Diritto e Fisco | Articoli

Canone Rai: non paghi se intesti la bolletta a un parente

25 Novembre 2015
Canone Rai: non paghi se intesti la bolletta a un parente

Il pagamento del canone Rai in bolletta con la legge di Stabilità: c’è già chi dice “fatta la legge, trovato l’inganno”.

Una delle combinazioni di parole più digitate su Google, in questo periodo, è “Come non pagare il canone Rai in bolletta della luce”. E difatti, a giudicare dal rumore che si avverte in rete e dalle domande poste sui forum, l’argomento è davvero incandescente, a prova che le stime del Governo sull’evasione dal pagamento non sono poi così esagerate.

Tutte le considerazioni che si stanno spendendo in questo momento sui metodi di pagamento (e di “non pagamento”) devono comunque essere prese con le pinze, poiché non è ancora uscito il decreto attuativo ministeriale, che dovrebbe anche prevedere e prevenire eventuali ipotesi di raggiri alla normativa appena introdotta con la legge di Stabilità 2016.

In ogni caso, uno dei metodi per aggirare il pagamento del canone nella bolletta della luce – comportamento che, comunque, costituisce evasione fiscale, attesa la natura di imposta di tale importo – potrebbe essere quello di intestare il contratto della luce a un parente che sia già intestatario di un ulteriore contratto di fornitura elettrica per la propria abitazione principale. Questo perché la legge stabilisce che il pagamento del canone Rai in bolletta possa avvenire solo una volta e unicamente in relazione a quelle utenze collegate all’abitazione di residenza, con contratto elettrico a uso domestico. Dunque, se lo stesso soggetto ha sottoscritto due diversi contratti della luce (per esempio: per la prima e la seconda casa), pagherà il canone solo in una delle due bollette e non in entrambe.

Si pensi al caso del titolare di un appartamento che ha dato in usufrutto o in comodato l’abitazione al proprio figlio. Se il contratto della luce è rimasto intestato al nudo proprietario, l’usufruttuario o il comodatario non riceveranno alcuna richiesta di pagamento dalla società elettrica (né potrebbe essere altrimenti non avendo intestato il contratto). Resta fermo che, per legge, il pagamento del canone andrà ugualmente effettuato (a pena di una sanzione pari a cinque volte lo stesso importo): in tal caso, l’usufruttuario o il comodatario dovranno pagare attraverso il bollettino postale tradizionale.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Il parente compiacente NON paga il canone RAI ma pagherà la seconda bolletta luce con tariffa maggiorata in quanto non abitazione principale.

  2. Cosa fare per non pagare il canone sul contratto energia elettrica dei servizi comuni (luce scale, citofono, sala termica) di un condominio nel quale il contratto dei servizi sia intestato ad un condomino che ha anche un altro contratto di energia elettrica per il suo appartamento?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube