codice-proc-penale
Codice proc. penale agg.  al  23 Apr 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 482 cod. proc. penale: Diritto delle parti in ordine alla documentazione

1. Le parti hanno diritto di fare inserire nel verbale, entro i limiti strettamente necessari, ogni dichiarazione a cui abbiano interesse, purché non contraria alla legge. Le memorie scritte presentate dalle parti a sostegno delle proprie richieste e conclusioni sono allegate al verbale.

2. Il presidente può disporre, anche di ufficio, che l’ausiliario dia lettura di singole parti del verbale al fine di verificarne la fedeltà e la completezza. Sulla domanda di rettificazione o di cancellazione nonché sulle questioni relative a quanto previsto dal comma 1, il presidente decide con ordinanza.

 


Giurisprudenza annotata

Diritto delle parti in ordine alla documentazione

Il deposito in cancelleria, invece che in udienza, per l'allegazione al relativo verbale delle memorie scritte presentate dalle parti a sostegno delle conclusioni dibattimentali, non determina nullità, bensì una mera irregolarità.

Cassazione penale sez. II  20 maggio 2008 n. 25525  

 

Nel nuovo codice di rito non è più contemplato l'istituto dell'incidente di falso, che disciplinava l'impugnazione di un atto o documento del processo denunziato per falsità, di tal che, nel caso in cui sia denunziata la falsità del verbale di dibattimento, il giudicante può procedere liberamente alla valutazione della denunzia medesima (artt. 193 e 241 c.p.p.), salvo l'obbligo di trasmettere gli atti al p.m. qualora, all'esito del giudizio, abbia disatteso il contenuto del documento ravvisandone la falsità sulla base della valutazione delle risultanze processuali. (Nell'affermare il principio di cui in massima la Cassazione ha altresì evidenziato come la verifica sulla fedeltà e completezza del verbale di udienza possa esser provata utilizzando il disposto dell'art. 482 c.p.p., che al riguardo fornisce poteri ordinatori al presidente del collegio giudicante o al pretore, cui la norma è estensibile ex art. 549 c.p.p.).

Cassazione penale sez. V  10 gennaio 1994

 

La trascrizione entro tre giorni dei nastri impressi con i caratteri della stenotipia (art. 483 comma 2 c.p.p.) non viola il diritto all'assistenza difensiva, in quanto non è ricollegabile al diritto di immediata verifica della fedeltà e completezza del verbale (art. 482 comma 2), la prima presuppone infatti nastri già impressi e quindi un dibattimento già esaurito, mentre il secondo riguarda invece un verbale in formazione: giusta ma maggiore complessità di formalizzazione del verbale stenotipico. È infondata la questione di illegittimità costituzionale degli art. 483 comma 2, 482 comma 2, 528 c.p.p. in relazione agli art. 3 e 24 comma 2 cost.: la trascrizione del verbale stenotipico entro tre giorni non altera il diritto di difesa, comunque esercitabile con i rimedi esperibili; nè viola il principio di razionalità e parità di trattamento, in quanto la facoltà di richiedere l'immediata interpretazione del verbale (ex art. 528 c.p.p.) spetta solo al giudice (e non anche alla parte) perché è il giudice che deve deliberare mentre le parti hanno già concluso.

Corte appello Venezia  13 ottobre 1992

 

È infondata la questione di illegittimità costituzionale degli art. 483 comma 2, 482 comma 2, 528 c.p.p., in relazione agli art. 3 e 24 comma 2 Cost.; la trascrizione del verbale stenotipico entro tre giorni non altera il diritto di difesa, comunque esercitabile con i rimedi esperibili; nè viola il principio di razionalità e parità di trattamento, in quanto la facoltà di richiedere l'immediata interpretazione del verbale (ex art. 528 c.p.p.) spetta solo al giudice (e non anche alla parte) perché è il giudice che deve deliberare mentre le parti hanno già concluso.

Corte appello Venezia  13 ottobre 1992



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti