codice-proc-penale
Codice proc. penale agg.  al  9 Apr 2015
 
L'autore
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore

 

Art. precedente Art. successivo
 

Art. 579 cod. proc. penale: Impugnazione di sentenze che dispongono misure di sicurezza

1. Contro le sentenze di condanna o di proscioglimento è data impugnazione anche per ciò che concerne le misure di sicurezza, se l’impugnazione è proposta per un altro capo della sentenza che non riguardi esclusivamente gli interessi civili.

2. L’impugnazione contro le sole disposizioni della sentenza che riguardano le misure di sicurezza è proposta a norma dell’articolo 680 comma 2.

3. L’impugnazione contro la sola disposizione che riguarda la confisca è proposta con gli stessi mezzi previsti per i capi penali.


Giurisprudenza annotata

Impugnazione di sentenze che dispongono misure di sicurezza

Il rinvio al giudice civile ex art. 622 c.p.p. opera tutte le volte che, decorso il tempo per l'accertamento del reato e venuti meno gli interessi penali del procedimento alla sanzione del reo, non essendo più competente il giudice penale ex art. 579 c.p.p., qualora l'accertamento penale si sia già esaurito, la responsabilità penale sia già stata acclarata e in ogni caso di statuizioni penalmente rilevanti come la declaratoria di intervenuta prescrizione.

Cassazione penale sez. VI  29 ottobre 2013 n. 7083  

 

In tema di impugnazioni, l'attrazione, ai sensi dell'art. 579 comma 1 c.p.p., dell'impugnazione dei capi della sentenza concernenti le misure di sicurezza nell'impugnazione proposta per altro capo non riguardante esclusivamente gli interessi civili, opera, rispetto al ricorso per cassazione, quando l'impugnazione dei predetti capi sia limitata ai soli motivi di legittimità. Fuori da tale ipotesi, invece, concorrono l'appello davanti al tribunale di sorveglianza sui capi concernenti le misure di sicurezza e il ricorso per cassazione sugli altri capi della sentenza.

Cassazione penale sez. VI  29 settembre 2011 n. 44433  

 

È manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 579 cod.proc.pen. in relazione agli artt. 3 e 24 Costit.. Sulla base di un' interpretazione costituzionalmente orientata, infatti, l'attrazione, ai sensi dell'art. 579, comma primo, cod. proc. pen., dell'impugnazione dei capi della sentenza concernenti le misure di sicurezza nell'impugnazione proposta per un altro capo non riguardante esclusivamente gli interessi civili, opera solo in due casi: rispetto al gravame di merito, qualora l'imputato sia abilitato a proporre appello limitatamente all'ipotesi di cui all'art. 603, comma secondo, cod.proc.pen.; rispetto al ricorso per cassazione, qualora l'impugnazione delle disposizioni concernenti le misure di sicurezza sia limitata ai soli motivi di legittimità. Fuori da tali casi, concorrono l'appello davanti al tribunale di sorveglianza sui capi concernenti le misure di sicurezza e il ricorso per cassazione sugli altri capi della sentenza. Dich. man. infon. quest. leg. cost., App. Torino, 20 Ottobre 2006

Cassazione penale sez. I  22 giugno 2007 n. 28015  

 

Le misure di sicurezza patrimoniali consentite sulla confisca prevista dall'art. 12 sexies l. n. 356 del 1992 vanno disposte sulla stessa sentenza che definisce il giudizio, alla stregua d'una interpretazione ragionevole e sistematica dell'art. 12 sexies in relazione all'art. 579 c.p.p., giacché un confisca disposta dopo l'emissione della decisione e prima del passaggio in giudicato della stessa pregiudicherebbe il contraddittorio e il diritto di difesa.

Tribunale Avellino  01 luglio 2004 n. 200

 

Il terzo rimasto estraneo al giudizio in cui sia stata disposta, con sentenza non irrevocabile, la confisca della cosa già oggetto di sequestro preventivo, non ha il diritto di impugnare la sentenza per il capo riguardante la misura di sicurezza patrimoniale, a norma dell'art. 579 comma 3 c.p.p., ma può presentare istanza di restituzione del bene confiscato al giudice che ha la disponibilità del procedimento, il quale può decidere, applicando analogicamente la procedura di cui agli art. 676 comma 1 e 667 comma 4 stesso codice, senza formalità, con ordinanza - da comunicare al p.m. e da notificare all'interessato - non suscettibile di impugnazione, ma solo di opposizione dinanzi allo stesso giudice.

Cassazione penale sez. II  14 marzo 2001 n. 14146  

 

In forza del disposto di cui all'art. 579 comma 2 c.p.p., quando non sono impugnati capi di sentenza sulla responsabilità penale, il giudizio sull'impugnazione avverso sentenze che dispongono misure di sicurezza compete al tribunale di sorveglianza; tale competenza, in relazione a dette sentenze, sussiste anche nel caso in cui l'impugnazione ha ad oggetto misure di sicurezza applicate con sentenze di secondo grado, in quanto l'applicazione di una misura di sicurezza non può prescindere da un accertamento positivo della pericolosità sociale, non solo nel momento della concreta esecuzione ma anche nel momento della sua applicazione. Dovendosi quindi il giudizio sulla concreta pericolosità effettuare anche nel grado di appello, la cognizione dell'impugnazione su tale capo è demandata al giudice specializzato anche se ha ad oggetto una sentenza di secondo grado, e ciò perché la magistratura di sorveglianza ha una competenza generale ed istituzionalizzata in relazione alle misure di sicurezza. (Nella fattispecie, in applicazione di tale principio, la S.C. ha disposto la trasmissione degli atti al competente tribunale di sorveglianza, previa qualificazione del ricorso proposto dall'imputato come impugnazione ex art. 680 c.p.p.).

Cassazione penale sez. I  25 giugno 1996 n. 7930  

 

In tema di misure di sicurezza personali, la decisione pronunziata al riguardo dal giudice della cognizione è impugnabile, ai sensi degli art. 579 e 680 c.p.p., davanti al tribunale di sorveglianza quando la sentenza sia impugnata per la sola disposizione riguardante la misura di sicurezza personale ovvero quando l'impugnazione comprenda anche altri capi penali, davanti al tribunale del riesame, per le ordinanze ex art. 312-313 c.p.p. (applicazione provvisoria di misure di sicurezza), e davanti alla corte d'appello per le sentenze.

Cassazione penale sez. I  08 marzo 1996 n. 3450  



 
Art. precedente Art. successivo
 

 
Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Google + e Twitter. Iscriviti alla newsletter

 

 

© Riproduzione riservata

 
 
Commenti

 
 
 
 
 


   Profiler output