Diritto e Fisco | Articoli

Pensione d’inabilità, come funzionano gli accertamenti sanitari?

14 Novembre 2015 | Autore:
Pensione d’inabilità, come funzionano gli accertamenti sanitari?

Pensione d’inabilità: accertamenti sanitari, commissione medica Inps, visita, verbale.

Ho una grave infermità e vorrei chiedere la pensione d’inabilità: basta il certificato del mio medico?

Per ottenere la pensione d’inabilità, che è una prestazione previdenziale che l’Inps riconosce per inabilità assoluta e permanente a svolgere qualsiasi attività lavorativa, non è sufficiente il certificato del proprio medico (che comunque è indispensabile per attivare l’iter), ma occorrerà sottoporsi ad accertamenti sanitari presso un’apposita commissione medica Asl (nella quale è presente un medico dell’Inps).

Vediamo insieme la procedura necessaria per il riconoscimento dell’inabilità.

Per un approfondimento sulla pensione d’inabilità, suggeriamo la lettura della dispensa dal lavoro per inabilità, dipendenti pubblici e privati.

Pensione d’inabilità: come richiederla

L’iter per il riconoscimento dell’inabilità si articola nelle seguenti fasi:

  • – innanzitutto, dovremo munirci del certificato del nostro medico curante, che attesti la sussistenza dell’invalidità; l’attestazione dovrà essere redatta su un apposito modello predisposto dall’Inps, ed inoltrata in modalità telematica all’Ente dallo stesso medico, che dovrà consegnarci la ricevuta;
  • – dovremo poi, entro 30 giorni, inviare domanda all’Inps per il riconoscimento dell’inabilità; dopo 30 giorni, il certificato scadrà e dovrà essere rifatto;
  • – potremo inviare la domanda per mezzo del sito web dell’Inps o tramite Contact Center (al numero 803.164), se disponiamo di Pin, diversamente dovremo recarci presso un patronato; è indispensabile indicare nel modulo il codice univoco del certificato medico, perché possa essere abbinato alla richiesta.

Pensione d’inabilità: accertamenti sanitari

Compilato il modulo, avremo la possibilità di scegliere la data della visita medica ; se non sono disponibili appuntamenti, potremo comunque registrare la domanda e prenotare successivamente la visita.

Potremo vedere la data e l’orario della visita nel nostro account servizi al cittadino del sito dell’Inps, ma ci sarà inviata anche una raccomandata.

Se capitassero degli imprevisti, potremo richiedere un nuovo appuntamento; attenzione: se non ci presenteremo a due convocazioni la nostra domanda diverrà inefficace.

Se, invece, non siamo in grado di presentarci alla visita (ad esempio se il trasporto comporta rischi per l’incolumità e per la salute), potremo domandare un accertamento domiciliare: la richiesta andrà inoltrata prima di 5 giorni dalla data già fissata, assieme a un apposito certificato medico.

Pensione d’inabilità: esito degli accertamenti sanitari

Se, in seguito alla visita, la commissione medica riconosce:

  • – il possesso d’inabilità per assoluta e permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa: in questo caso, avremo diritto alla pensione d’inabilità se possediamo almeno 3 anni di contributi nell’ultimo quinquennio, e 5 anni di anzianità assicurativa; se non possediamo il requisito contributivo, avremo diritto alla sola pensione per invalidi civili totali, se non superiamo il reddito di 16.532,10 Euro (per il 2015); se abbiamo difficoltà a deambulare senza l’aiuto di un accompagnatore, o difficoltà persistenti nello svolgimento degli atti ordinari della vita, avremo diritto a un assegno di accompagnamento;
  • – il possesso d’inabilità per assoluta e permanente impossibilità a svolgere le proprie mansioni lavorative o a proficuo lavoro: in questo caso, come lavoratori privati, non avremo diritto alla pensione d’inabilità, ma potremmo aver diritto, non superando i limiti di reddito, alla pensione per invalidi civili totali, che è compatibile con un’eventuale attività lavorativa, a differenza della pensione d’inabilità; inoltre, se possediamo i requisiti contributivi minimi esposti poc’anzi (minimo 3 anni di contribuzione nell’ultimo quinquennio, e 5 anni di anzianità assicurativa), potremo aver diritto all’assegno ordinario d’invalidità (che spetta per riduzione della capacità lavorativa a meno di un terzo); se ci mancano sia i requisiti retributivi che quelli di reddito, potremmo essere cessati dal lavoro senza ottenere nessuna prestazione previdenziale;
  • – l’assenza d’inabilità: in questo caso, se ci viene comunque riconosciuta una riduzione della capacità lavorativa, potremmo aver diritto all’assegno d’invalidità ordinario o, in assenza dei contributi minimi, alla pensione d’invalidità civile; questa prestazione spetta per invalidità superiore al 74%, se il reddito non supera 4.805,19 annui (limite valido per il 2015; per un maggiore approfondimento su invalidità e benefici, vedi la guida Legge 104 e Legge 68: percentuali d’invalidità e benefici.

Se la nostra capacità lavorativa non è ridotta, non ci spetterà alcun beneficio.

Pensione d’inabilità: il verbale

Una volta che ci saremo sottoposti alla visita presso la Commissione medica dell’Inps, il personale sanitario redigerà un verbale elettronico, che conterrà l’esito dell’accertamento.

Il verbale potrà essere:

  • approvato all’unanimità: in tale ipotesi , dopo essere stato validato dal Responsabile del Centro Medico Legale dell’INPS, sarà definitivo, e si potrà attivare l’iter per il pagamento della pensione o del diverso trattamento riconosciuto;
  • – approvato senza unanimità; in tale ipotesi, il Responsabile del Centro Medico Legale dell’INPS potrà convalidarlo entro 10 giorni o effettuare una nuova visita entro 20 giorni, anche con la consulenza di uno specialista della patologia da verificare.

Lo status d’invalido che risulterà dal verbale può, inoltre, essere:

  • – soggetto a revisione: questo significa che le nostre condizioni potranno migliorare, e che, dunque, dovremo sottoporci a un nuovo accertamento entro una data indicata nel verbale;
  • soggetto ad aggravamento: in questo caso potremo richiedere l’ aggravamento, seguendo lo stesso iter per il riconoscimento dell’invalidità.

Anche se soggetti a revisione, manterremo comunque la pensione sino alla conclusione della visita: inoltre, non saremo noi ad essere tenuti ad attivarci per l’accertamento, ma l’Inps.

Pensione d’inabilità: ricorso contro il verbale.

Potremmo proporre ricorso sia se non ci viene riconosciuta alcuna riduzione della capacità lavorativa, sia se viene riconosciuta l’invalidità civile in misura minore rispetto alle aspettative: prima di avviare il ricorso giudiziario, però, dovremo sottoporci a un accertamento tecnico sanitario preventivo, pena l’improcedibilità del giudizio.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube