Diritto e Fisco | Articoli

Il medico reperibile deve andare in ospedale per la visita

19 novembre 2015


Il medico reperibile deve andare in ospedale per la visita

> Diritto e Fisco Pubblicato il 19 novembre 2015



Le diagnosi al telefono con la valutazione di “non necessità” dell’intervento del medico fanno scattare il reato di rifiuto di atti d’ufficio.

Commette omissione di atti d’ufficio il medico di turno, di pronta reperibilità, che, di fronte alla chiamata del collega che lo avvisa della necessità di un paziente in pronto soccorso, si rifiuta di recarsi in ospedale per effettuare la visita, ma che si limita a fare una semplice diagnosi telefonica, ritendo non vi siano urgenze specifiche.

Lo ha detto la Cassazione poche ore fa [1].

Il servizio di pronta disponibilità è integrativo ma non sostitutivo del turno di guardia e prevede la “concreta e permanente reperibilità” del sanitario. Pertanto, il medico non può sottrarsi alla chiamata solo perché, secondo il suo giudizio tecnico, non esistono i presupposti dell’emergenza. Né può essere giustificato dal fatto che la diagnosi corretta sia stata già fatta dal collega in quel momento presente al pronto soccorso perché di turno. Scatta quindi la condanna a quattro mesi di carcere ai danni di una dottoressa, responsabile di omissione di atti d’ufficio .

La vicenda

Il medico in servizio presso un ospedale, di turno al reparto di traumatologia, si era rifiutato di recarsi in ospedale a visitare una bambina che aveva riportato una frattura. Il medico di guardia al pronto soccorso, dinanzi al problema della piccola, aveva telefonato al sanitario reperibile, ma quest’ultimo si era limitato telefonicamente a dire che non vi erano urgenze tali da giustificare il suo intervento. La difesa dell’imputato ne chiedeva l’assoluzione considerato che la diagnosi di frattura era stata già eseguita dal primo ospedale e dal medico del pronto soccorso. Ma tale difesa non ha convinto la Corte.

La sentenza

La Cassazione penale ricorda che “il servizio di pronta disponibilità è finalizzato ad assicurare una più efficace assistenza sanitaria nelle strutture ospedaliere e in tal senso è integrativo e non sostitutivo del turno cosiddetto di guardia, con la conseguenza che presuppone, da un lato, la concreta e permanente reperibilità del sanitario e, dall’altro, l’immediato intervento del medico presso il reparto entro i tempi tecnici concordati e prefissati, una volta che dalla sede ospedaliera ne sia stata comunque sollecitata la presenza”. La legge prevede inoltre che il servizio di pronta disponibilità è caratterizzato dalla “immediata reperibilità del dipendente e dall’obbligo dello stesso di raggiungere l’ospedale nel più breve tempo possibile dalla chiamata”.

Il medico di turno non ha la possibilità di stabilire discrezionalmente se recarsi o meno in ospedale. Il sanitario ha il dovere di presentarsi presso la struttura proprio per formulare la diagnosi o, comunque, accertare le reali condizioni della paziente.

note

[1] Cass. sent. n. 47206/15.

Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza 27 ottobre – 27 novembre 2015, n. 47206
Presidente Milo – Relatore Rotundo

Fatto e diritto

1 .-. L. V. ha proposto, tramite il suo difensore, ricorso per cassazione avverso la sentenza indicata in epigrafe, con la quale, in data 8-1-15, la Corte di Appello di Campobasso, in parziale riforma della condanna pronunciata nei suoi confronti in primo grado per il reato di cui all’art. 328, comma primo, c.p., concesse le attenuanti generiche, ha ridotto la pena a lui inflitta a mesi cinque e giorni dieci di reclusione, con rifusione delle spese di parte civile, liquidate come da dispositivo. Il ricorrente deduce violazione di legge e vizio di motivazione in punto di affermazione della sua responsabilità per il reato a lui ascritto, osservando: che non vi era alcuna urgenza ovvero indifferibilità di intervento; che gli accertamenti radiologici erano stati eseguiti e restava da effettuare la sola refertazione; che nessun rifiuto vi era stato da parte sua, avendo i due sanitari (R. ed esso L.) discusso e valutato insieme la stato del paziente in esito alla visita eseguita dal R. ed agli esami tecnici prontamente effettuati con semplice differimento della loro refertazione; che si era trattato di una sola chiamata da parte del R. allo L., chiamata mai reiterata né dal R. né da altri sanitari.
2 .-. Questa Corte, affrontando una fattispecie del tutto analoga a quella in esame, ha ritenuto che risponde del delitto di omissione di atti di ufficio il sanitario ospedaliero, in servizio di pronta reperibilità, che, chiamato dal medico già presente nel nosocomio, si rifiuta di recarsi in ospedale, sul presupposto che non sarebbe ravvisabile alcuna situazione di urgenza. (Sez. 6, Sentenza n. 12376 del 13/02/2013, Rv. 255391, Da Col). Nella motivazione di questa sentenza, si è precisato che il sanitario in servizio di pronta reperibilità non ha alcuna possibilità di sindacare la necessità e l’urgenza della chiamata.
Del resto é orientamento di legittimità consolidato quello secondo il quale il servizio di pronta disponibilità previsto dal D.P.R. 25 giugno 1983, n. 348 è finalizzato ad assicurare una più efficace assistenza sanitaria nelle strutture ospedaliere ed in tal senso è integrativo e non sostitutivo del turno cosiddetto di guardia. Ne consegue che esso presuppone, da un lato, la concreta e permanente reperibilità del sanitario e, dall’altro, l’immediato intervento del medico presso il reparto entro i tempi tecnici concordati e prefissati, una volta che dalla Sede ospedaliera ne sia stata comunque sollecitata la presenza. Su questi presupposti, concretandosi l’atto dovuto nell’obbligo di assicurare l’intervento nel luogo di cura, il sanitario non può sottrarsi alla chiamata deducendo che, secondo il proprio giudizio tecnico, non sussisterebbero i presupposti dell’invocata emergenza. (Sez. 6, Sentenza n. 5465 del 18/03/1986 Rv. 173105 Imputato: BADESSA) e che il chirurgo in servizio di reperibilità, chiamato dal medico già presente in ospedale che ne sollecita la presenza in relazione ad una ravvisata urgenza di intervento chirurgico, deve recarsi subito in reparto e visitare il malato, non essendogli consentito di sindacare a distanza la necessità e l’urgenza della chiamata. Ne consegue che il rifiuto penalmente rilevante ai sensi dell’art. 328 cod. pen., comma 1, si consuma con la violazione del suddetto obbligo e la responsabilità non è tecnicamente connessa all’effettiva ricorrenza della prospettata necessità ed urgenza dell’intervento chirurgico (Sez. 6, Sentenza n. 48379 del 25/11/2008 Rv. 242400, Brettoni).
Come ha chiarito l’ultimo arresto citato, l’istituto della reperibilità o di “pronta disponibilità” costituisce una modalità organizzativa dei servizi apprestati dalle aziende sanitarie ed è disciplinato dal D.P.R. 25 giugno 1983, n. 348, art. 25, recante trattamento del personale delle unità sanitarie locali (G.U. 20 luglio 1983, n. 197), successivamente sempre richiamato o ripreso dai contratti collettivi nazionali dell’area della dirigenza medico- veterinaria del servizio sanitario nazionale (v. in particolare artt. 19 e 20 C.C.N.L. 5.12.1996, art. 16, comma 6, C.C.N.L. 1998-2001 e interpretazione autentica dell’art. 16 C.C.N.L. 8.6.2000 concordata il 7.5.2003). Tale servizio “è caratterizzato dall’immediata reperibilità del dipendente e dall’obbligo per lo stesso di raggiungere il presidio nel più breve tempo possibile dalla chiamata”. Questa Corte ha, del resto, già avuto modo di precisare, ovvero che il chirurgo in servizio di reperibilità, chiamato dal collega già presente in ospedale che ne sollecita la presenza in relazione ad una ravvisata urgenza di intervento chirurgico, deve recarsi subito in reparto e visitare il malato. L’urgenza ed il relativo obbligo di recarsi subito in ospedale per sottoporre a visita il soggetto infermo vengono a configurarsi in termini formali, senza possibilità di sindacato a distanza da parte del chiamato. Ne consegue che il rifiuto penalmente rilevante ai sensi dell’art. 328 c.p., comma l, si consuma con la violazione del suddetto obbligo e la responsabilità non è tecnicamente connessa all’effettiva ricorrenza della prospettata necessità ed urgenza dell’intervento chirurgico (Cass. sez. 6, n. 6328/1996, RV 205089).
3 :. Tanto premesso, deve in primo luogo rilevarsi che le censure del ricorrente attengono prevalentemente alla valutazione della prova, che rientra nella facoltà esclusiva del giudice di merito e non può essere posta in questione in sede di giudizio di legittimità quando fondata su motivazione congrua e non manifestamente illogica. Nel caso di specie, i giudici di appello hanno preso in esame tutte le deduzioni difensive e sono pervenuti alla decisione impugnata attraverso un esame completo ed approfondito delle risultanze processuali, in nessun modo censurabile sotto il profilo della congruità e della correttezza logica. In secondo luogo, va evidenziato che la Corte di merito nella sentenza impugnata ha correttamente applicato i principi espressi nel punto che precede.
L. V. è stato ritenuto responsabile del reato di cui all’art. 328, comma 1, c.p., perché, in qualità di medico radiologo in servizio presso l’Ospedale SS. Rosario di Venafro, ed in turno di reperibilità, chiamato da un collega presente nel suddetto ospedale per redigere il referto di una TAC effettuata su Violo Christian (il quale, poco prima, era caduto in bicicletta, procurandosi un trauma cranico di grado lieve gruppo 1, essendosi su di lui riscontrate evidenti amnesie, con ferite lacere al cuoio capelluto e trauma al gomito ed al ginocchio destro), aveva rifiutato di recarsi presso il nosocomio per attendere alle incombenze a lui affidate. Come si è visto, il servizio che l’imputato stava espletando comporta, in base alla normativa che lo disciplina, l’immediata reperibilità del dipendente e l’obbligo per lo stesso di raggiungere il presidio nel più breve tempo possibile dalla chiamata. D’altra parte dalla escussione del dr. R. è emerso che il rifiuto dello L. di recarsi presso il nosocomio, pur essendogli state illustrate le condizioni cliniche del paziente, era risultato del tutto immotivato e le deduzioni di senso contrario del ricorrente sono rimaste del tutto indimostrate.
Dalle argomentazioni sopra svolte discende la infondatezza del ricorso in esame.
4 :. Il rigetto del ricorso comporta la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali ed alla rifusione delle spese sostenute nel grado dalla parte civile, liquidate come da dispositivo.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali nonché alla rifusione delle spese sostenute in questo grado dalla parte civile, Violo Christian, liquidate in euro duemilacinquecento, oltre iva e cpa.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI