HOME Articoli

Lo sai che? Piantine di marijuana: no reato di spaccio se c’è uso personale

Lo sai che? Pubblicato il 2 novembre 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 2 novembre 2015

Droga e stupefacenti: escluso lo spaccio per due piantine non solo se il principio attivo è minimo, ma anche quando la coltivazione non è estesa.

Non integra il reato di spaccio la coltivazione di due piante di marijuana se la sostanza è destinata all’autoconsumo: la Cassazione, infatti, ha appena chiarito [1] che la punibilità per la coltivazione non autorizzata di piante da cui sono estraibili sostanze stupefacenti come la marijuana va esclusa se il giudice ne accerti l’inoffensività in concreto. In pratica, non scatta alcun reato tutte le volte in cui la condotta sia così trascurabile da rendere sostanzialmente irrilevante l’aumento di disponibilità di droga e non presente alcun pericolo di ulteriore diffusione di essa. Perché quindi si possa definire “offensiva” la condotta di chi coltiva marijuana non è sufficiente considerare quanto principio attivo sia contenuto in ogni pianta ma deve considerarsi quanto estesa sia la coltivazione e come sia strutturata per capire se da essa possa scaturire una produzione che vada oltre l’autoconsumo e sia potenzialmente in grado di finire sul mercato.

Tale considerazione vale anche se l’imputato si trovi alla sbarra perché accusato anche di un ulteriore e più grave reato, perché trovato in possesso di cocaina. La contestazione della “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti” cade, quindi, con riferimento alla singola condotta della coltivazione di poche piantine di marijuana (nella specie ne erano state trovate solo due).

La vicenda

L’imputato era stato fermato con la propria auto dalle forze dell’ordine e trovato in possesso di circa 19 grammi di cocaina. Nella successiva perquisizione domiciliare erano state rinvenute due piantine di marijuana. L’uomo si era difeso sostenendo che la modesta quantità di marijuana era destinata solo a un uso personale. Allo stesso uso sarebbe stata destinata anche la cocaina. Se per la marijuana il ricorso ha avuto successo, non altrettanto è avvenuto per la cocaina. E questo perché l’uomo, essendo disoccupato, non avrebbe potuto avere la disponibilità di denaro tale da procurarsi una scorta di droga di circa 19 grammi.

note

[1] Cass. sent. n. 43986/15 del 2.11.2015.

Fonte immagine: cassazione. net

Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza 27 marzo – 2 novembre 2015, n. 43986
Presidente Mannino – Relatore Giannini

Ritenuto in fatto

La Corte di appello di Firenze, con sentenza del 5 maggio 2014, ha confermato la sentenza con la quale il Tribunale di Livorno, all’esito di giudizio abbreviato, aveva condannato D.L.M. alla pena di anni 1 e mesi 8 di reclusione ed euro 8.000,00 di multa, avendolo riconosciuto responsabile della violazione dell’art. 73, comma 5, del dPR n. 309 del 1990, per avere egli coltivato due piante di canapa indiana, atte alla produzione di sostanza stupefacente, per avere detenuto circa gr 6 di sostanza stupefacente ottenuta dalla essiccazione dei fiori di canapa indiana, nonché gr. 18,9 di cocaina, occultata quest’ultima nel cruscotto della sua vettura.
Proponeva ricorso per cassazione il D.L., lamentando, quanto alla coltivazione di piante atte alla produzione di stupefacente, la mancanza di offensività della condotta ascrittagli data la sua modestia, tale da giustificare la destinazione all’esclusivo uso personale dei prodotto ricavabile da essa.
Eccepiva, altresì, la illogicità della motivazione della sentenza nella parte in cui era desunta la destinazione della cocaina allo spaccio dal fatto che la stessa era incompatibile con l’uso personale, sia per la sua quantità sia perché le condizioni economiche del prevenuto non ne giustificavano la possibilità di procurarsi scorte di stupefacente.

Considerato in diritto

Il ricorso è fondato nei limiti che saranno di seguito precisati.
Osserva, infatti, la Corte che il prevenuto ha impugnato la sentenza della Corte territoriale toscana sotto due profili, il primo avente ad oggetto la qualificazione entro l’ambito dell’art. 73 del dPR n. 309 del 1990, sia pure con riferimento alla ipotesi di cui al comma 5 di tale disposizione, dell’attività di coltivazione di n. 2 piantine di canapa indiana; il secondo concernente la dedotta manifesta illogicità dell’affermata destinazione allo spaccio della cocaina rinvenuta all’interno della autovettura da lui condotta.
Prendendo le mosse dalla prima censura ricorda questa Corte che la giurisprudenza in ordine alla rilevanza penale della coltivazione di piante atte alla produzione di sostanze stupefacenti non è sempre stata univocamente indirizzata; è, infatti, in essa rinvenibile l’esistenza di un orientamento più rigoroso secondo il quale, in relazione alla condotta in questione, non essendo requisito necessario ai fini della integrazione dei reato la destinazione della sostanza in tal modo ricavabile alla cessione verso terzi, pur potendo il dato ponderale di questa assumere rilevanza al fine di fornire indicazioni sull’offensività della condotta, quest’ultima non può, tuttavia, non può essere a priori esclusa ogniqualvolta i quantitativi prodotti siano inferiori alla “dose media singola”, ma soltanto quando essi risultino privi della concreta attitudine ad esercitare, anche in misura minima, gli effetti psicotropi evocati dall’art. 14 del dPR n. 309 del 1990 (Corte di cassazione, Sezione IV penale, 22 ottobre 2013, n. 43184; idem Sezione VI penale, 19 dicembre 2013, n. 51497; idem Sezione III penale, 19 novembre 2014, n. 47670).
Secondo un altro orientamento, che questo Collegio ritiene di dovere condividere in quanto più rispettoso sia della ratio della norma (volta ad evitare che, tramite la coltivazione, si creino ex novo sostanze stupefacenti estendendone l’offerta e la diffusione presso terzi) sia del principio secondo il quale non costituisce reato la detenzione di stupefacente destinato all’autoconsumo, la punibilità per la coltivazione non autorizzata di piante da cui sono estraibili sostanze stupefacenti va esclusa allorché il giudice ne accerti l’inoffensività in concreto, dovendosi per tale ritenersi la condotta che sia così trascurabile da rendere sostanzialmente irrilevante l’aumento di disponibilità di droga e non prospettabile alcun pericolo di ulteriore diffusione di essa (Corte di cassazione, Sezione VI, 30 luglio 2014, n. 33835); si è altresì, precisato che ai fini della necessaria verifica in concreto della offensività della contestata condotta di coltivazione, non è sufficiente considerare il solo dato quantitativo di principio attivo ricavabile dalle singole piante, in relazione al loro grado di maturazione, dovendosi esaminare anche quale sia l’estensione della coltivazione, il livello di strutturazione di tale coltivazione al fine di verificare se da essa possa o meno derivare una produzione di sostanza stupefacente esulante rispetto all’autoconsumo ma potenzialmente idonea ad incrementare il mercato (Corte di cassazione, Sezione III penale, 29 maggio 2013, n. 23082).
Applicando siffatti principi alla fattispecie in esame, rileva la Corte che i giudici del merito, in particolare la Corte territoriale toscana, pur rilevata la estrema modestia della coltivazione, hanno ritenuto che la stessa integrasse gli estremi del delitto sulla base del rilievo, dei tutto inappagante, che “la modalità di consumazione del reato evidenzia una pericolosità sociale di elevato grado” (non è neppure ben chiaro se il riferimento valga a connotare il soggetto agente ovvero la condotta da questo posta in essere).
La circostanza che non sia stata affatto valutata, se non nei descritti inadeguati termini, la possibilità che, data la modestissima rilevanza quantitativa della piantagione (si tratta di due piantine ancorché mature), la sostanza da essa prodotta, in quanto destinata all’autoconsumo, non avesse neppure in minimo grado l’attitudine ad incrementare il mercato degli stupefacenti, rende manifestamente illogico, in quanto fondato su dati privi di significatività, il ragionamento accusatorio svolto dalla Corte di Firenze.
Sul punto, pertanto, la sentenza deve essere annullata senza rinvio, perché il fatto non sussiste.
Infondata è, invece, la seconda ragione di impugnazione fatta valere dal ricorrente.
Perfettamente congruo è il ragionamento svolto dai giudici del gravame nel ritenere non attendibile la dichiarazione resa del D.L. in ordine alla destinazione all’uso personale del quantitativo di cocaina rinvenuto nella vettura da lui condotta al momento dell’intervento delle forze dell’ordine.
Invero depongono in senso decisamente sfavorevole alla tesi difensiva dei prevenuto, come coerentemente segnalato nella sentenza impugnata, sia il quantitativo non indifferente di sostanza stupefacente (quasi 19 gr), sia il fatto che, attese le condizioni economiche dei D.L., il quale non risultava, per come incontestata mente riferito dalla Corte di appello, svolgere alcuna attività lavorativa, non era logicamente possibile per questo dotarsi di una scorta di stupefacente (il cui valore è stato dallo stesso dichiarato in oltre 1000,00 euro), se non al fine di cederne almeno una parte, onde rientrare della non trascurabile somma da lui spesa per l’acquisto della sostanza rinvenuta.
Il secondo motivo di impugnazione deve, pertanto, essere rigettato, stante la piena adeguatezza al riguardo della motivazione della sentenza di condanna pronunziata dalla Corte di appello.
La decisione impugnata deve pertanto essere annullata, senza rinvio quanto alla condanna relativa alle condotte di coltivazione delle piante di canapa indiana, e con rinvio ad altra sezione della Corte di appello di Firenze quanto alla rideterminazione della pena, tenuto conto sia del parziale venir meno della continuazione interna, sia della sopravvenuta modificazione legislativa, in forza della quale, la dosimetria della pena appare, quanto alla entità pena detentiva irrogata, motivata in termini apodittici e, quanto alla pena pecuniaria, commisurata, in assenza di adeguata motivazione, in misura apparentemente prossima, quanto alla pena base, al massimo edittale.

P.Q.M.

Annulla senza rinvio la sentenza impugnata limitatamente al capo relativo alla coltivazione, perché il fatto non sussiste e rinvia in ordine al trattamento sanzionatorio ad altra Sezione della Corte di appello di Firenze.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI