HOME Articoli

Lo sai che? Assenze ingiustificate: quando scatta il licenziamento

Lo sai che? Pubblicato il 16 novembre 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 16 novembre 2015

Quando scatta il licenziamento e la distinzione tra assenze non giustificate e quelle giustificate in ritardo.

Il dipendente ha l’obbligo di comunicare in anticipo (o, in caso di malattia, tempestivamente), al datore la propria assenza dal lavoro. In caso di violazione di tale dovere può scattare il licenziamento.

In realtà, la giurisprudenza tende a distinguere le ipotesi di

assenza assolutamente non giustificata

assenza giustificata in ritardo.

Solo nel primo caso, posta la gravità della condotta, il licenziamento si considera legittimo.

Assenza non giustificata

La Cassazione [1], in passato, ha ritenuto legittimo il licenziamento intimato al lavoratore che sia rimasto ingiustificatamente assente per tre giorni al termine di un periodo di malattia, creando disagi organizzativi con ritardi e modifiche nel programma di lavoro già predisposto.

È stato anche ritenuto legittimo il licenziamento del lavoratore che si sia assentato nel periodo natalizio nonostante il datore di lavoro avesse rifiutato di concedergli le ferie [2] o che non abbia ripreso la propria attività lavorativa dopo un periodo di ferie [3]. Altrettanto legittimo è considerato il licenziamento di chi, dopo la malattia, malgrado il medico di controllo l’abbia ritenuto idoneo a riprendere il servizio, non si sia presentato al lavoro senza inviare alcuna certificazione medica [4].

Assenza giustificata in ritardo

La Cassazione ha ritenuto illegittimo il licenziamento di un uomo rimasto assente per oltre cinque giorni per la prosecuzione di un infortunio, senza fornire il certificato medico, ma che, dopo essere stato sollecitato dall’azienda, prontamente lo aveva inviato scusandosi col dire che se ne era dimenticato [5].

Altrettanto illegittimo è stato ritenuto il licenziamento del lavoratore che non comunica la giustificazione dell’assenza dal posto di lavoro per cinque giorni. Secondo la Corte, alla luce dei fatti, il mancato tempestivo invio della certificazione medica non può costituire inadempimento tanto grave da giustificare il recesso immediato della società dal rapporto di lavoro per giusta causa, né il recesso per giustificato motivo [6].

Quando l’assenza è prolungata

Per la legittimità del licenziamento comminato a causa di un’assenza prolungata e ingiustificata (di quasi due mesi) non è necessaria l’affissione del codice disciplinare, essendo il requisito della presenza tra i doveri fondamentali del lavoratore [7].

note

[1] Cass. sent. n. 13352/1999.

[2] Cass. sent. n. 20461/2010.

[3] Cass. sent. n. 2760/2013.

[4] Cass. sent. n. 2760/2013.

[5] Cass. sent. n. 5103/1998.

[6] Cass. sent. n. 106/2013.

[7] Cass. sent. n. 3060/2012.

 

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Salve,sono Filippo!
    Vorei chiedere,non sono presentato a lavoro 5 giorni senza avisare dita.Quito giorno ho mandato letera che non vengo fin quando non pagano tutte stipendii(parte di dicembre e tutto genaio.
    Loro mi chiedono giustificazione.Posso scrivere qualche motivo valido?

    Grazie mille

    1. Buongiorno, cortesemente vorrei sapere ai fini economici ha cosa vado incontro ad un licenziamento x assenza ingiustificata e se posso usufruire della naspi. RIGRAZIO anticipatamente della risposta.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI