Diritto e Fisco | Articoli

Reato di minaccia: la differenza di età e sesso non conta

16 Marzo 2012
Reato di minaccia: la differenza di età e sesso non conta

Reato di minaccia anche se la frase è rivolta da un’anziana signora ad un giovane: conta la capacità di intimidazione. 

Urlare contro qualcuno la frase: “Se sei un uomo, scendi!” integra il reato di minaccia, punito dal codice penale, anche se proviene da un’anziana ed è rivolta a un uomo più giovane e robusto, in presenza delle forze dell’ordine.

La Cassazione [1] ha così condannato la battagliera donna, che aveva apostrofato un condomino, sulla base del principio per cui una minaccia è tale indipendentemente dalle condizioni soggettive (età, sesso, forza fisica, ecc.) sia dell’autore della condotta, sia della vittima.

Ciò che conta, infatti, è la capacità di intimidazione della frase pronunciata: la vittima potrebbe infatti immaginare persino un intervento dei parenti o degli amici dell’autore. Anche la presenza delle forze dell’ordine sul posto non limita tale forza intimidatrice, potendosi ipotizzare un passaggio alle vie di fatto in un momento successivo.

 

 


note

[1] Cass. Pen., Sez. V, sent. n. 42935 del 21/11/2011.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube