L’esperto | Articoli

Permesso di costruire: l’arredo delle aree pertinenziali degli edifici

16 Novembre 2015 | Autore:
Permesso di costruire: l’arredo delle aree pertinenziali degli edifici

Edilizia libera o soggetta a CIL (comunicazione inizio lavori): i campi da gioco.

La previsione di cui alla lett. e) del modificato 2° comma dell’art. 6 del T.U. n. 380/2001 ha liberalizzato la realizzazione degli arredi comuni degli edifici privati e delle aree ludiche di pertinenza (pur trattandosi di interventi che non possono definirsi propriamente “opere minori”, specialmente nei complessi edificativi di grande consistenza).

Riteniamo che, quanto alle aree ludiche pertinenziali, la previsione si riferisca anche ai campi da giuoco (bocce, calcetto, pallacanestro, pallavolo, tennis), ma che, in ogni caso, non debbano realizzarsi volumi: il che porta ad escludere la costruzione di spogliatoi, locali docce etc. anche attraverso l’impiego di manufatti non in muratura ed amovibili. L’interpretazione letterale del testo normativo conduce ad eccettuare pure la creazione di gradinate per gli spettatori.

La norma non può estendersi, in ogni caso, alla realizzazione di piscine, che non possono considerarsi “aree ludiche” destinate all’attività sportiva del nuoto, occorrendo per esse lavori di scavo, rivestimento ed installazione di impianti tecnologici.

La liberalizzazione dai titoli abilitativi non può riguardare, inoltre, quegli interventi che comportino la creazione di impianti sportivi usufruibili dal pubblico in genere o dai cittadini di un quartiere, poiché essi corrispondono alle opere di urbanizzazione secondaria: questi interventi, infatti, anche se non creassero volumi, sono caratterizzati da autonomia funzionale e da una consistenza materiale ed economica tali da dovere essere realizzati in rapporto funzionale con l’organizzazione urbanistica complessiva del territorio comunale.

Devono ritenersi esclusi, infine, gli interventi su aree pubbliche e su edifici pubblici, che rappresentano l’arredo urbano in senso proprio.

Diritto-Urbanistico


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube