Diritto e Fisco | Articoli

La cartella di Equitalia deve contenere la motivazione

4 novembre 2015


La cartella di Equitalia deve contenere la motivazione

> Diritto e Fisco Pubblicato il 4 novembre 2015



Nulla la cartella di pagamento se la comunicazione che segue il controllo formale non motiva sulla ragioni della riscossione.

La cartella di pagamento, notificata da Equitalia ed emessa a seguito del controllo formale sulla dichiarazione dei redditi deve essere necessariamente motivata, essendo il primo atto che riceve il contribuente: per cui è nulla se non motiva sull’avvio della riscossione. Lo ha chiarito la Cassazione con una sentenza di poche ore fa [1].

Dalla cartella di pagamento deve emergere almeno l’iter logico-giuridico che ha indotto l’Agenzia delle Entrate a iscrivere direttamente a ruolo gli importi dovuti dal contribuente. La procedura di controllo formale della dichiarazione dei redditi [2], infatti, si caratterizza per l’effettuazione di controlli su dati e documenti esterni rispetto al mero contenuto cartolare della dichiarazione, che si risolvono sovente nell’accertare la veridicità di quanto in essa riportato e non la mera sussistenza di errori di calcolo o di omissioni.

La cartella di pagamento – chiarisce ancora la Corte – deve essere preceduta dalla comunicazione dell’esito del controllo [3], a pena di nullità, poiché tale comunicazione assolve ad una funzione di garanzia e realizza il necessario dialogo tra fisco e contribuente prima dell’iscrizione al ruolo.

Nel caso esaminato, sebbene la missiva inviata al contribuente desse atto della rettifica dei dati dichiarati, la cartella di pagamento non conteneva né un espresso rinvio alla comunicazione né precisava l’iter logico-giuridico che ha indotto l’ufficio accertatore a iscrivere a ruolo le somme asseritamente dovute dal contribuente.
Secondo i giudici di legittimità quindi, la cartella era viziata per carenza di motivazione. La decisione conferma un orientamento ormai costante della giurisprudenza di legittimità secondo il quale anche la cartella di pagamento non può limitarsi a generiche e stereotipate motivazioni, dovendo circoscrivere le ragioni alla base della pretesa.

È illegittima la cartella di pagamento emessa in seguito al controllo formale che non specifica l’iter logico-giuridico posto a base della pretesa impositiva. E ciò anche se al contribuente era già stata inviata una precedente comunicazione di irregolarità.
La cartella di pagamento deve essere preceduta dalla comunicazione dell’esito del controllo formale. Diversamente da quello automatico, tale controllo si fonda sul riscontro di documenti esterni rispetto al mero contenuto cartolare della dichiarazione, dovendone accertare la veridicità. La comunicazione di irregolarità rappresenta così un atto amministrativo istruttorio relativo a somme non ancora iscritte a ruolo.

note

[1] Cass. sent. n. 22489 del 4.11.2015.

[2] Prevista dall’art. 36 ter del D.P.R. n. 600/1973, diversamente da quella delineata nell’art. 36 bis, medesimo D.P.R.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI