HOME Articoli

Lo sai che? Disoccupazione per lavoratori all’estero, a chi spetta?

Lo sai che? Pubblicato il 9 novembre 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 9 novembre 2015

Disoccupazione per rimpatriati: requisiti, ammontare, come fare domanda, adempimenti.

 

Sono stato licenziato dopo 2 anni di lavoro all’estero e rientrato in Italia: è vero che posso prendere la disoccupazione qui?

Il cittadino italiano che effettua lavoro all’estero, al momento del rimpatrio in Italia può domandare all’Inps l’indennità di disoccupazione per rimpatriati. Si tratta di una prestazione economica il cui importo è calcolato non in base a quanto percepito nell’altro Stato, ma sulla base delle retribuzioni convenzionali, stabilite con decreti ministeriali annuali.

Disoccupazione rimpatriati, chi ne ha diritto?

La disoccupazione spetta, nel dettaglio, ai cittadini italiani che abbiano lavorato sia in Stati dell’Unione europea o convenzionati con l’Italia, sia in Stati non convenzionati, qualora siano rimasti disoccupati in seguito a licenziamento o alla cessazione di un contratto di lavoro stagionale svolto all’estero. Il datore di lavoro può essere straniero o italiano, se operante o residente all’estero.

Disoccupazione rimpatriati, requisiti

Per aver diritto alla disoccupazione, il cittadino italiano dovrà possedere i seguenti requisiti:

rimpatrio avvenuto entro 180 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro;

– dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro resa, presso l’Inps o presso il proprio Centro per l’Impiego o Centro Servizi per il Lavoro, entro 30 giorni dalla data del rimpatrio;

– qualora si sia già percepito un altro trattamento di disoccupazione per rimpatriati, il periodo di lavoro subordinato svolto dovrà essere superiore a 12 mesi, di cui almeno 7 all’estero.

Come presentare domanda di disoccupazione rimpatriati

La domanda di disoccupazione non ha termini di presentazione come avviene per l’indennità di disoccupazione ordinaria (ora Naspi).

La richiesta può essere inoltrata tramite il sito dell’Inps, qualora si disponga del codice Pin, oppure tramite Contact Center, chiamando il numero 803.164, o, ancora, tramite Patronati o altri intermediari.

Alla domanda, per rimpatri da uno Stato estero dell’UE o da Stati SEE (Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera), dovrà essere allegato il documento portatile U1: si tratta, in pratica, di un documento che attesta i periodi di contribuzione, la data e il motivo della cessazione, l’inquadramento del lavoratore, e tutti i dati utili a provare l’attività lavorativa all’estero (contratto di lavoro, cedolini paga…).

Se non si dispone del documento portatile U1, sarà la sede Inps territorialmente competente a dover richiedere i dati all’Istituzione estera competente.

Se lo Stato estero da cui si viene rimpatriati non è convenzionato, dovrà essere allegata alla domanda un’ apposita dichiarazione, effettuata dal datore di lavoro o dall’autorità consolare, che attesti il licenziamento o il mancato rinnovo del contratto.

Quando viene pagata la disoccupazione rimpatriati?

L’indennità decorre dal giorno del rimpatrio, se la dichiarazione di disponibilità al lavoro è stata resa entro i 7 giorni successivi alla data del rimpatrio; in caso contrario, decorrerà dal giorno della dichiarazione d’immediata disponibilità al lavoro, che deve avvenire, come già accennato, entro 30 giorni dal rientro in Italia.

Quanto dura la disoccupazione rimpatriati?

La durata massima dell’indennità di disoccupazione rimpatriati è pari a 180 giorni.

A quanto ammonta l’indennità di disoccupazione rimpatriati?

L’importo dell’assegno è determinato in base alle retribuzioni convenzionali dell’anno di riferimento [1]. Sulla prestazione spettano, se dovuti, gli assegni familiari.

Chi paga la disoccupazione rimpatriati?

L’assegno è erogato direttamente dall’Inps, con accredito diretto sul proprio conto corrente, oppure mediante bonifico domiciliato presso uno sportello delle Poste.

note

[1] Inps Circ. 16/2015.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

9 Commenti

  1. mio figlio dopo 3 anni lavorativi era andato in disoccupazione e aveva sospeso dopo 3 mese la disoccupazione odinaria per essersi recato lavoro in inghilterrra e ora al rientro dopo 9 mesi di lavoro può riprendere la disoccupazione sospesa

  2. Buongiorno, conoscete un modo per calcolare il suddetto importo? Ho trovato la circolare 2016 con tanto di allegati, ma purtroppo non è per nulla chiara.
    Sapreste gentilmente indicarmi, ad esempio, quanto verrebbe per un lavoro di una settimana in vendemmia in Francia?
    Grazie mille per l’articolo, molto gentili 🙂

  3. Buon giorno,sono un marittimo,vorrei sapere come ottenere la disoccupazione,imbarcato su bandiere UE

  4. Buon giorno,sono un marittimo,vorrei sapere come ottenere la disoccupazione,imbarcato su bandiere UE

  5. per richiedere la disoccupazione per rimpatriati per la seconda volta i mesi lavorati in italia possono valere anche quelli lavorati nin anni precedenti ?

  6. Salve volevo un informazione se io mi licenzio dal mio lavoro che mi trovo all’estero, la disoccupazione mi spetta o no

  7. Il licenziamento può essere anche per ragioni non economiche? Se uno persona viene licenziata per “misconduct” per esempio riceverebbe la disoccupazione?

    Grazie

    Mario

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI