Lavoro e Concorsi | Articoli

Occupiamoci, finanziamenti da 70.000 Euro per assumere disoccupati

27 Ottobre 2015 | Autore:
Occupiamoci, finanziamenti da 70.000 Euro per assumere disoccupati

Nuovo bando Occupiamoci 2015: contributi sino a 70.000 Euro per organizzazioni non profit che assumono giovani disoccupati.

È stato appena indetto il nuovo bando Occupiamoci 2015, da parte di quattro note fondazioni italiane: Fondazione Mission Bambini, Fondazione Canali, Fondazione San Zeno e UniCredit Foundation, in collaborazione con l’associazione Manageritalia Milano – Gruppo Volontariato professionale.

Il Bando è finalizzato a promuovere i progetti d’inserimento lavorativo stabile, per disoccupati dai 16 ai 29 anni, tramite finanziamenti che possono arrivare a 70.000 Euro a progetto: lo stanziamento totale è pari a 600.000 Euro.

Requisiti per accedere al bando

Possono presentare la domanda di finanziamento le organizzazioni private che siano enti o soggetti senza scopo di lucro. In particolare, lo statuto deve possedere i seguenti requisiti:

– prevedere il divieto di distribuire, direttamente e indirettamente, utili, avanzi di gestione, fondi e riserve in favore di amministratori, soci, partecipanti, lavoratori o collaboratori;

– finalizzare la destinazione di utili e avanzi di gestione all’incremento del patrimonio dell’organizzazione, oppure allo svolgimento dell’attività istituzionale della stessa;

– prevedere la destinazione di un eventuale attivo risultante dalla liquidazione ad altre organizzazioni no profit o a fini di pubblica utilità.

Inoltre, le organizzazioni devono essere costituite da almeno 2 anni alla data di pubblicazione del bando.

Progetti finanziabili

I progetti presentati dovranno:

– prevedere l’avvio di nuove attività lavorative o lo sviluppo di attività già esistenti ;

– prevedere nuove assunzioni stabili di giovani disoccupati di età compresa tra i 16 e i 29 anni;

– essere realizzati in Italia;

– avere una durata minima di 18 mesi e massima di 24 mesi.

– essere presentati nelle forme e in tutte le parti, allegati compresi, richieste dal bando.

Ogni organizzazione potrà presentare un solo progetto, anche se in parternariato con altri enti.

Non saranno finanziabili i progetti che prevedano tirocini, stage, borse lavoro e attività formative al posto dell’inserimento lavorativo, o che contemplino esclusivamente campagne di comunicazione e di raccolta fondi, oppure ristrutturazione o adeguamento di terreni o fabbricati.

Finanziamenti

Per ogni progetto accolto, le fondazioni potranno erogare un contributo finanziario di massimo 70.000 Euro; assieme al finanziamento, si avrà diritto ad un servizio di accompagnamento, da parte di un coach della Fondazione Manageritalia, per supportare l’organizzazione, ottimizzare e verificare la sostenibilità economica del progetto.

Il finanziamento non può comunque superare l’80% del budget del progetto.

Valutazione dei progetti

I programmi saranno valutati in base ai seguenti parametri:

– rispondenza dell’idea imprenditoriale alle esigenze del contesto socio-economico e di mercato;

– efficacia economica ed occupazionale del piano imprenditoriale;

chiarezza ed esaustività del progetto;

– efficienza nel rapporto tra risorse impiegate e risultati attesi;

sostenibilità, consistente nell’accessibilità alle risorse utili alla realizzazione dell’attività imprenditoriale ed alla sua continuità;

esperienza pregressa dei componenti dell’organizzazione, struttura organizzativa e stabilità economico-finanziaria dell’ente.

Invio della domanda

Per poter inoltrare le domande ed i progetti per il bando Occupiamoci 2015, sarà necessario, in primo luogo, compilare entro le 12.00 del 6 Novembre 2015 i moduli d’iscrizione presenti sul sito della Fondazione Mission Bambini.

Una volta compilato il form online, si riceverà un’email contenente i moduli per la presentazione del progetto; i moduli, assieme agli allegati richiesti, dovranno essere inviati all’indirizzo mail: bandi.italia@missionbambini.org.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube