HOME Articoli

Lo sai che? Sgravi fiscali lavoratori, detassazione produttività al 10%

Lo sai che? Pubblicato il 19 ottobre 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 19 ottobre 2015

La legge di Stabilità 2016 prevede la detassazione dei salari di produttività, del welfare aziendale e della partecipazione agli utili.

Nuovi sgravi per la produttività e per gli incentivi aziendali ai dipendenti in arrivo, grazie alla Legge di Stabilità 2016: torna, infatti, la tassazione ridotta al 10%, sino a un massimo di 2.000 Euro per lavoratore.

L’agevolazione, in particolare, consiste nell’applicazione di un’aliquota ridotta pari al 10% ,in favore dei dipendenti, sui seguenti emolumenti:

salari di produttività;

– quote di partecipazione agli utili aziendali;

welfare derivante dalla contrattazione aziendale.

Il tetto di 2.000 Euro detassabili può essere esteso a 2.500 Euro, per le quote di partecipazione agli utili aziendali.

Gli sgravi, tuttavia, non saranno applicabili a tutti i lavoratori, ma soltanto a chi possiede redditi non superiori a 50.000 Euro.

Bisogna ricordare, poi, che la detassazione può applicarsi solo previa firma di accordi sindacali: nel dettaglio, la Legge di Stabilità 2016 prevede che il salario di produttività debba essere obbligatoriamente definito da accordi aziendali o territoriali, firmati da organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

In pratica, se da una parte vige l’obbligo di coinvolgere i sindacati attraverso gli accordi collettivi, dall’altra parte sono state escluse dalla detassazione tutte le voci già inserite nei contratti collettivi nazionali.

Sono, inoltre, esplicitamente esclusi i cosiddetti superminimi (aumenti retributivi rispetto ai minimi contrattuali previsti per ogni livello) e gli assegni ad personam (ossia importi extra contrattati o assegnati individualmente).

Ma che cosa s’intende con le diciture “salari di produttività”, “partecipazione agli utili” e “welfare aziendale”? Vediamo insieme i dettagli, per capire quali voci dello stipendio sono, nel concreto, interessate dagli sgravi fiscali.

Salario di produttività

Per salario o premi di produttività s’intendono quelle voci extra corrisposte ai dipendenti per incrementi di produttività, qualità, redditività, innovazione o efficienza organizzativa.

Lo straordinario rientra negli incrementi legati alla produttività?

Si tratta di una discussione aperta da anni, e non ancora risolta definitivamente. La questione è stata parzialmente chiarita da una risoluzione dell’Agenzia delle Entrate [1], nella quale è precisato che gli straordinari rientrino nella detassazione solo qualora siano riconducibili a incrementi di produttività, innovazione, efficienza organizzativa e ad altri elementi di redditività e competitività legati all’andamento economico aziendale. Dunque non si tratta di elementi detassabili in quanto tali, ma solo se correlati a parametri di produttività: il vincolo di relazione coi requisiti di produttività può sussistere, ad esempio, per lo straordinario forfettizzato, per i dipendenti non vincolati all’orario di lavoro. Ad ogni modo, la prova del legame tra straordinario e produttività è in capo all’azienda, che può documentare la correlazione, ad esempio, con degli scritti al dipendente che motivino l’erogazione della somma.

Lo stesso ragionamento può essere applicato anche al lavoro supplementare (oltre l’orario part time contrattuale, ma entro il normale orario di 40 ore settimanali), al lavoro notturno ed alle turnazioni.

Welfare aziendale

Per welfare aziendale s’intendono tutte quelle misure, come benefits e servizi aggiuntivi ai dipendenti, che le aziende erogano non solo per migliorare la vita lavorativa e privata del personale, ma anche per far sì che, attraverso questo miglioramento, siano ottimizzati i risultati d’impresa.

Le misure possono essere divise nelle seguenti macro-aree:

assistenza sanitaria integrativa;

previdenza complementare;

– sostegno allo sviluppo familiare (asili nido aziendali, colonie, convenzioni con istituti ed associazioni sportive…);

– incentivi alla mobilità sostenibile;

– misure inerenti il benessere dell’individuo nel suo complesso;

conciliazione famiglia-lavoro (work life balance).

Le misure di welfare, comunque, qualora rientrino tra quelle già considerate esenti secondo il Testo Unico Imposte sui Redditi (Tuir) [2], mantengono l’ esenzione, anche se riconosciute come trattamenti alternativi ai premi aziendali.

Partecipazione agli utili

Le quote di partecipazione agli utili aziendali fanno parte delle categorie di emolumenti detassati: anche in questo caso, si tratta di benefits concessi ai dipendenti oltre alla normale retribuzione. Una partecipazione agli utili rende sicuramente i lavoratori più incentivati ad essere fautori di un miglioramento della produttività dell’azienda, favorendone un maggiore coinvolgimento attivo. La detassazione delle partecipazioni ha un tetto massimo di 2.500 Euro a dipendente.

note

[1] Ag. Entrate, Risoluzione 83/2010

[2] Art. 51 Tuir

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI