Diritto e Fisco | Articoli

Disoccupazione, nuova procedura ancora ferma

17 Novembre 2015 | Autore:
Disoccupazione, nuova procedura ancora ferma

Complicato ed attuato solo in parte il nuovo percorso per ottenere lo stato di disoccupazione.

 

A due mesi dall’entrata in vigore del Decreto di Riforma delle politiche attive del lavoro [1], ancora nulla, o quasi, è cambiato, in tema di disoccupazione. Non è operativo, difatti, il Portale delle Politiche attive del lavoro, attraverso al quale accedere al Sistema informativo Unico per la profilazione del lavoratore: la piena operatività è comunque prevista per gennaio 2016.

Una “tregua” soltanto momentanea, dunque, per i Centri per l’impiego (Cpi) ed i Centri servizi per il lavoro (Csl).

Parliamo di tregua perché il nuovo iter, che costituirà una corsa ad ostacoli per i disoccupati, avrà delle conseguenze infauste anche su Cpi e Csl, che saranno quasi certamente intasati all’inverosimile, a causa delle sottoscrizioni obbligatorie dei patti di servizio. Patti di servizio che esistono, è vero, già da ora, ma sono stipulati a macchia di leopardo, solo da parte di chi si reca personalmente nei centri, e non da chi rende la dichiarazione di disponibilità attraverso l’Inps.

Ma come funzionerà la nuova procedura per la disoccupazione?

Disoccupati senza assegno

Per i lavoratori disoccupati che non abbiano diritto alla Naspi (il nuovo trattamento che ha sostituito Aspi e Mini Aspi, che a loro volta avevano sostituito Ds ordinaria ed a requisiti ridotti), o alla Dis-Coll (l’assegno di disoccupazione per i parasubordinati, meglio noti come Co.co.co.) l’iter per ottenere lo stato di disoccupazione prevede i seguenti passaggi:

– iscrizione al Sistema informativo unico delle politiche attive per il lavoro, tramite il portale web dell’Anpal (Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro);

– rilascio della Did (dichiarazione d’immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa e di partecipazione alle politiche attive del lavoro da concordare nel patto di servizio), tramite lo stesso portale web;

– entro 30 giorni dal rilascio della Did, il disoccupato dovrà poi recarsi presso un Centro per l’impiego (Cpi) o un Centro servizi per il lavoro (Csl), per confermare lo stato di disoccupazione e stipulare il patto di servizio;

– qualora sia decorso il suddetto termine, entro un tot.   di giorni, che sarà indicato da un decreto ministeriale, il Cpi o il Csl competente dovrà contattare il disoccupato, per la stipula del patto di servizio.

 

Disoccupati percettori di ammortizzatori sociali

Qualora il lavoratore sia destinatario di Naspi o Dis-Coll, dovrà seguire il presente iter:

richiesta Naspi o Dis-Coll, e contestuale Did (dichiarazione d’immediata disponibilità) resa direttamente all’Inps, tramite la domanda online ( o via Patronato) di ammortizzatore sociale;

– successivamente, l’Inps dovrà notificare all’Anpal il rilascio della Did, per l’inserimento nel portale;

– nei successivi 15 giorni, il disoccupato dovrà poi recarsi presso un Centro per l’impiego (Cpi) o un Centro servizi per il lavoro (Csl), per confermare lo stato di disoccupazione e stipulare il patto di servizio;

– anche in questo caso, decorso il suddetto termine, entro un tot.   di giorni il Cpi o il Csl competente dovrà contattare il disoccupato, per la stipula del patto di servizio;

– qualora, dopo 60 giorni, non ci sia stato nessun contatto da Cpi o csl, il lavoratore potrà richiedere le credenziali per accedere al portale Anpal, per completare la profilazione e richiedere, dopo 4 mesi di percezione della Naspi, l’Asdi (Assegno di ricollocazione).

Partecipazione alle politiche attive del lavoro

Chiaramente, il percorso non termina qui, nel senso che la profilazione e la stipula del patto di servizio sono solo un primo step per il reinserimento del lavoratore nel mondo del lavoro: qualora dunque il disoccupato non solo rifiuti un impiego congruo, ma non partecipi a iniziative formative e di orientamento, rischierà pesanti sanzioni, che arrivano alla perdita dello stato di disoccupazione e degli ammortizzatori sociali.

Per conoscere tutte le sanzioni nel dettaglio, vi consigliamo di vedere il nostro approfondimento: niente disoccupazione per chi non cerca attivamente lavoro.


note

[1] D.lgs. 150/2015.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube