Diritto e Fisco | Articoli

Ristrutturazione edilizia con demolizione e ricostruzione

20 novembre 2015 | Autore:


> L’esperto Pubblicato il 20 novembre 2015



Autorizzazioni e concessioni amministrative, licenze e diritto urbanistico: ristrutturazione edilizia mediante demolizione e ricostruzione nell’interpretazione ministeriale.

Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ha emanato la circolare 7 agosto 2003, n. 4174/316/26, allo scopo di fornire «chiarimenti interpretativi in ordine alla inclusione dell’intervento di demolizione e ricostruzione nella categoria della ristrutturazione edilizia».

Il testo integrale della circolare è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 274 del 25-11-2003; appare utile, però, dare conto di alcuni significativi spunti di interpretazione contenuti in quel testo.

A) Consistenza e legittimità delle preesistenze

L’attestazione circa la consistenza delle volumetrie esistenti avviene, da parte del professionista incaricato, tramite adeguata documentazione grafica e fotografica, con le modalità eventualmente stabilite dal regolamento edilizio comunale.

La verifica della legittimità delle preesistenze, nel caso di richiesta di permesso di costruzione, spetta all’amministrazione che, una volta ricevuta la richiesta, provvederà a controllare la sussistenza dei titoli abilitativi originari con relative varianti (permessi di costruzione, concessioni edilizie, autorizzazioni edilizie, denunce di inizio attività, concessioni o autorizzazioni in sanatoria) e dei provvedimenti di disciplina edilizia adottati per eventuali abusi presenti nell’edificio. Qualora si proceda con Dia, utilizzando la facoltà di cui all’art. 22 del T.U. n. 380/2001 coordinato, la situazione delle preesistenze in quanto presupposto legittimante l’operazione di ristrutturazione mediante demolizione e ricostruzione, deve essere oggetto di ricognizione nella relazione asseverata di cui all’art. 23, comma 1, del Testo unico, sulla base degli elementi forniti dal proprietario ovvero delle ricerche condotte dal professionista. Peraltro, considerata la natura ricognitiva di tale attività, il professionista non assume alcuna responsabilità circa l’effettiva situazione della costruzione con riferimento alla disciplina urbanistico-edilizia pregressa, essendo il contenuto della relazione circoscritto ai risultati della ricerca condotta ed ai dati forniti dal proprietario. Tale incombente potrà in ogni caso assolversi anche mediante richiesta di ogni opportuna informazione e documentazione allo sportello unico per l’edilizia di cui all’art. 5, comma 1, del Testo unico.

B) Prevalenza della nuova definizione di ristrutturazione edilizia

La nuova definizione di ristrutturazione edilizia, comprendente anche la demolizione e ricostruzione di edifici con il rispetto della volumetria preesistente, prevale sulle disposizioni degli strumenti urbanistici generali e dei regolamenti edilizi, come già stabilito dall’art. 31, ultimo comma della legge n. 457/1978 e confermato all’art. 3, ultimo comma, del T.U. n. 380/2001.

C) Posizionamento dell’edificio ricostruito

Per quanto riguarda l’area di sedime, la circolare ritiene che non sia consentita la ricostruzione dell’edificio in altro sito, ovvero il posizionamento all’interno dello stesso lotto in maniera del tutto discrezionale. La prima ipotesi è esclusa dal fatto che, comunque, si tratta di un intervento incluso nelle categorie del recu-pero, per cui una localizzazione in altro ambito risulte-rebbe palesemente in contrasto con tale obiettivo; quanto alla seconda ipotesi si ritiene che debbono con-siderarsi ammissibili, in sede di ristrutturazione edili-zia, solo modifiche di collocazione rispetto alla prece-dente area di sedime, sempreché rientrino nelle varianti non essenziali, ed a questo fine il riferimento è nelle definizioni stabilite dalle leggi regionali in attuazione dell’art. 32 del T.U. n. 380/2001. Resta in ogni caso possibile, nel diverso posizionamento dell’edificio, adeguarsi alle disposizioni contenute nella strumentazione urbani-stica vigente per quanto attiene allineamenti, distanze e distacchi.

D) Parametri edilizi sopravvenuti

Per gli inter-venti di demolizione e ricostruzione inclusi nella ristrutturazione non può trovare applicazione quella parte della normativa vigente che detta prescrizioni per quanto riguarda gli indici di edificabilità ed ogni ulteriore parametro di carattere quantitativo (altezze, distanze, distacchi, inclinate, ecc.) riferibile alle nuove costruzioni. Ciò in quanto il relativo rispetto potrebbe risultare inconciliabile con la demolizione e ricostruzione intesa come operazione da effettuarsi con la sola osservanza della volumetria preesistente (ed in tale prospettiva, qualora non venga utilizzata per intero la volumetria esistente, l’inter-vento non può essere incluso nella categoria della ristrutturazione edilizia).

La demolizione e ricostruzione può comportare aumenti della superficie utile nei limiti consentiti o non preclusi per la ristrutturazione edilizia: in proposito, deve ritenersi insita nella natura di tale intervento la possibilità di aumento della superficie utile con il conseguente incremento del carico urbanistico, stante la fondamentale ratio legislativa di favorire il rinnovo del patrimonio edilizio anche sotto un profilo tecnico-qualitativo che comporta il più delle volte, per la stessa praticabilità dell’intervento, un diverso dimensionamento della superficie utile.

In relazione a tale indirizzo, nella revisione delle norme tecniche di attuazione dei piani urbanistici, dovrà essere attentamente ponderata la possibilità di estendere (o mantenere) anche per la demolizione e ricostruzione i limiti di aumento della superficie utile fissati in via generale per l’intervento di ristrutturazione edilizia, proprio per non vanificare la finalità di incentivare il ricorso alla demolizione e ricostruzione. A tal fine, viene precisato che, qualora gli strumenti urbanistici generali ed i regolamenti edilizi, nelle more del recepimento della nuova normativa statale, non considerino esplicitamente la demolizione e ricostruzione all’interno della categoria della ristruttura-zione edilizia e quindi non disciplinino le modalità di attuazione di tali interventi, si ritiene ammissibile variare le superfici utili — potendo anche prevedere la modifica delle quote di imposta dei solai — nel solo rispetto del volume.

In ogni caso, sono da considerare sempre consentiti gli aumenti di superficie dovuti all’adeguamento, in base a specifiche norme di legge, della dotazione di ser-vizi (in relazione all’inserimento di impianti speciali per portatori di handicap, di impianti di sicurezza e simili).

E) Posti auto pertinenziali

Per quanto concerne lo standard relativo al dimensionamento di posti auto pertinenziali, viene auspicato che detti interventi prevedano l’adegua-mento al rapporto minimo stabilito all’art. 2 della legge 24 marzo 1989, n. 122, a meno che documentate motivazioni di carattere tecnico (dovute, ad esempio, a problemi di accessibilità o di collegamento con la viabilità ordinaria o di inidonea struttura e consistenza del ter-reno) ne rendano impraticabile la realizzazione. Peraltro, tale adeguamento deve considerarsi obbligatorio in caso di aumenti di superfici utili e nei limiti di tale incremento.

F) Prescrizioni di carattere estetico-architettonico

Restano comunque salve e vanno dunque rispettate le eventuali prescrizioni di piano regolatore o dei regolamenti edilizi vigenti di portata generale, valevoli cioé nell’intero territorio comunale o in singole zone urbanistiche, di carattere estetico-architettonico (ad esempio l’uso di alcuni materiali, le indicazioni sul colore per le superfici esterne, ecc.). Ciò all’evidente fine di un armo-nico inserimento della nuova costruzione nell’ambiente urbano circostante.

G) Mancanza della pianificazione attuativa

Qualora l’intervento ricada in ambito nel quale il piano attuativo, ritenuto dallo strumento urbanistico presupposto per l’edificazione, non sia ancora approvato, si applica quanto disposto all’art. 9, comma 2, secondo periodo, del T.U. n. 380/2001.

Tuttavia, nei casi in cui le norme tecniche di attua-zione del piano regolatore generale, in attesa della formazione del piano attuativo, consentano di avviare interventi manutentivi sul patrimonio edilizio esistente e comprendano espressamente, in tale fattispecie, la ristrutturazione edilizia, é possibile procedere alla demolizione e ricostruzione senza gli impegni a favore del Comune di cui al citato art. 9.

H) Costruzioni oggetto di sanatoria

Per quanto attiene alle modalità di attuazione degli interventi di demolizione e ricostruzione alle costruzioni oggetto di rilascio di concessione in sanatoria (in forma espressa o a seguito di formazione del silenzio assenso), ai sensi delle leggi 28 febbraio 1985, n. 47, e 23 dicembre 1994, n. 724 i parametri da rispettare, in caso di demolizione e ricostruzione, sono quelli che definiscono l’oggetto stesso del condono e si identificano con gli elementi che hanno costituito riferimento per il computo dell’oblazione: quindi, oltre alla volumetria, anche destinazione d’uso e superficie, quest’ultima calcolata secondo le modalità indicate dal decreto del Ministro dei lavori pubblici del 10 maggio 1977, n. 801 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 146 del 31 maggio 1977).

Nel caso di demolizione e ricostruzione di opere eseguite in parziale difformità — per le quali, non potendo procedere alla demolizione per il pregiudizio alla parte eseguita in conformità, è stata applicata una sanzione pari al doppio del costo di produzione — partecipa alla volumetria preesistente, in fase di ricostruzione, anche la parte oggetto di applicazione della san-zione.

In presenza di abusi non sanati consistenti in aumenti volumetrici, in caso di sussistenza dei presupposti per una sanatoria ai sensi dell’art. 13 della legge n. 47/1985 (ora art. 36 del Testo unico), è necessario conseguire prima il rilascio della concessione in sanato-ria ai sensi della richiamata norma, per poter poi procedere alla demolizione e ricostruzione anche dei precisati aumenti. In difetto, le demolizione e ricostruzione dovrà essere limitata alla sola parte legittima.

In sede di revisione o adeguamento dello strumento urbanistico, possono essere fissati, ove ritenuto necessario, limiti diversi-ficati per le operazioni di demolizione e ricostruzione di immobili condonati, anche per quanto con-cerne le destinazioni d’uso e le variazioni di superfici utili consentibili, in relazione al grado di contrasto della costruzione condonata con le previsioni dello strumento urbanistico.

Quanto sopra vale sia per gli abusi sparsi che per i nuclei edilizi abusivi. Diversamente, qualora le opere condonate siano incluse in varianti agli strumenti urbanistici generali finalizzati al recupero urbanistico degli insediamenti abusivi, ai sensi dell’art. 29 della legge n. 47/1985, o comunque siano state oggetto di nuova pianificazione successiva-mente all’entrata in vigore della legge n. 724/1992, i riferimenti normativi sono quelli contenuti nei piani appositamente predisposti.

Diritto-Urbanistico

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI