Credito d’imposta: doppio bonus acquisto mobili per coppie giovani

18 ottobre 2015


Credito d’imposta: doppio bonus acquisto mobili per coppie giovani

> Diritto e Fisco Pubblicato il 18 ottobre 2015



Legge di Stabilità 2016: proroga per le detrazioni su acquisto mobili, ristrutturazioni ed ecobonus: le giovani coppie che acquistano casa principale avranno il doppio della detrazione.

Il bonus sull’acquisto di mobili, che prevede la detrazione fiscale del 50% sulla spesa per letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli sedie, divani e poltrone, materassi, illuminazione, ecc., sarà raddoppiato per le coppie giovani che acquistano un’abitazione: è la novità dell’ultimo minuto che spunta dalla bozza della legge di Stabilità per il 2016. In pratica, i beneficiari potranno spendere fino a 20mila euro l’anno (e non 10mila come tutti gli altri contribuenti) continuando a sfruttare l’agevolazione fiscale. Con il raddoppio del tetto di spesa agevolata, l’entità del credito di imposta, che viene spalmato su dieci anni, passa quindi, a sua volta, da 5mila a 10mila euro (infatti la detrazione è sul 50% della spesa), da suddividere in 10 rate di eguale importo.

Non solo. La parte più interessante sta nel fatto che, per la prima volta, l’ottenimento del bonus verrà slegato agli interventi di ristrutturazione agevolati. In pratica, se oggi chi vuole usufruire della detrazione fiscale sull’acquisto di mobili deve aver effettuato lavori di ristrutturazione in casa che usufruiscano pure dello stesso credito di imposta al 50%, con la nuova norma per le giovane coppie questo legame si spezza e il bonus verrà invece ancorato alla presenza di un’altra condizione: l’acquisto di nuova casa a titolo di abitazione principale.

Chi potrà usufruirne?

Secondo la bozza della legge di stabilità il bonus raddoppiato spetterà solo alle coppie con meno di 35 che acquistano una casa. In questo modo, si tenta, in vi sperimentale, di sfruttare l’incentivo che tanto bene ha fatto al settore edilizio, anche a quello immobiliare, nella speranza che ciò serva a trascinare i consumi sull’acquisto di nuove case.

Cosa cambia?

Per il resto, il credito di imposta del 50% per i lavori di ristrutturazione in casa e quello del 65% per i lavori di efficientamento energetico (cosiddetto ecobonus) vengono confermati con tutte le componenti degli altri anni, come l’entità massima degli importi in detrazione e il periodo di ammortamento (96mila euro, ammortizzabile in 10 anni). Leggi l’approfondimento “Bonus mobili, ecobonus e ristrutturazione anche per il 2016”.

L’agevolazione sarà confermata anche per il 2016 nonostante la forte spinta delle forze parlamentari a stabilizzarlo a tempo indeterminato.

Viene inoltre previsto l’allargamento dell’ecobonus anche alle case popolari e, in particolare, agli ex-Iacp.

L’ecobonus del 65% potrà riguardare sia gli interventi per incrementare l’efficienza energetica del singolo appartamento, sia i lavori sulle parti comuni degli immobili condominiali. Lo sgravio potrà coprire l’acquisto e sostituzione di infissi e caldaie ma anche di schermature solari (frangisole).

Viene confermo, per il 2016, anche lo sgravio del 65% sugli interventi di adeguamento antisismico e la messa in sicurezza degli edifici esistenti, nonché per aumentare l’efficienza idrica e il rendimento energetico, a condizione che l’immobile sia situato nelle zone classificate 1 o 2 di rischio sismico sulla mappa nazionale.

Bonus mobili. Come detto, è stato prorogato anche il beneficio per l’acquisto di mobili, nell’ambito di interventi di ristrutturazione, per come ha funzionato negli anni passati: detrazione del 50% fino a un massimo 10mila euro per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici almeno di classe A+ (e classe A per i forni).

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI