HOME Articoli

Lo sai che? Canone rai: richiesta di pagamento degli arretrati

Lo sai che? Pubblicato il 19 novembre 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 19 novembre 2015

Prescrizione e riscossione dell’imposta sulla televisione: per quanto tempo e come possono essere richiesti gli arretrati.

La recente riforma del Canone Rai, che entrerà in vigore con la legge di Stabilità 2016 (verosimilmente non prima che venga emesso il decreto attuativo) e che prevede la riscossione dell’imposta sulla TV direttamente con il pagamento della bolletta della luce ha posto di fronte gli utenti al consueto problema della riscossione degli arretrati relativi agli anni passati. In questa rapida scheda ricordiamo le principali regole e modalità in base alle quali la Rai e lo Stato possono agire per ottenere il pagamento degli arretrati.

La scelta infelice del nome

Il primo errore che ha commesso lo Stato italiano nel disegnare questa imposta parte proprio dal nome comune: “canone Rai”. Una scelta davvero infelice per due ragioni: non si tratta né di un canone, né di un prelievo collegato alla Rai. Difatti, si tratta invece di:

– un’imposta sul possesso di un apparecchio tv, dolosamente chiamata canone e/o abbonamento, ma che, in realtà non ha nulla di un normale abbonamento, perché non è collegata all’uso del servizio. Si paga a prescindere dall’uso, proprio come il bollo auto si paga anche se il mezzo rimane in garage;

– un’imposta relativa alla presenza di un apparecchio, all’interno dell’abitazione, in grado di ricevere trasmissioni televisive, qualunque esse siano e, quindi, non solo quelle della Rai.

Il beneficiario diretto dell’imposta non è quindi la Rai, ma lo Stato che poi, in buona parte, utilizza i proventi per finanziare la televisione pubblica (nonostante con referendum gli italiani abbiano già espresso la loro volontà di privatizzarla).

Ecco perché è errato chiamare “utenti” i soggetti passivi dell’imposta: essi sono “contribuenti” così come lo è chi è tenuto a pagare l’Imu, la Tari o qualsiasi altra imposta allo Stato.

Per quanto tempo gli arretrati

Il diritto dello Stato di recuperare gli importi non versati per le annualità precedenti si prescrive dopo dieci anni sempre che, nel frattempo, non sia stato inviato al contribuente un atto interruttivo della prescrizione (per esempio, un sollecito di pagamento). Questo significa che se il contribuente non ha pagato per 20 anni il canone Rai, lo Stato gli può chiedere solo il versamento degli ultimi 10 anni e non oltre.

Chi fa gli accertamenti

Sempre perché si tratta di un’imposta, gli accertamenti fiscali non possono essere effettuati da personale interno della Rai ma dalla Agenzia delle Entrate e dalla Guardia di Finanza. Ecco perché se dovesse bussare a casa uno dei cosiddetti “esattori” della Rai, il contribuente non è tenuto ad aprire perché non si tratta di un pubblico ufficiale. Non potrebbe però farlo se al citofono vi fossero le fiamme gialle. Peraltro, con la riforma, la possibilità di controlli è stata rafforzata.

L’Agenzia delle Entrate, nell’ambito degli accertamenti fiscali, potrebbe rilevare – anche tramite controlli incrociati – la presenza di una televisione all’interno dell’abitazione del contribuente e chiedergli gli arretrati quanto meno sino alla data di acquisto dell’apparecchio (non si dimentichi che gran parte degli acquisti sono tracciabili e quindi è possibile risalire al giorno di acquisto, al luogo e, spesso, anche all’oggetto).

Si può presumere dal primo pagamento del canone in bolletta il possesso della Tv negli anni passati?

La presunzione dovrebbe essere accompagnata da ulteriori elementi gravi, precisi e concordanti. In tal caso, il contribuente potrebbe dare la prova dell’acquisto della televisione nell’anno in cui viene pagato per la prima volta il canone Rai, ma, se incapace di garantire tale dimostrazione, dovrebbe riuscire a fornire altre prove a proprio sostegno altrettanto convincenti.

Il problema delle prove, nell’ambito del processo tributario è particolarmente svantaggioso a carico del contribuente che non può utilizzare prove testimoniali ma solo documentali. Ecco perché, proprio per evitare futuri problemi, è sempre meglio conservare lo scontrino della televisione a dimostrazione della data di acquisto.

Qual è la sanzione

Per chi non paga il canone Rai scatta una sanzione pari a 5 volte il canone stesso.

Chi recupera l’imposta

Così come per tutte le altre imposte, anche il mancato pagamento del cosiddetto canone Rai viene riscosso attraverso Equitalia e le procedure esecutive esattoriali: dunque, previo accertamento da parte del fisco, l’Agente per la riscossione potrà procedere al pignoramento del quinto dello stipendio o della pensione, del conto corrente, al fermo auto o al blocco di eventuali altri crediti nei confronti di soggetti terzi. È da escludere l’ipoteca sulla casa in quanto essa è possibile solo per importi superiori a 20mila euro.

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

4 Commenti

  1. Anziché canone, potevano chiamarlo pizzo, almeno i cittadini vedrebbero un po’ di sincerità da parte delle istituzioni.

  2. Gentilmente, pongo un semplice quesito. Non possiedo un televisore. Per scelta. Come possiamo fare per non pagare questo canone ?

  3. a chi deve essere intestato il canone all’affittuario dell’alloggio o a qualsiasi residente dell’alloggio ? e se in tal caso arriva il canone intestato a chi non è l’intestatario ma solo il residente deve pagare?

  4. Perchè il “pizzo” sull’apparecchio televisivo dovrebbe incassarlo solo la RAI?
    Visto che non è la sola a trasmettere programmi dal televisore, a questo punto propongo, per equità, che la quota venga suddivisa in parti uguali tra tutte le stazioni emittenti.
    O no?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI