Diritto e Fisco | Articoli

Coppie gay: non trascrivibile il matrimonio celebrato all’estero. Ma…

16 Marzo 2012
Coppie gay: non trascrivibile il matrimonio celebrato all’estero. Ma…

La Cassazione dice no alla trascrizione in Italia dei matrimoni tra gay celebrati all’estero, ma apre la porta a una nuova era…

In Italia le coppie omosessuali non possono contrarre matrimonio. Qualcuno aveva allora pensato di sposarsi in un altro paese europeo (l’Olanda, per esempio) dove questo è possibile, per poi chiedere la trascrizione dell’atto nel nostro Stato. La Corte di Cassazione però ha negato tale possibilità [1], perché non prevista dalla legge; tuttavia, nella motivazione della sentenza, ha tirato una bacchettata al Parlamento e alla Corte Costituzionale, invitandole a sanare tale discriminazione.

Ricorda infatti la Cassazione che la Convenzione sui diritti fondamentali dell’Unione Europea – cui l’Italia aderisce e che pertanto è obbligatoria nel nostro Paese [2] – accorda ai gay il diritto a una vita familiare e di coppia. La stessa Corte di Giustizia Europea ha più volte chiarito che la diversità di sesso degli sposi non è più un presupposto fondamentale per la validità del matrimonio.

Pertanto, anche la nostra giurisprudenza si è dovuta e si deve adeguare a trattare le coppie omosessuali secondo par condicio rispetto a quelle etero. È lo stesso principio di uguaglianza sancito dalla Costituzione che lo richiede.

Del resto, il concetto di “matrimonio” non è definito nella Costituzione, né nel codice civile o nelle leggi speciali: il che deve indurre a considerare l’istituto nella evoluzione sostanziale che ha avuto nell’ambito del costume sociale.

Così i la Suprema Corte da un lato invita il Parlamento a individuare le forme di tutela più pregnanti da riconoscere alle coppie omosessuali [3]; dall’altro incalza i gay a chiedere rinvii alla Corte Costituzionale affinché garantisca, in relazione “a ipotesi particolari”, trattamenti omogenei a prescindere dall’orientamento sessuale delle coppie.

 

 


note

[1] Cass. sent. n. 4184 del 15 marzo 2012.

[2] In realtà, la giurisprudenza non riconosce alla Convenzione sui diritti dell’uomo un carattere tipicamente obbligatorio all’interno degli Stati UE aderenti.

[3] Dando attuazione alle Risoluzioni del Parlamento europeo dell’8 febbraio 1994, del 16 marzo 2000, del 14 luglio 2001 e del 4 settembre 2003 sul tema dei diritti degli omosessuali e delle unioni tra gli stesi, rivolte agli Stati Membri dell’Unione Europea.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube