Tech | Articoli

Licenziati dai computer

13 Marzo 2012 | Autore:
Licenziati dai computer

Lavoratori rimpiazzati dalla tecnologia: licenziamento legittimo se la prestazione del dipendente è divenuta inutile e non c’è possibilità di ricollocamento in azienda.

Festa delle donne, ma non dei ragionieri: lo scorso otto marzo, la Cassazione [1] ha emesso una sentenza che segna i tempi in materia di licenziamenti e nuove tecnologie.

Ecco il principio enucleato dalla Corte: è possibile mettere a riposto il contabile quando l’azienda, specie se in crisi, abbia acquistato un software gestionale tale da rendere del tutto inutile e superflua la prestazione del lavoratore.

Se dunque la tecnologia fa risparmiare tempo e denaro sono leciti i licenziamenti, sempre che il lavoratore non dimostri la possibilità del suo reimpiego in altri settori aziendali (cd repēchage).

Vittima della tecnologia e dell’evoluzione informativa, il dipendente non può opporsi al licenziamento e alla ristrutturazione aziendale high-tech.

 

 


note

[1] Cass. sent. n. 3629 dell’8 marzo 2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube