Diritto e Fisco | Articoli

Sorpasso di un’auto che sta per svoltare a sinistra: la responsabilità

2 novembre 2015


Sorpasso di un’auto che sta per svoltare a sinistra: la responsabilità

> Diritto e Fisco Pubblicato il 2 novembre 2015



Incrocio, precedenza e invasione della carreggiata opposta: il sorpasso di chi sta per sterzare a sinistra.

Il caso è piuttosto tipico sulle nostre strade: un conducente tenta di superare un’altra auto in prossimità di un incrocio quando quest’ultima, però, sta già invadendo la carreggiata di sinistra per svoltare lungo la perpendicolare. Come si stabilisce la responsabilità del sinistro? Il chiarimento viene da una recente sentenza del Tribunale di Genova [1] che, tuttavia, richiama integralmente quanto già detto, in passato, dalla Cassazione.

Il conducente di un veicolo a motore (automobile, motociclo, ecc.) che, a un incrocio, debba svoltare a sinistra, ha l’obbligo di dare la precedenza prima ai veicoli provenienti da destra (ossia quelli dal lato opposto della strada) ed ha altresì l’obbligo, che deriva dalla comune prudenza, di assicurarsi, prima di svoltare, che non sopraggiungano veicoli da dietro, ai quali spetta al pari la precedenza, anche se si trovano in una illegittima fase di sorpasso.

Insomma, per dirla con parole più semplici, se si sta per svoltare a sinistra, per prima cosa bisogna verificare che, alla propria destra, non vi siano altre vetture e poi, spiando attraverso lo specchietto retrovisore, bisogna accertarsi che non vi siano altri mezzi che provengono da dietro, in fase di sorpasso o che stiano anch’essi svoltando a sinistra, e ciò vale anche se la strada non consente il sorpasso (striscia continua).

Questa regola però subisce un’eccezione: l’obbligo di ispezionare la strada da dietro, per assicurarsi che non sopraggiungano veicoli in fase di sorpasso, vale solo fino a quando non è stata ancora iniziata la manovra di svolta a sinistra; al contrario, nella fase di esecuzione della svolta, il conducente del veicolo che piega non può distrarre l’attenzione dal suo normale campo visivo e, pertanto, non è più tenuto a controllare che da tergo non sopraggiungano altri veicoli.

Questo significa che, prima di occupare la carreggiata di sinistra per procedere a curvare, bisogna dare precedenza a chi viene da dietro: per cui, dell’eventuale incidente risponde l’auto che si trova davanti. Ma, quando ormai sia iniziata la manovra di svolta, cessa l’obbligo di dare la precedenza e, quindi, responsabile è solo l’auto che viene da dietro.

Il tribunale ha così rigettato il ricorso di un motociclista rimasto coinvolto in un sinistro stradale per aver sorpassato, a velocità non legittima, un’autovettura, mentre, in pieno incrocio, stava già svoltando a sinistra e aveva invaso l’altra corsia.

Ricordiamo che, tutte volte in cui vi sia uno scontro tra veicoli scatta in automatico una presunzione di pari responsabilità [2] (cosiddetto concorso di colpa) ma a condizione che non sia possibile accertare in concreto il grado di colpa di ciascuno dei conducenti coinvolti nel sinistro.

note

[1] Trib. Genova, sent. n. 1903/15.

[2] Art. 2054 cod. civ.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Gradivo verificare i presupposti d casi simili.

    GRAZIE

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI