Diritto e Fisco | Articoli

Finti certificati di malattia: conseguenze per il medico di famiglia

12 marzo 2012 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 12 marzo 2012



Sanzione disciplinare per il medico che rilascia il certificato di malattia senza visitare il paziente.

Il medico di base che rilascia un certificato di malattia al lavoratore, senza però visitarlo, può essere sospeso dall’esercizio della professione per un mese.

Ad affermarlo è una recente sentenza della Cassazione [1].

I consueti certificati medici, con attestazioni quali “assente per indisposizione” o, peggio, “per malattia”,  successivamente inviati al datore di lavoro e all’ente previdenziale, devono essere redatti non sulla scorta di quanto dichiarato, al medico, dal paziente sul proprio stato di salute.  Il dottore deve invece accertare personalmente le asserite patologie con un’apposita visita; diversamente, trattandosi di certificati che in realtà non attestano alcunché, egli rischia la sanzione disciplinare.

Giro di vite, dunque, sulle continue assenze dal posto di lavoro dei malati immaginari; i medici sono obbligati a un’attenta osservazione dei propri pazienti prima di rilasciare i certificati.

 

 

note

[1] Cass. civ., sent. n. 3705 del 9 marzo 2012.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI