Diritto e Fisco | Articoli

Pensione avvocati, si può percepire continuando a lavorare?

27 ottobre 2015 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 27 ottobre 2015



Pensione Cassa Forense: percepire il trattamento senza essere cancellati dall’albo.

 

Compirò 65 anni nel 2017 ed avrò 36 anni di contributi. Come posso percepire la pensione senza essere cancellato dall’Albo degli avvocati?

Gli avvocati possono percepire la pensione, senza obbligatorietà della cancellazione dall’albo, laddove decidano di attendere i requisiti per la pensione di vecchiaia, retributiva o contributiva.

Vediamo ora i requisiti necessari per accedere alle varie tipologie di pensione.

Pensione di anzianità Avvocati

Per la pensione di anzianità nella Cassa Forense, i requisiti sono:

59 anni di età più un minimo di 37 anni di contribuzione, per il biennio 2014-2015;

60 anni di età più un minimo di 38 anni di contribuzione, per il biennio 2016-2017;

Per raggiungere il trattamento, al lettore, nato nel 1952 e con 36 anni di contributi, sarebbe necessario il riscatto di soli 2 anni di laurea, prendendo come riferimento il 2017. L’importo sarebbe calcolato con il metodo retributivo-reddituale per la quota obbligatoria, mentre sarebbe calcolato col contributivo per la quota modulare.

Tuttavia, come poc’anzi accennato, per averne diritto è necessaria la cancellazione dall’albo forense, pertanto la suddetta ipotesi è da accantonare, per chi abbia intenzione di continuare a lavorare.

Pensione di vecchiaia contributiva Avvocati

Per la pensione di vecchiaia contributiva, i requisiti necessari sono:

67 anni di età più un minimo di 5 anni ed un massimo di 31 anni di contribuzione, per il triennio 2014-2016;

68 anni di età più un minimo di 5 anni ed un massimo di 32 anni di contribuzione, per il biennio 2017-2018.

Tale tipologia di trattamento non obbliga alla cancellazione dall’Albo.

Tornando al caso del lettore, non potrebbe rientrare nella suddetta ipotesi né dal punto di vista della contribuzione ( si richiedono tra i 5 ed i 32 anni nel biennio 2015-2016, e tra i 5 ed i 33 anni nel biennio 2017-2018), né dal punto di vista dell’età, che dovrebbe essere pari a 67 anni, nel biennio 2015-2016, ed a 68 anni, nel biennio 2017-2018; peraltro , l’ipotesi sarebbe sconveniente economicamente, in quanto prevede il calcolo interamente contributivo, anche per la quota obbligatoria.

Pensione di vecchiaia retributiva Avvocati

Per la pensione di vecchiaia retributiva, in parallelo a quanto previsto per la vecchiaia contributiva, non è necessaria la cancellazione dall’Albo.

Per raggiungere la pensione di vecchiaia retributiva i requisiti utili sono:

67 anni di età più un minimo di 32 anni di contribuzione , per il triennio 2014-2016;

68 anni di età più un minimo di 33 anni di contribuzione, per il biennio 2017-2018.

È facoltà dell’interessato, però, domandare l’anticipo del pensionamento di vecchiaia sino a 65 anni [1], fermo restando un minimo di 32 anni di contributi, sino al 31 dicembre 2016, e di 33 anni, per il biennio 2017-2018.

In caso di anticipo del requisito d’età, l’importo della quota di base, calcolata secondo il criterio retributivo, sarebbe però ridotto dello 0,41% per ogni mese di anticipazione.

Nel caso del lettore, dunque, vi sarebbe una penalizzazione pari al 14,76% (0,41% per 36 mesi di anticipo, dai 65 ai 68 anni, requisito del 2017).

È possibile comunque anticipare la percezione della pensione al sessantacinquesimo anno d’età, se si possiedono almeno 40 anni di contribuzione, senza alcuna riduzione percentuale: il lettore potrebbe dunque valutare l’opportunità di riscattare 4 anni di laurea, per non subire decurtazioni, e vedersi riconoscere una pensione maggiore, grazie alle annualità versate in più.

Pertanto, la suddetta ipotesi è la maggiormente conveniente per casistiche simili a quella del lettore, nelle quali si preveda la continuazione dell’attività lavorativa.

note

[1] Art.2, Co. 2, Regolamento Cassa Forense.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI