Diritto e Fisco | Articoli

Assegno d’invalidità e indennità di disoccupazione: sono compatibili?

21 ottobre 2015 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 21 ottobre 2015



Lavoro come dipendente e percepisco l’assegno ordinario d’invalidità: se dovessi andare in disoccupazione lo perderei?

L’assegno ordinario d’invalidità (categoria IO), a differenza del trattamento d’invalidità civile, è incompatibile con la disoccupazione (Naspi, Aspi, Mini Aspi, Asdi, Dis-Coll, nonché ovviamente la vecchia DS e DS a requisiti ridotti): tuttavia, grazie a una recente sentenza della Corte Costituzionale [1], è possibile, per il disoccupato, optare tra il sussidio di disoccupazione e l’assegno d’invalidità ordinario.

Il diritto di opzione è stato riconosciuto anche da una successiva Circolare dell’Inps [2], nella quale l’Istituto si è conformato alle previsioni della sentenza della Corte Costituzionale: il lavoratore è libero, dunque, di scegliere il trattamento più conveniente, tra disoccupazione e invalidità ordinaria. L’opzione, peraltro, è valida anche per l’indennità di mobilità, egualmente incompatibile con l’assegno d’invalidità ordinario.

Nessun problema di compatibilità, invece, tra disoccupazione ed assegno d’invalidità civile, nei limiti della cumulabilità dei redditi: ma qual è la differenza tra i due trattamenti d’invalidità?

Invalidità ordinaria

L’assegno ordinario d’invalidità spetta ai soggetti che possiedono i seguenti requisiti:

– capacità lavorativa ridotta a meno di un terzo (cosiddetti invalidi al 67% e più) per infermità fisica o mentale;

– almeno 5 anni di contribuzione (260 settimane), di cui 3 anni versati nell’ultimo quinquennio (156 settimane).

L’assegno è compatibile con lo svolgimento dell’attività lavorativa ( a differenza della pensione d’inabilità).

Per ottenere il trattamento, è necessario corredare il modulo di domanda da inoltrare all’Inps (anche online, tramite il portale web dell’Istituto), dall’apposita certificazione medica SS3. In seguito, il lavoratore sarà convocato dalla commissione medica Inps per gli accertamenti: nel caso in cui la commissione si esprima positivamente, avrà diritto all’assegno per 3 anni. Dopo i 3 anni, sarà sottoposto a nuova visita: dopo 3 conferme, l’assegno diverrà definitivo. Raggiunti i requisiti per la pensione di vecchiaia (ridotti, rispetto alle previsioni della Legge Fornero), il trattamento è trasformato d’ufficio.

L’assegno ordinario d’invalidità è calcolato col metodo retributivo, per i contributi versati sino al 31 dicembre 1995; per i periodi posteriori, sarà calcolato col retributivo, sino al 31 dicembre 2011, se si possiedono più di 18 anni di contributi versati entro il 31 dicembre 1995, diversamente, dal primo gennaio 1996, col contributivo. Anche in caso di calcolo retributivo per le annualità successive al 1995, si è soggetti al calcolo contributivo dal primo gennaio 2012 (poiché la Legge Fornero, da quella data, ha introdotto il contributivo per tutti).

Da quanto esposto, emerge chiaramente che l’assegno ordinario d’invalidità è un trattamento previdenziale, che si basa sulla contribuzione versata.

Invalidità civile

Così non è per l’assegno d’invalidità civile, o di assistenza: si tratta, infatti, di un trattamento assistenziale, e non previdenziale, poiché prescinde dal versamento di contributi.

L’assegno d’invalidità civile, in particolare, spetta per gli invalidi con percentuale superiore al 74%: è compatibile con la disoccupazione, ma è incompatibile con qualsiasi pensione diretta d’invalidità, e con tutte le prestazioni pensionistiche d’invalidità per causa di guerra, di lavoro o di servizio, comprese le rendite Inail. L’interessato può comunque optare per il trattamento più favorevole.

Inoltre, l’assegno spetta sino ad un reddito massimo di 4.805,19 Euro, per l’anno 2015; la misura mensile del trattamento è di 279,75 Euro.

note

[1] C. Cost, sent. 234/2011.

[2] Inps Circ. 138/2011.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

7 Commenti

  1. L’assegno ordinario d’invalidità (categoria IO), a differenza del trattamento d’invalidità civile, è incompatibile con la disoccupazione (Naspi, Aspi, Mini Aspi, Asdi, Dis-Coll, nonché ovviamente la vecchia DS e DS a requisiti ridotti): tuttavia, grazie a una recente sentenza della Corte Costituzionale [1], è possibile, per il disoccupato, optare tra il sussidio di disoccupazione e l’assegno d’invalidità ordinario……..ma la norma è retroattiva?…nel 2007 sono stato licenziato , ma non ho percepito il trattamento di disoccupazione perché percepivo l’assegno ordinario di invalidità (€ 120,00 )mese sino al 2009 poi revocato definitivamente.
    All’epoca non era possibile scegliere, per cui ho perso c.ca€ 4-5000 di trattamento disoccupazione

  2. ho una pensione di inabbilita di 289.90 euro al mese e ho 5 anni di contributi se ne verso altre tre posso fare la domanda di disoccupazione e ho diritto alla pensione di inabbilita di 500 euro

  3. percepisco l assegno di invalidità civile al 100% di 289.90 euro al mese e ho 5 anni di contributi se ne verso altri 3 posso fare la domanda di inabbilita e percepire 500 euro al mese.e nei 3 anni posso fare la domanda di disoccupazione e prendere l assegno di disoccupazione.in attesa di una risposta un grazie anticipato

  4. Mia moglie ha 56 anni, dopo quasi 40 anni di contributi è stata licenziata per problemi cardiaci, di cui gli è stata data una invalidità a meno di un terzo, con assegno ordinario d’invalidità (categoria IO). Dopo 2 mesi ha dovuto optare per la NASPI, di cui percepisce tale disoccupazione da quasi due anni.
    Secondo voi una persona di 56 anni con una invalidità, riesce a trovare lavoro!!!! ma chi la piglia!!!! Il Governo su questo tema non si è mai pronunciato. A loro non interessa nulla, basta che stanno bene loro!!!! compreso cioccolatino Boeri, intoccabile perchè del PD, altra persona che è meglio perdere che trovare!!!!!

  5. volevo sapere se naspi in base al reddito di questa potrebbero avere compatibilità io sono in naspi da circa un anno e la cifra si abbassa sempre di più finita questa somma ridicola che fare…….io ho una invalidità al cento per cento qualcuno può rispondermi e dare informazioni dettagliate….grazie mille

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI