codice-proc-penale
Codice proc. penale agg.  al  4 Mag 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 216 cod. proc. penale: Altre ricognizioni

1. Quando dispone la ricognizione di voci, suoni o di quanto altro può essere oggetto di percezione sensoriale, il giudice procede osservando le disposizioni dell’articolo 213, in quanto applicabili.

2. Si applicano le disposizioni dell’articolo 214 comma 3.


Giurisprudenza annotata

Altre ricognizioni

Il riconoscimento di un oggetto di percezione sensoriale, quale uno scritto privo di firma, effettuato nel corso della deposizione di persona esaminata nelle forme di cui all'art. 210 c.p.p., che ha esibito l'atto, trova il suo paradigma nella testimonianza assistita del soggetto, il quale, nel riferire quanto a sua conoscenza in ordine ai fatti contestati agli imputati, si attribuisce la paternità di un documento mancante della sottoscrizione. Esso, pertanto, deve essere tenuto distinto dalla ricognizione disciplinata dall'art. 216 c.p.p. ed è inquadrabile tra le prove non disciplinate dalla legge di cui all'art. 189 c.p.p.

Cassazione penale sez. I  14 aprile 2005 n. 21034  

 

Sono utilizzabili, salvo la verifica di attendibilità del teste da compiersi nel dibattimento, i verbali di riconoscimento vocale dell'identità degli interlocutori delle conversazioni intercettate, da parte degli ufficiali di polizia che avevano ascoltato le telefonate, redatti a seguito di attività integrativa di indagine svolta dal pubblico ministero dopo la richiesta di rinvio a giudizio, in quanto per lo svolgimento di tale incombente non sono previste le formalità della perizia e quindi non è necessaria la partecipazione dell'imputato o del suo difensore. (Rigetta in parte, App. Catanzaro, 6 Giugno 2005)

Cassazione penale sez. I  06 marzo 2007 n. 22722



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti