Diritto e Fisco | Articoli

Coca e Pepsi decidono di cambiare ricetta per non chiudere

13 marzo 2012


Coca e Pepsi decidono di cambiare ricetta per non chiudere

> Diritto e Fisco Pubblicato il 13 marzo 2012



Coca Cola e Pepsi tentano di rimediare allo scandalo sulle sostanze cancerogene: eliminati gli ingredienti nocivi.

Dopo la notizia di due giorni fa secondo cui il colorante “caramello” usato da Coca Cola e Pepsi sarebbe cancerogeno e la prevedibile bufera piombata sulle due case produttrici, è giunto il prevedibile comunicato ufficiale da parte di queste ultime.

Le parole di Diana Garza-Ciarlante, rappresentante della Coke, rilasciate (secondo quanto ripotato da Yahoo! notizie) alla Bbc e ad Associated Press, suonano un po’ come una smentita, un po’ come un atto di scuse (postumo).

“Siamo certi che non vi sia alcun rischio per la salute pubblica che possa giustificare dei cambiamenti [nella ricetta], ma abbiamo ugualmente chiesto ai nostri fornitori di caramello di tenerne conto, affinché i nostri prodotti non siano bersagliati da messaggi allarmanti scientificamente infondati”.

I consumatori – chiariscono i vertici delle aziende – non si accorgeranno di nulla, se non del colore leggermente più chiaro.

L’ingrediente che minaccia il fallimento delle due major del drink si chiama 4-medilimidazolo (nelle etichette lo troverete sotto la sigla E150D). Alcuni studi condotti sui topi e ratti evidenziano la correlazione tra tale colorante e l’insorgenza di tumori.

 

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI