Diritto e Fisco | Articoli

La falsa denuncia di furto è simulazione di reato

20 Novembre 2015
La falsa denuncia di furto è simulazione di reato

Reati contro la giustizia: simulazione di reato, falsa denuncia o querela, simulazione di tracce, la comunicazione telefonica alla polizia o ai carabinieri.

 

Denunciare un furto o qualsiasi altro tipo di reato, che in realtà non è mai avvenuto integra l’illecito penale di simulazione di reato, per il quale è prevista la pena della reclusione da uno a tre anni [1] si pensi, per esempio, al rilascio di un duplicato di un documento di cui si è smarrito l’originale, al tentativo di ottenere un risarcimento dall’assicurazione, all’espediente per occultare a un familiare un proprio atto di danneggiamento o di sottrazione di beni. In verità, perché scatti il reato in questione non è necessaria l’intenzione di perseguire un’ulteriore utilità personale, ma è sufficiente la semplice coscienza e volontà di affermare falsamente l’avvenuta consumazione di un reato; risulta, insomma, del tutto irrilevante il movente del diritto (è quello che i tecnici del diritto chiamano “dolo generico”) [2].

Vediamo meglio come funziona la simulazione di reato.

Il codice penale [1] sanziona due precise condotte: quella di chi

– afferma falsamente, attraverso denuncia, querela, richiesta o istanza, anche se anonima o sotto falso nome, essere avvenuto un reato (simulazione formale). La falsa denuncia può essere formulata con qualunque atto idoneo a provocare investigazioni, anche in assenza di una iniziativa spontanea del denunciante [3];

– simula le tracce di un reato (simulazione materiale): in questo secondo caso l’illecito scatta, per esempio, dopo aver rotto una finestra con un mattone per far credere che in casa siano arrivati i ladri. Dunque, in tale ipotesi, a differenza della precedente, la denuncia o la querela potrebbe essere sporta anche da un soggetto diverso dal reo, il quale si è limitato solo a simulare le tracce del reato stesso.

In entrambi i casi il reato scatta solo se la condotta comporti la possibilità concreta che si avvii un procedimento penale [4].

Il reato è procedibile d’ufficio ed è di competenza del tribunale monocratico.

 

Il delitto di simulazione di reato può essere scriminato dalla ritrattazione solo se questa si verifica nel medesimo contesto della denuncia, in modo da escludere anche la possibilità di investigazioni ed accertamenti preliminari; tale ripensamento, infatti, fa venir meno il carattere lesivo della condotta simulatoria [5]
La falsa denuncia può essere formulata con qualunque atto idoneo a provocare investigazioni, ed è quindi sufficiente anche una comunicazione telefonica alla polizia o ai carabinieri o a qualsiasi altra pubblica autorità [6]. Come infatti ha chiarito più volte la Cassazione, la denuncia rilevante ai fini della configurabilità del delitto di simulazione di reato può essere presentata in qualsiasi forma e modo, ivi compreso il mezzo telefonico.

note

[1] Art. 367 cod. pen.

[2] Cass. sent. n. 50944/2014.

[3] Cass. sent. n. 16277/2015.

[4] Cass. sent. n. 4983/2010; Cass. sent. n. 28018/2009; Cass. sent. n. 39241/2004; Cass. sent. n. 5786/2000.

[5] Cass. sent. n. 45067/2014.

[6] Cass. sent. n. 48440/2012. Cfr. anche Cass. sent. n. 35543/2012.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. BUONGIORNO,
    CONOSCO UNA PERSONA CHE HA DENUNCIATO IL FURTO DELLA SUA MOTO QUANDO INVECE LA MOTO NON è STATA RUBATA.

  2. La mia socera mi a denunciato…per il furto in casa che li e capitato…la settimana scorsa …che provvedimenti poso prendere…???

    1. In presenza di rapporti familiari, considerato che a volte si tratta di sottrazione di gioielli o altri oggetti preziosi appartenuti a generazioni precedenti, dunque di enorme valore affettivo, è consigliabile prendere la situazione di petto e fare in modo che i familiari parlino faccia a faccia manifestando i propri sospetti. Un confronto appare auspicabile perché spesso, soprattutto in presenza di legami di sangue e in determinate circostanze, la via della mediazione potrebbe rivelarsi più efficace di quella giudiziaria. Se è vero che nel processo penale le dichiarazioni della parte lesa possono essere assunte a fondamento della decisione, queste devono comunque risultare verosimili. Quindi il semplice “sospetto che sia stato tu”, a cui si sia giunti non per averlo visto o per averne le prove, ma solo per esclusione di altri possibili autori del reato, potrebbe non essere ritenuto una prova convincente. Se la denuncia riguarda un reato punito con la pena non superiore nel massimo a cinque anni (come, ad esempio, un furto), le indagini seguiranno il loro corso e l’indagato ne verrà a conoscenza con la notifica dell’avviso della conclusione delle indagini da cui scaturirà un processo penale. Le indagini hanno una durata massima di sei mesi, prorogabili, a richiesta del pubblico ministero, nei casi di giusta causa o di particolare complessità delle indagini ovvero di oggettiva impossibilità di concluderle entro il termine di sei mesi.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube