HOME Articoli

Lo sai che? Stalking: no alla condizionale per il marito che perseguita

Lo sai che? Pubblicato il 23 marzo 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 23 marzo 2012

Stalking: nessuna attenuante al marito che perseguita l’ex moglie.

Lo stalker che, nel perseguitare la ex moglie in modo sistematico, le procura stati di ansia e turbamenti d’animo non ha diritto alle attenuanti generiche e alla sospensione della pena (la cosiddetta “condizionale”).

Un atteggiamento rigorosissimo quello della pronuncia della Cassazione di ieri [1], basato su alcuni certificati medici prodotti dalla donna lesa. I giudici hanno così confermato la condanna a un anno e sei mesi, oltre al risarcimento del danno, nei confronti di un uomo di quarantuno anni, per gli atti persecutori ai danni della ex moglie.

 

 

note

[1] Cass. sent. n. 11176 del 22.03.2012.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI