Business | Articoli

Carta identità elettronica al via: ecco come funziona

2 Luglio 2016
Carta identità elettronica al via: ecco come funziona

Parte la carta di identità elettronica: al via il 4 luglio, nuove funzioni e modalità operative.

Partirà giorno 4 luglio la carta di identità elettronica, uno strumento da tempo atteso ed annunciato che finalmente vede la luce nelle prime grandi città. Ecco dove sarà attiva e come funzionerà.

L’Agid Agenzia per l’Italia Digitale punta con questo progetto a colmare il gap tra il nostro Paese e le altre nazioni Europee dove i servizi integrati all’interno del documento digitale sono tra i più disparati.

A voler malignare si dovrebbe dire che la sperimentazione da sola dovrebbe essere garanzia di successo: sono ben 18 anni che si tenta di dare alla luce questo nuovo documento elettronico, 18 anni che sono stati anche intervallati da notevoli passi falsi.

Oggi pare si sia arrivati ad un punto di svolta. La carta d’identità elettronica sta per vedere la luce.

Carta di Identità Elettronica: come funziona la nuova CIE

Si chiamerà CIE (Carta di Identità Elettronica) e farà il suo debutto ufficiale lunedì 4 luglio.

A sperimentare per primi il documento saranno i capoluoghi di regione, mentre i comuni interessati arriveranno a 200 entro settembre.

Tra le prime città interessate dal nuovo documento di riconoscimento ci saranno Napoli, Torino, Roma, Bologna, Milano e Firenze. Seguiranno le amministrazioni più piccole.

Ma come funziona la CIE? Si tratta di fatto di una smart card  della misura di una carta di credito che riporterà sul fronte tutte le informazioni necessarie ad identificare la persona dunque dati anagrafici, codici identificativi univoci al documento collegati, fotografia.

La CIE però avrà anche un CIP al suo interno. Un Chip NFC (Near Field Communication) che sarà in grado di velocizzare alcune procedure burocratiche grazie ai dati che riuscirà a trasmettere ai lettori. All’interno del chip sarà archiviata la scansione dell’impronta digitale, ma anche il codice fiscale.

Allo stesso tempo sarà possibile inserire il consenso alla donazione degli organi e la residenza digitale. L’integrazione con il fascicolo sanitario elettronico invece al momento del lancio non sarà probabilmente disponibile.

La carta d’identità elettronica sarà inoltre ovviamente un documento di viaggio in tutti i Paesi appartenenti all’Unione Europea e in quelli con cui lo Stato italiano ha firmato specifici accordi.

Come richiedere la Carta di identità elettronica?

La richiesta della Carta di Identità Elettronica dovrebbe prevedere procedure più snelle rispetto alla precedente richiesta all’anagrafe. Sarà difatti richiedibile prenotando un appuntamento dal portale web e presentandosi direttamente allo sportello senza necessità di fare la fila. Il sito di riferimento sarà sul sito http://www.cartaidentita.interno.gov.it (ma al momento il sito non è ancora attivo e ciò lascia spazio all’immaginazione rispetto agli effettivi tempi di avviamento delle procedure).

La carta di identità cartacea sarà ancora valida?

Sarà sempre possibile usare sino alla sua naturale scadenza la carta di identità cartacea.

Si prevede che gli uffici comunali si adeguino durante un periodo di transizione al termine del quale essi saranno in grado di emettere la nuova carta. Una volta che la transizione sarà completata non sarà più possibile per gli uffici emettere la carta di identità cartacea.

Nel periodo tra la richiesta e la consegna il cittadino avrà a disposizione un documento riassuntivo temporaneo.

Quanto costa la CIE- Carta di identità elettronica?

Il costo complessivo del documento è di 13,76 euro per la procedura più l’l’Iva e i diritti fissi e di segreteria.

Il costo totale della carta sarà dunque di circa 22 euro.



4 Commenti

  1. L’ennesima buffonata. In un paese serio ci si scandalizzerebbe.
    da agosto, inserendo “Roma” nel sito cartaidentita.interno.gov.it dice che il servizio è attivo.
    Facendo una prenotazione, tutti gli uffici comunali risultano non abilitati (siamo a fine dicembre)[…]

  2. Non ho ricevuto alcun pin né puk alla richiesta della carta d’identità elettronica. Mi è arrivata nei tempi indicati, e nella lettera d’accompagnamento c’erano le parti finali dei due codici. Come faccio a recuperare le fantomatiche parti iniziali?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube