Professionisti Il nuovo atto di precetto, la formula

Professionisti Pubblicato il 20 ottobre 2015

Articolo di




> Professionisti Pubblicato il 20 ottobre 2015

Esecuzione forzata e pignoramento: l’atto di precetto, il contenuto del precetto e il modello con il fac simile.

L’atto di precetto consiste nell’intimazione di adempiere l’obbligo risultante dal titolo esecutivo entro un termine non minore di 10 giorni (salva l’autorizzazione del presidente del tribunale all’esecuzione immediata, qualora vi sia pericolo nel ritardo [1]), con l’avvertimento che, in mancanza, si procederà a esecuzione forzata.

Il precetto deve contenere a pena di nullità:

– l’indicazione delle parti,

– la data di notificazione del titolo esecutivo, se questa è fatta separatamente, o la trascrizione integrale del titolo stesso, quando è richiesta dalla legge. In quest’ultimo caso l’ufficiale giudiziario, prima della relazione di notificazione, deve certificare di avere riscontrato che la trascrizione corrisponde esattamente al titolo originale.

Nell’espropriazione forzata promossa in forza di decreto ingiuntivo, il precetto deve contenere l’indicazione delle parti, della data di notifica del decreto ingiuntivo, nonché del provvedimento che ha disposto l’esecutorietà e l’apposizione della formula esecutiva, in quanto la completa identificazione del titolo sostituisce [2] la notifica dello stesso, sicché, in assenza di tali indicazioni, l’atto è viziato [3], producendosi una nullità equivalente a quello che colpisce il precetto non preceduto dalla notifica del titolo esecutivo, non suscettibile di sanatoria per raggiungimento dello scopo con la mera proposizione dell’opposizione agli atti esecutivi [4].

A partire dal 21.08.2015 il codice di procedura civile [5] prevede che il precetto deve altresì contenere l’avvertimento che il debitore può, con l’ausilio di un organismo di composizione della crisi o di un professionista nominato dal giudice, porre rimedio alla situazione di sovraindebitamento concludendo con i creditori un accordo di composizione della crisi o proponendo agli stessi un piano del consumatore.

Il precetto deve contenere, infine, la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio della parte istante nel comune in cui ha sede il giudice competente per l’esecuzione. In mancanza, le opposizioni al precetto si propongono davanti al giudice del luogo in cui è stato notificato, e le notificazioni alla parte istante si fanno presso la cancelleria del giudice stesso.

Il precetto deve essere sottoscritto [6] e notificato alla parte personalmente [7].

Il nuovo atto di precetto

 

ATTO DI PRECETTO

Tizio, residente in …, via …, n. …, c.f. …., elettivamente domiciliato, ai fini del presente atto, in …, via …, n. .., presso lo studio dell’avv. …, c.f. …, fax …, il quale lo rappresenta e difende in virtù di procura in calce al presente atto, espone quanto segue.

PREMESSA

Con sentenza n. … pronunciata dal tribunale di … in data … depositata in cancelleria il …, spedita in forma esecutiva il ….., che si notifica unitamente al presente atto, il debitore Caio, c.f. …, residente in …, via …, n. …, è stato condannato al pagamento in favore dell’istante della somma di euro … a titolo di risarcimento danni per …, oltre a spese e compensi pari a euro …

Ciò premesso, Tizio, rappresentato e difeso come in atti

INTIMA E FA PRECETTO

a Caio di pagare, entro 10 gg. dalla notifica del presente atto, le seguenti somme:

– somma capitale euro …

– interessi legali dal … al … euro …

– compensi liquidati in sentenza euro …

– Cap euro …

– Iva euro …

per un totale di euro …, oltre interessi e spese legali del presente atto e del successivo procedimento esecutivo, con l’avvertimento che, in difetto, si procederà a esecuzione forzata e che il debitore può, con l’ausilio di un organismo di composizione della crisi o di un professionista nominato dal giudice, porre rimedio alla situazione di sovraindebitamento concludendo con i creditori un accordo di composizione della crisi o proponendo agli stessi un piano del consumatore.

…, …

Avv. ……..

Il-nuovo-volto-del-Processo-Civile,-del-Concordato-Preventivo-e-del-Fallimento

note

[1] Art. 482 cod. proc. civ.

[2] In forza dell’art. 654 cod. proc. civ.

[3] Ex art. 480 cod. proc. civ.

[4] Cass. sent. n. 22510/2014.

[5] Nuovo art. 480 cod. proc. civ.

[6] A norma dell’art. 125 cod. proc. civ.

[7] A norma dell’art. 137 e ss. cod. proc. civ.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI