Diritto e Fisco | Articoli

Chi deve registrare il contratto di affitto: locatore o conduttore?

22 novembre 2015


Chi deve registrare il contratto di affitto: locatore o conduttore?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 22 novembre 2015



Ho stipulato un contratto di locazione a uso abitativo: la registrazione spetta al padrone di casa o all’inquilino?

Il locatore ha l’obbligo di richiedere la registrazione del contratto di affitto nel termine di 30 giorni dalla data di stipula (o dalla sua decorrenza, se antecedente) presso un qualunque ufficio dell’Agenzia delle Entrate. In pratica il contratto di locazione va registrato entro 30 giorni con obbligo posto a carico solidalmente sia del locatore che del locatario. Inoltre, egli deve provvedervi anche dopo tale termine, fruendo della regolarizzazione agevolata del ravvedimento.

La legge di Stabilità 2016 ha introdotto una modifica stabilendo che l’obbligo di registrazione – da assolvere sempre entro 30 giorni – spetti solo al locatore e non più anche al conduttore o al professionista che ha redatto l’atto. Inoltre, il padrone di casa, entro i 60 giorni successivi, ha l’obbligo di comunicarlo sia all’inquilino che all’amministratore di condominio ai fini della compilazione dell’anagrafe di condominio.

In via ordinaria, la registrazione del contratto è effettuata telematicamente o presentando un apposito modello cartaceo e versando l’imposta di registro dovuta in misura proporzionale, oppure fissa se si tratta di locazioni soggette ad IVA.

Se il locatore è una persona fisica che non agisce nell’esercizio di attività d’impresa, arte o professione, in sede di registrazione del contratto, può esercitare l’opzione per l’applicazione dell’imposta sostitutiva sui canoni di locazione, cosiddetta “cedolare secca“, che comporta l’utilizzo di apposito modello telematico, in alternativa a quello cartaceo, e la non debenza dell’imposta di registro e di bollo sulle copie del contratto, per tutta la durata dello stesso, fino a revoca dell’opzione.

In pratica, le modalità di registrazione e l’ammontare dell’imposta di registro dovuta, o l’eventuale non debenza della stessa, sono correlate alla possibilità per il locatore di applicare o meno la cedolare secca nonché all’effettivo esercizio dell’opzione.

L’inquilino paga solo gli importi registrati

Sempre nella legge di Stabilità 2016 è prevista, come misura di contrasto agli affitti in nero, la possibilità per l’inquilino che sia stato costretto dal padrone di casa ad accettare un canone di locazione superiore rispetto a quello indicato nel contratto, di corrispondere solo l’importo “registrato”: in pratica si stabilisce la nullità degli accordi volti a pattuire un canone maggiore di quello ufficiale in caso di contratti a canone concordato. In ipotesi di violazione di quest’ultimo divieto, il conduttore può richiedere la ripetizione di quanto pagato indebitamente entro sei mesi dal rilascio dell’immobile. In alternativa, il conduttore può chiedere altresì che il giudice riporti le condizioni contrattuali a quelle di legge, anche nell’ipotesi in cui il locatore non abbia registrato il contratto.

note

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI