Diritto e Fisco | Articoli

Canone Rai in bolletta: non paghi se intesti la luce a un parente


Canone Rai in bolletta: non paghi se intesti la luce a un parente

> Diritto e Fisco Pubblicato il 25 ottobre 2015



Bolletta elettrica: se il contratto della luce è intestato a una persona diversa dal detentore della televisione il canone lo pagherà quest’ultimo ma con il conto corrente postale.­

Fatta la legge, trovato l’inganno: si moltiplicano, su internet, i forum di discussione su come evitare di pagare il canone Rai ora che la riscossione sarà affidata alla società elettrica, che la chiederà ogni due mesi con le relative bollette della luce. Al di là dei mezzi tradizionali che consentono di evitare il versamento del canone (di cui abbiamo parlato già ampiamente in “Canone Rai: come non pagare”), c’è qualcuno che pensa di volturare il contratto della luce a un famigliare anziano esentato dal pagamento. Ricordiamo, infatti, che non deve mai pagare il canone Rai chi presenta tutti i tre seguenti requisiti:

– 75 anni di età;

– non convivente con altri soggetti titolari di un proprio reddito (escluso il coniuge);

– reddito non superiore (sommato a quello del coniuge) a 516,46 euro mensili (pari a 6.713,98 annui).

In verità proprio il secondo dei suddetti requisiti impedisce, a voler rimanere nella legalità, tale sistema di evasione.

Tuttavia, è proprio la nuova legge a suggerire possibilità alternative per tutti i casi in cui, come molto spesso succede, l’intestatario della luce non è proprietario di un televisore o, diversamente, il detentore della televisione è un soggetto diverso dal primo. È l’ipotesi in cui il figlio, che abbia acquistato la tv, viva a casa dei genitori o, viceversa, il caso in cui il genitore – o qualsiasi altro parente – abbia l’intestazione del contratto di fornitura elettrica della casa ove vive invece il figlio, il nipote, ecc. In tali situazioni, per evitare che a pagare il canone Rai sia un soggetto diverso da chi detiene l’apparecchio, l’imposta sulla televisione non finirà nella bolletta della luce ma dovrà essere versata, dall’effettivo possessore della tv, con il conto corrente postale, secondo la via tradizionale sino ad oggi seguita.

Come fare? In questi casi, il titolare del contratto di energia elettrica dovrà presentare un’autocertificazione all’Agenzia delle Entrate in cui dichiari di non essere il possessore della tv.

Sempre la stessa via dovrà seguire chi ha dato la propria casa in comodato o in locazione quando il contratto della luce è rimasto intestato al padrone di casa. Quest’ultimo dovrà dichiarare di non avere  il possesso della televisione, mentre l’inquilino o il comodatario dovrà pagarla autonomamente il canone attraverso il bollettino premarcato.

Al contrario, la famiglia in cui i due coniugi o i figli hanno residenze diverse e abbiano intestati due diversi contratti della luce dovranno pagare due canoni Rai, a differenza invece di quanto succedeva in passato, quando l’imposta era dovuta una sola volta per quante case possedesse il nucleo familiare (leggi: “Canone Rai: la famiglia con doppia residenza paga doppio”).

Qualcuno ci scrive: “Abitiamo io e mia moglie nella stessa residenza; pago regolarmente il canone Rai da un bel po’ di anni a mio nome, mentre la bolletta luce è a nome di mia moglie: che fare per evitare che arrivi un altro abbonamento?” Si tratterebbe di un problema di facile soluzione se non vivessimo nel Paese dove ogni istanza, richiesta di rettifica, autorizzazione, sgravio piangesse tra le carte di un’amministrazione intempestiva e inefficiente. Anche in tale ipotesi il lettore potrà continuare a pagare il canone Rai con il bollettino tradizionale, dichiarando che la detenzione della televisione è del marito, che già paga il canone per conto del nucleo familiare. In questo modo si dovrà ottenere l’eliminazione dell’imposta sulla bolletta della luce.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

17 Commenti

  1. Se fossimo un paese normale, invece di continuare a fare proclami falsi ed assolutamente privi di fondamento, saremmo sicuramente riusciti a risolvere un problema come questo(anche con un decoder).Ma purtroppo lo scopo è solo quello di rimanere attaccati alla poltrona, e continuare a ricuperare soldi per sprechi (sotto gli occhi di tutti) e superstipendi. Come diceva Totò, e io pago.

  2. Mi auguro che ci sia effettiva Attenzione. Infatti, ad esempio, io nella mia residenza ho un gestore di energia elettrica diverso da ENEL e da sempre ho regolarmente pagato il canone per il televisore in mio possesso. Ho i possesso anche d una seconda casa, mia dimora saltuaria, e con la vigente normativa non devo pagare un secondo canone TY. Avendo in tale casa come gestore di energia elettrica l’ENEL, mi auguro che RAI e i diversi gestori siano funzionalmente interconnessi e non mi ritrovi un doppio addebito del canone TV.

  3. Non mi sembra affatto una soluzione, perchè non tiene conto del fatto che qualsiasi azienda fornitrice prevede un costo maggiorato per l’intestatario non residente (r1) , si può calcolare piu’ o meno su 100 euro di bolletta 7/8 euro di maggiorazione, alla fine dell’anno pagare il canone o la bolletta da non residente e quindi da domiciliato risulterà ugualmente dispendioso.

  4. E chi invece ha una seconda casa dove vi è solo il contratto della luce e la casa non è abitata ne locata , COME FA’ A NON PAGARE ????
    e CHI invece ha una casa di vacanza con regolare contratto di luce ma la utilizza un mese all’anno senza TV COME FA’ A NON PAGARE
    NE VEDREMO DELLE BELLE……………….

  5. nello stesso comune ho due abitazioni di cui ho due contratti enel ‘uno intestato a mio marito e uno a me’ nella seconda casa non ho televisore vorrei sapere devo pagare due abbonamenti?

  6. I cialtroni che governano questo paese sono estratti dai cialtroni che ci vivono dentro. Se fossimo un popolo meno ladro, vivremmo tutti meglio. Le leggi poi si possono sempre modificare chiamando le cose col loro nome e non inventando una “Tassa sul possesso del televisore” per mascherare un canone che non si riesce ad esigere, anche se immeritatamente. Dura lex sed lex.

  7. Chi ha chiesto il suggellamento,è evidente che il televisore non lo vuole più .Ditemi dove lo butta ? Ci sono delle discariche autorizzate a certificare ? Ditecelo dove sono!!!!!!!!?

  8. chi paga il canone in un comune,e vive in un’altro comune perche il contratto luce è intestato alla compagna non deve pagare,facendo unautocertificazione all’ufficio entrate perche la residenza e il contratto luce c’è là nel comune dove paga attualmente il canone

  9. considerato che una società di energia elettrica non può riscuotere tasse x come il canone rai, quelli che dovrebbero difendere i cittadini come associazioni consumatori ecc. se ne fregano io personalmente sto pensando di non pagare l’energia elettrica bypassando il contatore, visto che siamo in un Italia di ladri imparerò anch’io a rubare.

  10. Se fossero soldi utilizzati per il bene comune, senza dubbio pagherei…. Ma visto che finiscono nelle loro tasche o nei conti dei loro partiti allora se posso non pago !!! L’Italia è fantastica

  11. In Italia non ci sono leggi a tutela del consumatore e dei cittadini dipendenti già tassati alla fonte in modo esponenziale…
    Credo che tutti dovremmo scaricare il modulo di autocertificazione e dichiarare di non possedere nessun apparecchio TV… Anche se ci saranno i controlli, io in primis consegnerò il mio televisore e chiederò esplicita distruzione di quest’ultimo…
    Se siamo in tanti, ma in tanti, voglio vedere se la rai pagherà Equitalia per fare le verifiche in tutt’Italia!!!
    Proviamo!!!

  12. Ma vogliamo parlare del fatto che il numero telefonico da chiamare fino a poco fa era a pagamento???
    ASSURDO! Tutti ladri!

  13. Siamo alle solite: visto che siamo governati da individui “bulli” e cialtroni, oltrecchè ladri e appiccicati alle poltrone, hanno ulteriormente fatto in modo di complicare l’esistenza ai cittadini, naturalmente tutelati da nessuno. Sono d’accordo di non pagare nessuno, vedere i risultati per poi ridere. Il barile è quasi pieno. ricordatevi che il popolo è sovrano. Il Colle faccia vedere che c’è.

  14. ho la casa in proprietà con mio fratello, il contatore dell’elettricità per entrambi è intestato a mé , io pago il canone regolarmente, se mio fratello compra un televisore cosa devo fare? Grazie

  15. A quanto pare hanno incassato molto meno del previsto, e sono previste una raffica di multe… Hanno fatto un macello con la storia dei contratti elettrici residenziali e non, con chi ha più utenze, etc., non hanno informato le persone correttamente e nei giusti tempi, ed ecco il risultato ! Mi viene il dubbio che sia stata studiata proprio per incassare poi con gli interessi…

  16. Come al solito siamo alle solite ci facciamo sempre dei problemi xche non siamo 1 popolo compatto il signor renzi che non ha fatto mai 1 czzzzz nella sua vita a trovato il modo come far pagare la tassa TV a tutti noi ma e semplicissimo non paghiamo nessuno mandiamo tutti i moduli che non possediamo apparecchio TV voglio vedere che ci fanno e poi io dovrei pagare X vedere che cosa tutte le czz che dicono in rai ma X piacere ribelliamoci

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI