilito a giorni, il quale scade in giorno festivo, è prorogato di diritto al giorno successivo non festivo, posta nello specifico dall'art. 172, comma 3, c.p.p., si applica anche agli atti e ai provvedimenti del giudice, e si riferisce perciò anche al termine per la redazione della sentenza.

Cassazione penale sez. un.  29 settembre 2011 n. 155  

 

In materia di termini processuali stabiliti a giorni, la proroga prevista dall'art. 172, comma terzo, cod. proc. pen. con riferimento ai giorni festivi riguarda esclusivamente la scadenza dei termini stessi, e non anche l'inizio della loro decorrenza, la quale dunque non è prorogata di diritto anche quando debba essere riferita, in concreto, ad un giorno festivo. Rigetta, App. Campobasso, 8 Maggio 2008

Cassazione penale sez. III  19 novembre 2008 n. 133  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti