Premi di produzione detassati nel 2016

16 ottobre 2015


Premi di produzione detassati nel 2016

> Diritto e Fisco Pubblicato il 16 ottobre 2015



Legge di Stabilità: ripristinata la detassazione dei premi di produttività per i lavoratori virtuosi e più volenterosi; decontribuzione per le nuove assunzioni anche nel 2016, ma con importi ridotti.

Una delle misure più attese per il 2016, oggi ufficialmente confermata dal Governo, è il rispristino della detassazione del premio di produttività: la legge di Stabilità per il 2016, appena approvata dall’Esecutivo, ha infatti appositamente stanziato 430 milioni nel 2016, che salgono a 589 milioni gli anni successivi.

L’importante novità dell’ultimo minuto è l’ampliamento della fascia dei beneficiari, ai redditi che percepiscono fino a 50mila euro lordi annui. Risultato: anche i quadri, oltre agli impiegati e agli operai, potranno godere dell’agevolazione fiscale.

In precedenza, con l’entrata in vigore del bonus in questione, i beneficiari erano solo i lavoratori con un reddito oscillante tra i 30 e i 40mila euro. Per l’anno in corso, invece, il bonus è stato soppresso per via della mancanza di copertura finanziaria: infatti nel 2015 i dipendenti si sono visti tassare gli ambiti premi produttività. Con la contrattazione aziendale si potrà stabilire una quota di retribuzione legata al raggiungimento di determinati risultati aziendali, che fino a 2.500 euro di importo sarà soggetta alla tassazione al 10%. Un comunicato di Palazzo Chigi spiega che dovranno essere creati istituti partecipativi, come le commissioni bilaterali, altrimenti il limite è di 2mila euro.

Ora la nuova legge di stabilità 2016 ha fissato fino a 2.500 euro l’importo del premio legato al raggiungimento di obiettivi di produttività e redditività aziendali che viene assoggettato alla tassazione del 10%.

Ulteriore novità anticipata dal Governo è la possibilità, per le aziende, di distribuire ai dipendenti gli utili fino a 2.500 euro, che saranno anche in questo caso tassati al 10%.

Sempre la legge di Stabilità ha confermato il bonus fiscale per il caso di nuove assunzioni di dipendenti a tempo indeterminato. La misura, già prevista per il 2015, viene prorogata anche per il 2016 attraverso la decontribuzione degli oneri previdenziali e varrà per le assunzioni con contratto a tutele crescenti o per le stabilizzazioni dei contratti a termine.

Rispetto all’anno passato, lo sgravio contributivo sarà più leggero: viene infatti a 3.250 euro annui rispetto agli attuali 8.060 euro previsti per le assunzioni effettuate nel 2015. Quanto al meccanismo, rimane confermata l’attuale impostazione, ovvero il principio della “semplicità e dell’universalità” della decontribuzione: non è passata la linea di quanti volevano destinare lo sgravio solo a determinate categorie (le assunzioni al sud, di donne o di giovani) o fissare alcuni “paletti” (il bonus concesso solo se legato alla creazione di nuova occupazione).


Viene confermata e ampliata la tassazione al 10% dei premi di produttività fino a 2.500 euro: infatti sale a 50mila euro il limite di reddito entro cui la misura è attivabile. Resta anche la decontribuzione per le nuove assunzioni ma viene ridotta al 40 per cento per 24 mesi

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI