Diritto e Fisco | Articoli

Il docente non è obbligato a somministrare farmaci agli alunni

31 ottobre 2015 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 31 ottobre 2015



Il Dirigente Scolastico non può obbligare i docenti a rendersi disponibili per somministrare farmaci “salva-vita” o di altra natura agli alunni.

Può accadere che un alunno sia affetto da patologie che richiedono la somministrazione di farmaci anche in orario scolastico e che, per l’età e la maturità del bambino (si pensi ad un alunno della scuola elementare), o per il tipo di intervento (ad esempio una iniezione), questi debbano essere necessariamente somministrati da un adulto. In questi casi i genitori dovranno innanzitutto consegnare al Dirigente Scolastico un apposito modulo, corredato da certificato medico, sottoscritto da entrambi ed indicante la patologia da cui il loro bambino è affetto, i farmaci da somministrargli, le modalità e le dosi prescritte dal medico curante.

Il Dirigente Scolastico dovrà quindi individuare il docente cui affidare l’incarico di somministrare il farmaco e chiederne la disponibilità.

Il docente individuato dovrà innanzitutto aver frequentato corsi di primo soccorso, oppure corsi di formazione organizzati in convenzione con le AUSL o gli Assessorati per la Salute e per i Servizi Sociali, o con Associazioni di volontariato (ad esempio la Croce Rossa) [1].

Inoltre il docente dovrà fornire il proprio consenso alla somministrazione dei farmaci ed assumersi le responsabilità che possono derivare da una eventuale somministrazione scorretta.

Il docente non è obbligato né da norme di legge, né dal contratto collettivo di settore a prestare il proprio consenso, ben potendo liberamente rifiutare l’incarico, senza alcuna conseguenza disciplinare.

In questo caso il farmaco potrà essere somministrato all’alunno direttamente dai genitori, recandosi presso la scuola negli orari stabiliti, oppure avvalendosi di altro personale competente convenzionato con la scuola (ad esempio infermieri delle AUSL).

note

[1] Art. 5, Linee Guida indicate nelle Raccomandazioni del 25.11.2005 emanate dal Ministero dell’Istruzione e dal Ministero della Salute.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI