HOME Articoli

Miscellanea Immigrazione: decreto flussi in arrivo

Miscellanea Pubblicato il 9 novembre 2015

Articolo di




> Miscellanea Pubblicato il 9 novembre 2015

Pronto un nuovo decreto flussi per lavoratori stagionali e non stagionali, e per conversioni di permessi di soggiorno.

 

I Ministeri del Lavoro e dell’Interno sono al lavoro per emanare a breve un nuovo decreto flussi (entro il gennaio 2016). Il provvedimento si rivolgerà ai lavoratori stagionali e non stagionali. Inoltre, ci sarà una grossa fetta di “quote” disponibili rivolta alle conversioni dei permessi di soggiorno. In cifre, quindi, il quadro dovrebbe essere il seguente:

– 13.000 ingressi per lavoro stagionale;

– alcune migliaia per lavoratori autonomi o lavoratori subordinati che hanno partecipato a programmi di formazione nei Paesi di Origine;

– un centinaio di ingressi per lavoratori sudamericani di origine italiana;

– 12.000 quote per le conversioni dei permessi di soggiorno (per extracomunitari già presenti sul territorio italiano, che vogliano trasformare i loro permessi attuali, ad esempio quelli di stagionale o studenti, in permesso per lavoro subordinato o autonomo).

Il decreto flussi rappresenta una seria possibilità di ingresso in Italia, anche se la lentezza della macchina burocratica, come sempre, rischia di comprometterne l’esito. Un esempio emblematico è rappresentato dai flussi del 2015 per lavoro stagionale: il Ministero del Lavoro avrebbe fatto sapere che delle 30.000 domande presentate, solo 2.000 sono terminate con un contratto di lavoro. E questo non perché la maggior parte delle domande presentavano delle problematiche, ma perché non sono state ancora analizzate. Si ravvisa, quindi, un ritardo inaccettabile nello smaltimento delle singole pratiche.

Alla luce di quanto detto, si pongono alcuni interrogativi: che senso ha il decreto flussi per lavoratori stagionali se, pur in presenza di una domanda formulata correttamente, le lungaggini burocratiche spesso non consentono allo straniero di arrivare in Italia con le tempistiche necessarie per lo svolgimento del lavoro stesso? Il lavoro stagionale è tale proprio perché si svolge in un determinato periodo. Il settore turistico e agricolo offrono opportunità occupazionali in momenti ben precisi dell’anno, che si scontrano con la valutazione troppo lenta delle richieste di ingresso. La mancanza di organizzazione e di efficienza dello Stato priva gli immigrati di una reale opportunità di lavoro e foraggia il lavoro nero, lo sfruttamento, l’illegalità. E inoltre: che senso ha emanare un nuovo decreto flussi per lavoratori stagionali nel 2016, se ancora non sono stati assegnati la maggior parte dei posti disponibili con i flussi del 2015? L’unico risultato possibile è quello di appesantire gli uffici, compromettendone ulteriormente l’efficienza.

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. ciao
    volevo sapere il decreto la programma –
    formazione origgine nel paese che significa e
    come posso fare?dove bisognio andare?grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI