codice-proc-penale
Codice proc. penale agg.  al  9 Apr 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 48 cod. proc. penale: Decisione

1. La Corte di cassazione decide in camera di consiglio a norma dell’articolo 127, dopo aver assunto, se necessario, le opportune informazioni.

2. Il Presidente della Corte di cassazione, se rileva una causa d’inammissibilità della richiesta, dispone che per essa si proceda a norma dell’articolo 610, comma 1.

3. L’avvenuta assegnazione della richiesta di rimessione alle sezioni unite o a sezione diversa dall’apposita sezione prevista dall’articolo 610, comma 1, è immediatamente comunicata al giudice che procede.

4. L’ordinanza che accoglie la richiesta è comunicata senza ritardo al giudice procedente e a quello designato. Il giudice procedente trasmette immediatamente gli atti del processo al giudice designato e dispone che l’ordinanza della Corte di cassazione sia per estratto comunicata al pubblico ministero e notificata alle parti private.

5. Fermo quanto disposto dall’articolo 190-bis, il giudice designato dalla Corte di cassazione procede alla rinnovazione degli atti compiuti anteriormente al provvedimento che ha accolto la richiesta di rimessione, quando ne e’ richiesto da una delle parti e non si tratta di atti di cui è divenuta impossibile la ripetizione. Nel processo davanti a tale giudice, le parti esercitano gli stessi diritti e facoltà che sarebbero loro spettati davanti al giudice originariamente competente.

6. Se la Corte rigetta o dichiara inammissibile la richiesta delle parti private queste con la stessa ordinanza possono essere condannate al pagamento a favore della cassa delle ammende di una somma da 1.000 euro a 5.000 euro.


Giurisprudenza annotata

Decisione

È manifestamente infondata la q.l.c. - in relazione agli art. 3, 24, comma 2, 111, 117 cost. e 6 Cedu - dell'art. 48 c.p.p. nella parte in cui non prevede, nel procedimento dinanzi la Corte di cassazione, la partecipazione personale dell'interessato ed il diritto di essere sentito. (In motivazione la Corte ha evidenziato che la partecipazione personale deve considerarsi un diritto costituzionalmente tutelato dell'imputato solo in quei procedimenti in cui viene trattato il merito dell'accusa penale, potendo, invece, in altri essere garantito il diritto di difesa e del contraddittorio attraverso la rappresentanza dei difensori).

Cassazione penale sez. VI  06 maggio 2013 n. 22113  

 

In tema di rimessione è da escludere che le parti private abbiano titolo per partecipare all'udienza camerale di discussione, atteso che il richiamo, contenuto nell'art. 48, comma 1, c.p.p., alla disciplina dettata dall'art. 127 c.p.p. non esclude l'operatività del disposto di cui all'art. 614, comma 2, c.p.p., secondo cui nel giudizio di cassazione le parti private possono comparire solo a mezzo dei propri difensori, nulla rilevando in contrario il fatto che lo stesso, citato comma 1 dell'art. 48 c.p.p., attribuisca alla Corte di cassazione il potere di assumere, "se necessario, le opportune informazioni", posto che un tale potere comporta solo la possibilità di acquisire dati informativi di esclusiva o prevalente natura cartolare, ma non quella di svolgere attività istruttoria assimilabile a quella propria dei giudici di merito; il che, manifestamente, non si pone in contrasto né con gli art. 3, 24, comma 2, e 111, comma 2, cost., né con l'art. 6 della convenzione europea dei diritti dell'uomo.

Cassazione penale sez. VI  06 maggio 2013 n. 22113  

 

La parte processuale che non ha proposto istanza di rimessione non ha diritto di intervenire in alcun modo nell'udienza camerale non partecipata fissata, su iniziativa di un'altra parte, dal presidente della Corte di Cassazione ai sensi dell'art. 48, comma secondo, cod. proc. pen. Dichiara inammissibile, Trib. Foggia, 25 ottobre 2012

Cassazione penale sez. VII  07 febbraio 2013 n. 14010

 

Il giudice del dibattimento, ove riceva la comunicazione del presidente della Corte di cassazione ex art. 48 comma 3 c.p.p. nuovo testo, deve sospendere il dibattimento, tanto nel caso in cui non abbia avuto ancora inizio la discussione finale, quanto nell'ipotesi in cui detta fase sia in atto, ma le parti non abbiano ultimato le proprie conclusioni.

Tribunale Milano  25 novembre 2002

 

È manifestamente inammissibile la q.l.c. degli art. 46 comma 3, 47 commi 1 e 2, 48 comma 4 e 49 comma 2 c.p.p., sollevata in riferimento agli art. 3, 25 comma 1, 97 comma 1, 101 comma 2 e 112 cost. e relativa alla parte in cui gli articoli impugnati fanno divieto al giudice del merito di sindacare l'ammissibilità e la fondatezza della richiesta di rimessione nonché di pronunciare sentenza fino a che non sia intervenuta l'ordinanza della Cassazione che la dichiara inammissibile o la rigetta (la Corte ha precisato che la sentenza n. 353 del 1996 ha già dichiarato l'illegittimità dell'art. 47 comma 1 c.p.p., là dove prevedeva in capo al giudice quest'ultimo divieto, riconoscendo così al medesimo giudice il potere di sindacare l'ammissibilità della richiesta di rimessione, sia pure al solo scopo di valutare se pronunciare la sentenza).

Corte Costituzionale  10 gennaio 1997 n. 5  

 

Nell'ipotesi di rigetto o di dichiarazione di inammissibilità della richiesta di rimessione presentata dall'imputato, consegue obbligatoriamente la sua condanna al pagamento delle spese del procedimento, oltre a quella facoltativa, prevista dall'art. 48 comma 4 c.p.p., al pagamento di una somma di denaro a favore della cassa delle ammende; in tema di procedimenti incidentali, infatti, deve trovare applicazione il principio generale, fissato per tutti i giudizi da celebrarsi davanti alla Corte di cassazione (ivi compresi quelli riservati alla sua competenza funzionale).

Cassazione penale sez. I  15 luglio 1996 n. 4633  

 

In tema di rimessione del processo, quando la relativa richiesta venga rigettata o dichiarata inammissibile, il richiedente deve, in applicazione dei principi generali, essere in ogni caso condannato, pur nel silenzio serbato, in proposito, dall'art. 48 comma 3 c.p.p. (il quale si limita a prevedere la possibilità della condanna al pagamento di una somma in favore della Cassa delle ammende), al pagamento delle spese del procedimento.

Cassazione penale sez. I  15 luglio 1996 n. 4633  

 

Tra i poteri riconosciuti alla Corte di cassazione dal comma 1 dell'art. 48 c.p.p. di richiedere le opportune informazioni non rientra quello di disporre l'acquisizione di atti estranei al processo, compiuti nell'ambito di un procedimento finalizzato all'eventuale esercizio dell'azione disciplinare nei confronti dei magistrati da parte del Ministro di grazia e giustizia e incidenti sulla posizione di altri soggetti, le cui esigenze di riservatezza potrebbero essere frustrate dalla pubblicazione della relazione di ispezione ministeriale.

Cassazione penale sez. I  11 giugno 1996 n. 4024  

 

Posto il carattere di incidentalità del procedimento di rimessione rispetto a quello principale, una volta che il giudice procedente, ai sensi dell'art. 48 c.p.p., ha disposto la trasmissione degli atti al giudice designato, viene privato con effetto immediato della competenza di quel determinato processo con la conseguenza che non può più legittimamente utilizzare quella competenza in ordine ai procedimenti incidentali che possono insorgere nell'ambito dello sviluppo del processo principale. In mancanza di un'espressa deroga, il procedimento soggiace alle medesime regole che delimitano la competenza del giudice in relazione al processo dal cui ambito trae origine.

Cassazione penale sez. V  09 novembre 1995 n. 2560  

 

La decisione che la Corte di cassazione deve adottare, ai sensi dell'art. 48 c.p.p., sulla richiesta di rimessione, deve aver luogo, per l'espresso richiamo contenuto nel primo comma di detto articolo, nelle forme previste dall'art. 127 c.p.p.; il che comporta la necessità che dell'udienza camerale sia dato avviso a tutte le parti del processo nell'ambito del quale la richiesta è stata formulata; parti che, per la peculiarità del giudizio di cassazione, vanno tuttavia identificate nei soli difensori di quelle private, oltre che nel procuratore generale presso la Corte Suprema. Non può infatti considerarsi sufficiente, ai fini della valida instaurazione del contraddittorio, la previa notifica della richiesta di rimessione che, ai sensi dell'art. 46 comma 1 c.p.p., la parte richiedente è tenuta a fare nei confronti delle altre parti, giacché l'adempimento di tale incombenza comporta soltanto, per le altre parti, la conoscenza del fatto che la richiesta è stata avanzata, ma non le informa della data di svolgimento dell'udienza camerale di trattazione e non le pone, quindi, nella condizione di far valere le proprie ragioni in un giudizio che, in ipotesi di accoglimento della richiesta, verrebbe ad incidere su un diritto costituzionalmente garantito, quale è quello della precostituzione del giudice naturale.

Cassazione penale sez. I  29 novembre 1994



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti