Codice proc. penale Agg. il 8 maggio 2015

Codice proc. penale Art. 232 cod. proc. penale: Liquidazione del compenso al perito

Codice proc. penale Agg. il 8 maggio 2015



1. Il compenso al perito è liquidato con decreto del giudice che ha disposto la perizia, secondo le norme delle leggi speciali.

Giurisprudenza annotata

Liquidazione del compenso al perito

La liquidazione dell'onorario del consulente tecnico del pubblico ministero compete, ai sensi dell'art. 73 disp. att. c.p.p., al pubblico ministero, in quanto organo giudiziario che lo ha nominato, e non al giudice procedente.

Cassazione penale sez. un.  28 novembre 2013 n. 9605  

 

Compete al magistrato procedente, che ha la disponibilità del fascicolo, provvedere alla liquidazione delle spettanze agli ausiliari del magistrato. E' pertanto da considerarsi abnorme il provvedimento con il quale il Tribunale avanti il quale pende il processo rimette gli atti al PM affinché provveda sul punto.

Cassazione penale sez. IV  30 novembre 2012 n. 2819  

 

Non spetta al giudice del dibattimento ma al p.m. provvedere alla liquidazione dei compensi dovuti al consulente da quest'ultimo nominato, dovendosi al riguardo fare riferimento al disposto di cui all'art. 73 delle norme di attuazione del c.p.p., da ritenersi non derogato da quello di cui all'art. 168 del t.u. sulle spese di giustizia approvato con d.P.R. 30 maggio 2002 n. 115.

Cassazione penale sez. I  10 ottobre 2012 n. 46673  

 

L'affidamento di un incarico collegiale a periti o consulenti tecnici implica l'esercizio di un potere discrezionale nella liquidazione del compenso soltanto ove a costoro non siano richieste competenze tecniche diversificate, spettando inoltre all'autorità giudiziaria l'obbligo di fornire motivazioni adeguate della nomina plurima e la facoltà di aumentare il compenso in base all'impegno effettivamente richiesto al singolo professionista per l'espletamento dell'incarico.

Cassazione penale sez. III  01 aprile 2009 n. 18356  

 

Ai fini della liquidazione degli onorari del Ctu, deve aversi riguardo all’accertamento richiesto dal giudice e, se si tratta di accertamento plurimo, ancorché in base ad incarico unitario, è legittima la liquidazione degli onorari sommando quelli relativi a ciascuno dei distinti accertamenti richiesti.

Cassazione penale sez. IV  11 novembre 2008 n. 44564  



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK