Diritto e Fisco | Articoli

Concorso scuola 2016, ultime novità

11 novembre 2015 | Autore:


> Lavoro e Concorsi Pubblicato il 11 novembre 2015



Maxi concorso docenti 2015: pubblicazione del bando, chi può partecipare, prove d’esame previste

 

Il concorsone per insegnanti da 63.700 posti, del quale è stata data notizia dal Miur pochi giorni fa, dovrebbe essere ufficialmente indetto entro il prossimo 1 dicembre: questa, è difatti, la data più probabile, posto che, trovandosi attualmente il testo in parlamento, per il parere da parte delle apposite Commissioni, il via libera dovrebbe essere dato non oltre il 20 di novembre.

Concorso insegnanti 2016: chi potrà partecipare?

Attualmente il Ministero sta, peraltro, lavorando alla riforma delle classi di concorso: è dunque possibile, anche se difficile, viste le tempistiche, che il concorsone sia bandito proprio sulla base di queste nuove classi, che dovrebbero essere ridotte a 100, dalle attuali 168: tutto dipenderà dalla celerità nell’adozione del nuovo regolamento, per il quale sembrerebbero mancare i tempi tecnici.

Sono comunque già noti i posti messi a bando e la loro suddivisone:

scuola dell’infanzia: 6.800 posti;

scuola primaria: 15.900 posti;

scuola secondaria di I grado :13.800 posti;

scuola secondaria di secondo grado:16.300 posti;

– sono poi previsti circa 10.900 posti per gli insegnanti di sostegno.

Potranno partecipare i Docenti in possesso di abilitazione all’insegnamento, quindi sarà ricompreso chi ha conseguito il Tirocinio Formativo Attivo ( TFA) e chi ha effettuato Percorsi Abilitanti Speciali (PAS).

Ancora non si conosce, come abbiamo già detto, la suddivisione dei posti per classi di concorso: è noto, comunque, che le discipline più richieste dagli istituti saranno matematica, lingue (specialmente l’inglese) ed italiano.

Concorso insegnanti 2016: le prove d’esame

Per quanto concerne le verifiche, sarà molto probabile un unico scritto, da effettuare attraverso procedure informatiche, ed un orale che consisterà in una lezione simulata.

La prova preselettiva dovrebbe essere eliminata per chi partecipa per le scuole secondarie, di primo e secondo grado, mentre dovrebbe, stando agli ultimi comunicati inviati dal Miur ai sindacati, restare in piedi per i candidati per le scuole primarie e dell’infanzia: visto l’alto numero dei partecipanti, una selezione preventiva è difatti necessaria.

È molto probabile che all’interno della prova preselettiva, peraltro, siano inseriti dei quesiti che prevedono la conoscenza della lingua inglese, per tutti i candidati.

Assunzioni scuola

Il concorsone si inserisce entro un ampio ventaglio di misure finalizzate all’abbattimento del precariato nella scuola: proprio ieri, 10 novembre 2015, sono arrivate le mail con le proposte di assunzione a circa 50.000 dei cosiddetti Docenti Fase C, relativa al potenziamento dell’offerta formativa.

Non sono previsti, a quanto reso noto, ulteriori concorsi dopo questo maxi bando da 63.700 posti, almeno fino al 2019.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI