Diritto e Fisco | Articoli

Naspi sospesa in attesa d’istruttoria

5 novembre 2015 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 5 novembre 2015



Naspi: che cosa significa “domanda sospesa in attesa d’istruttoria”; pratica sospesa, disoccupazione che non arriva, come sollecitare?

 

Ho inoltrato la domanda di disoccupazione Naspi oltre tre mesi fa: se guardo nel sito dell’Inps, c’è scritto “pratica sospesa in attesa d’istruttoria”. Che cosa vuol dire?

 

La Naspi è la nuova indennità di disoccupazione, che sostituisce Aspi e mini Aspi, ed è operativa dal primo maggio 2015. Nonostante sia possibile richiederla dallo scorso maggio, i software e le procedure Inps per gestire le domande sono stati adeguati soltanto lo scorso luglio: pertanto, il ritardo nella maggior parte delle pratiche è notevole, e non di rado capita, quando si monitora lo stato della richiesta sul sito dell’Inps, di trovare la dicitura “domanda sospesa in attesa d’istruttoria”. Che cosa vuol dire?

Cosa significa Naspi sospesa in attesa d’istruttoria

La dicitura “domanda sospesa in attesa d’istruttoria” sta a significare, semplicemente, che la domanda non è stata ancora presa in carico dall’Istituto, e che non si trova, dunque, in lavorazione. Certo, sarebbe bastato utilizzare una dicitura meno criptica, come “domanda non ancora in lavorazione”. La sospensione, infatti, fa subito pensare che ci siano dei problemi ostativi al pagamento dell’indennità. Invece, si tratta soltanto dei ritardi biblici dell’Inps.

Come fare se la pratica resta sospesa in attesa d’istruttoria?

Nel caso in cui la domanda resti sospesa per parecchio tempo, oltre le due settimane, è bene sollecitare l’Inps chiamando il Contact Center al numero 803.164 (servizi Inps per il cittadino), oppure avvicinandosi alla propria sede Inps. Il Contact center, o gli impiegati allo sportello, provvederanno ad effettuare una segnalazione agli uffici che hanno in carico la pratica.

Blocco Naspi

Quando invece l’indennità di disoccupazione viene bloccata dopo qualche mese di percezione, il problema può consistere in una situazione che influisce sul diritto alla Naspi, come una nuova assunzione. In questo caso, la comunicazione di assunzione (effettuata dal datore di lavoro) arriva all’Inps in tempo reale, e consente all’Istituto di bloccare l’indennità.

Tuttavia, la Naspi va sospesa solo nei rapporti a termine inferiori ai 6 mesi, se il reddito imponibile annuo supera 8.145 Euro; in caso d’importo inferiore, anche per i contratti a tempo indeterminato, la Naspi non è sospesa, ma ridotta dell’80% della retribuzione. La Naspi si perde, invece, per nuovo contratto superiore ai 6 mesi, con retribuzione di oltre 8.145 Euro annui. Gli importi sono conoscibili dall’Inps perché indicati nel modello di assunzione: qualora, però, l’azienda non indichi alcun reddito annuo presunto, la Naspi è sospesa in automatico.

In questo caso, qualora la sospensione della Naspi non sia necessaria, per ottenere di nuovo gli assegni sarà necessario compilare il modello Naspi-Com SR161, indicando, nelle note, che non sono presenti eventi che comportino la decadenza, la sospensione o la riduzione dell’indennità.

Naspi Com

Il modulo Naspi Com, oltrechè per segnalare blocchi illegittimi della disoccupazione, serve anche per comunicare una nuova attività di lavoro autonomo (se il reddito presunto supera 4800 Euro annui si decade dall’indennità e dallo stato di disoccupazione) e per tutti i casi in cui il datore di lavoro non è tenuto a comunicare preventivamente l’ assunzione.

Il modulo può essere compilato e inoltrato direttamente dal sito dell’Inps, per chi dispone del Pin, nella sezione “Servizi al cittadino”, “Domande di prestazione a sostegno del reddito”, oppure tramite patronato.

note

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

21 Commenti

  1. invece, a me è stato detto dall’INPS che solo dopo i 60 giorni si possono fare le segnalazioni di ritardo (altroché 2 settimane che leggo qui). Vi risulta qualche scadenza legale? Grazie in anticipo

    1. Grande cazz..ata la chiamata al numero verde, sul sito dell’inps dice che la domanda è sospesa in attesa di istruttoria se chiami il numero verde non c’è modo di parlare con qualcuno, ti chiede il numero di protocollo e dice che la domanda è in lavorazione, ma da quanto riportato su questo articolo sembrerebbe che la domanda ancora non è stata presa in carico, quindi è tutto un controsenso, ma come si fà ad andare avanti in questo modo, non funziona un cazz–o in Italia.

  2. Salve, la tempistica di due settimane si riferisce alla pratica in sospesa in attesa d’istruttoria, mentre quanto le hanno riferito è corretto nel caso in cui la pratica figuri in lavorazione. Comunque non esistono, all’interno delle circolari, termini precisi per effettuare le segnalazioni Naspi.

  3. salve ho fatto domanda di naspi il 4 dicembre 2015 e la domanda fu accolta il 26 febbraio poi dopo i 60 giorni ho chiamato per un sollecito e mi rispondono . la sua domanda e sospesa per accertamenti amministrativi poi il 31 marzo 2016 vado su cassetta postale e mi mandano la domanda accolta ecc ma fino a oggi 5 marzo mi hanno mandato un sms con scritto sospesa per accertamenti amministrativi .che devo fare quindi’.grazie

  4. salve, ho fatto al domanda di naspi in data 1/02/2016 e ad oggi 28/04/2016 ancora ferma in attesa di istruttoria.
    Ho chiamato piu volte l’inps al numero verde e mi dicono che è ancora in fase di lavorazione, ma a me sinceramente sembra strano anche perchè, l’anno scorso con la naspi sono venuto io a saper che c’erano delle problematiche relative alla mia domanda fatta con patronato e l’inps non mi aveva fatto sapere nulla.
    Non vorrei che anche per quest’anno si riproponesse lo stesso problema, sono stato anche allo sportello dell’inps della mia città e non mi hanno fatto sapere nulla se non a dirmi che è in fase di lavorazione e ci vogliono mesi….si ma senza nemmeno guardare sul computer se ci fossero dei problemi con la domanda, se mancano dei documenti.

  5. Salve, ho fatto la domanda di Naspi in data 26 ottobre 2015, mi hanno calcolato meno periodi contributivi del dovuto, mi hanno ritardato il primo pagamento a gennaio 2016(dopo numerosi solleciti ignorati)e infine me l’hanno anche bloccato ingiustamente per una singola giornata lavorativa. Recatami all’Inps, un anno dopo e dopo molto discutere i sistemi informatici risultavano magicamente bloccati e nessuno è riuscito a spiegarmi perchè mi fosse stata bloccata per una sola giornata lavorativa di novembre. Ma l’assurdo è che pochissimi giorni dopo la procedura non solo è stata sboccata, è stata addirittura chiusa il 26 ottobre 2016 con la dicitura di ultimo pagamento effettuato, ma alla realtà dei fatti a me questa disoccupazione non è mai arrivata. Non finisce qui, perchè avendo lavorato da giugno ad agosto 2016 avrei dovuto chiedere una nuova naspi per questo periodo, e mi è stato risposto che se l’avessi richiesta avrei sicuramente perso la precedente (cosa a mio parere illegale, perchè dipesa unicamente da un loro ritardo). Così, “sbloccata” e “chiusa” la prima, ho inviato in data 2 novembre la domanda per la seconda, che ovviamente ancora non è stata ancora presa in carico e risulta sospesa per istruttoria. Come finirà? Provo a indovinare…non vedrò nè quella del 2015 nè quella 2016. Esistono gli estremi per una causa?

  6. Buonasera,
    La mia domanda Naspi è stata inviata a mezzo patronato il 10/05/16 alla sede Inps CasilinoPrenestino di Roma. A oggi ancora non mi è stata erogata. Tanti solleciti e richieste per mezzo contact center e online ho inoltrato ma non ho avuto alcuna risposta. Sul sito Inps lo stato della mia domanda risulta “sospesa in attesa d’istruttoria “.Nessuno riesce a darmi chiarimenti. Purtroppo sono fuori Roma e non posso recarmi di persona in sede.E e una vergogna, sono passati quasi 10 mesi.

  7. Salve,
    da ottobre ho ancora in istruttoria la mia domanda di NASPI, e nulla ho ancora ricevuto. Nel frattempo con grande fortuna sono riuscito a trovare un contratto a tempo determinato per 10 mesi (marzo/dicembre). Cosa devo fare? Devo comunicare io all’INPS o deve farlo il nuovo datore di lavoro?
    Grazie mille

  8. Salve qualcuno puo spiegarmi cortesemente allora ho fatto domanda naspi il 23 novembre 2016 con tutti i documenti dopo fatto dei solleciti ora mi dice domanda in lavorazione che significa? Ci vuole ancora tempo grazie in anticipo

  9. O fatto domanda di naspi il 10gennaio 2017 ancora non e stata accolta nel frattempo o trovato un lavoro a tempo determinato a sedici ore settimanali non volendo ho sospeso la a naspi per un periodo di Dodici giorni con un calcolo minimo ,dovrò rifare una nuova domanda per riacede alla disoccupazione

  10. Buongiorno, io oggi faccio un anno!!!!
    Ho presentato la domanda il 10 aprile 2016 e risulta ancora in attesa di istruttoria. Dopo numerosi solleciti sia tramite call center che presso lo sportello, la situazione ancora non si sblocca.
    Che vergogna!!!!!

  11. Salve, mio marito ha fatto domanda per la disoccupazione il 03/08/2017 ed ad oggi nulla… sul sito risulta sempre “sospesa in attesa di istruttoria”
    Devo forse tornare al patronato per sollecitare?

  12. Buonasera a tutti.
    Spero che la mia informazione possa risultare utile a qualcuno di voi: ho presentato la domanda per la NASpI il 18/06/2017 e ad oggi risulta ancora “Sospesa in attesa di istruttoria dal 07/09/2017”. Ho chiamato il Contact Center che mi ha confermato che tempi così lunghi NON sono normali e poi mi ha chiesto se avessi consegnato il modulo SR163 firmato dalla Banca presso cui ho richiesto l’accredito della NASpI. Alla mia risposta negativa (non c’è scritto da nessuna parte che si debba presentare questo modulo) mi ha detto che devo farlo IMMEDIATAMENTE, se no la mia pratica non verrà mai lavorata.
    Il modulo SR163 va scaricato dal sito dell’INPS, compilato e firmato (anche dal funzionario della Posta/Banca) e poi consegnato all’INPS secondo una delle seguenti modalità: 1. di persona agli uffici INPS; 2. per fax al n. 800803164; 3. per e-mail alla sede INPS competente.

    1. Anche io ho fatto domanda di Naspi ed ho ricevuto un sms da parte dell’INPS in cui mi dicevano che mancava l’SR163 e il documento d’identità, prima di questo messaggio mi ero accorto (fortunatamente) che nella ricevuta della naspi che mi ha dato il CAF, avevano sbagliato ad inserire il numero di cellulare, tant’è che mi recai all’INPS per rettificarlo, dopo un pò di giorni mi accorsi che la mia domanda si trovava in stato di “Sospesa in attesa di istruttoria”, ma grazie alla rettifica che segnalai all’INPS sul numero di cellulare errato, mi mandarono un sms dicendo che mancavano il documento e l’SR163, a quel punto mi sono incazzato col CAF per dirgli che non avevano fatto correttamente la domanda (numero di cellulare sbagliato, documenti mancanti), loro mi risposero che avevano mandato tutta la documentazione (SR163 e doc d’identità) e che il numero di cellulare non avrebbe inficiato sull’esito della domanda gran caz-zata perchè se non avrei fatto rettificare il numero di cellulare, quell’sms non mi sarebbe mai arrivato , sono tornato all’inps a portargli la documentazione richiesta e ho detto all’impiegata dell’inps che il CAF aveva mandato tutta la documentazione all’inps, l’impiegata mi risponde che bisogna portare l’SR163 originale all’inps, gli ho detto ma se uno fa la domanda via telematica è pur sempre una fotocopia e l’impiegata mi risponde che bisogna portare l’originale, ora mi domanda ma allora a cosa serve la domanda on-line della Naspi, se bisogna portare l’SR163 originale all’INPS? Qualcuno sta prendendo per i fondelli. Barbara Rossi, prova a vedere se nella ricevuta della domanda Naspi c’è il numero corretto, altrimenti capace pure che l’inps abbia inviato l’sms ad un numero di cellulare sbagliato, questo dimostra che il numero di cellulare può inficiare sulla domanda. Puoi pubblicare cortesemente una tua risposta, sono curioso.

      1. Buongiorno Sdrello.
        La domanda della NASpI l’ho presentata personalmente per via telematica e ho inserito tutti i recapiti (telefono fisso, cellulare e e-mail) ma non ho mai ricevuto alcuna comunicazione dall’INPS.
        L’operatore del Contact Center non ha parlato né di obbligo di consegnare l’originale dell’SR163 (e del resto l’idea di dover andare allo sportello INPS già mi fa venire l’orticaria) né di dover consegnare la fotocopia del documento di identità…speriamo bene!!!
        Mi ha solo detto che trascorsi 15 giorni da quando ho inviato questo famigerato SR163, se la situazione non si è sbloccata da sé, devo richiamare il Contact Center e solo allora potranno fare un sollecito agli uffici competenti.
        Saluti,
        Barbara.

        1. Ciao Barbara, la verità è che se se manca qualcosa, il contact center ti dice manca documentazione e se gli chiedi che documentazione manca, ti dicono di non saperlo e di recarti direttamente alla tua sede di appartenenza, comunque quando si fà la richiesta della Naspi il documento d’identità viene richiesto. Tu l’hai fatta tramite PIN? Se l’hai fatta tramite PIN, controlla bene che la ricevuta la puoi scaricare nella sezione naspi, così te la puoi stampare direttamente e se ti serve per portarla all’INPS almeno ce l’hai a portata di mano.

          1. Grazie delle indicazioni Sdrello.
            Che dire…mal comune mezzo gaudio!
            Saluti.
            Barbara

      1. Gentile Luca,
        Le assicuro che nella procedura telematica non ho trovato cenno alcuno al modulo in questione (magari, se avesse tempo e voglia, potrebbe fornirmi un’informazione meno generica dell’OVUNQUE su dove lo ha letto)
        Il problema di dove mi accreditano l’indennità non me lo sono posta poiché, sempre nella procedura on-line, veniva richiesto su quale IBAN richiedevo l’accredito.
        Cordiali saluti

  13. Buonasera , vorrei porre un quesito che riguarda una richiesta fatta dall’inps al fine di prendere in carico una domanda fatta da me per” ANF Pagamenti Diretti per Aziende”. In sostanza azienda cessata e richiesta mai presentata alla ditta per ANF, queste le richieste fatte a seguito della domanda:
    Risulta necessario allegare alla domanda i seguenti documenti:
    1. DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITA’ DEL CONSULENTE RELATIVA A TIPO DI CONTRATTO, PERCENTUALE DEL PART-TIME, GIORNI LAVORATI, ORARIO EFFETTUATO
    2. DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ’ DEL CONSULENTE ATTESTANTE, PER IL PERIODO RICHIESTO, LA MANCATA EROGAZIONE DEGLI ANF E RELATIVA MOTIVAZIONE.
    La seconda si risolve da sola visto che non avendo fatto domanda alla ditta, che dichiarazione potrebbe fare il consulente se la motivazione è che a lui non è pervenuta nessuna domanda per gli ANF?
    (ho già pronta un autocertificazione dove dichiaro di non aver fatto richiesta di ANF alla ditta)
    Mentre la prima chiede al consulente di produrre una documentazione già in possesso dell’amministrazione pubblica stessa, “in buona sostanza, al contribuente, in forza dell’art. 6, comma 4, della l. 212/2000 (Statuto del contribuente) non possono essere richiesti documenti o informazioni già necessariamente in possesso dell’Amministrazione, la quale, anche ai sensi dell’art. 18, n. 2, della l. 241/90 è tenuta d’ufficio ad acquisire o produrre il documento in questione o copia di esso”.
    Il consulente mi ha dimostrato nero su bianco che l’inps ha tutto ciò che gli serve per mandare avanti la pratica.
    Sto farneticando ho la richiesta dell’Inps è illegittima ?
    Grazie cordialità

  14. salve ho fatto una domanda di una disoccupazione a messina 3 mesi fa’ o chiamato l’inps piu’ volte mi dice che è sempre in attesa i miei colleghi dopo 20 giorni anno preso i soldi io ancora no’ cosa dovrei fare a questo punto

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI