Business | Articoli

Truffa WhatsApp: chiedono il pagamento via carta di credito

10 Luglio 2016
Truffa WhatsApp: chiedono il pagamento via carta di credito

La Polizia lancia l’allarme, circola una richiesta di pagamento per WhatsApp, una truffa a cui prestare attenzione. Ecco le immagini. 

Purtroppo non si tratta di una bufala, una truffa sta girando su WhatsApp e richiede come più volte è capitato in questi anni, un pagamento da parte dell’utente per validare l’uso del servizio.

Lo screenshot che vi mostriamo (trasmesso sulla pagina Facebook dell’account certificato della Polizia di Stato, come vedrete dall’immagine) è esemplificativo di questo tentativo.

Al cliccare sul messaggio si presenta una pagina all’interno della quale si richiede in maniera molto precisa e professionale di inserire i dati della propria carta di credito.

Perché WhatsApp richiede la carta di credito?

WhatsApp è gratuito e non richiede la carta di credito. Si tratta dunque di phishing, ovvero una truffa praticata ai danni degli utenti online, ai quali si richiede di inserire dati personali al fine di permettere la violazione della carta di credito e dei conti correnti.

Truffa WhatsApp: cosa fare

La stessa Polizia di stato nel suo account Facebook certificato (del quale vi riportiamo l’immagine in basso) sottolinea come sia necessario bloccare il mittente ed eliminare il messaggio.

Diffidate da chiunque chieda pagamenti via WhatsApp il sistema è gratuito per sempre da ormai qualche mese.

Anche se per i primi anni si sono pagati 80 centesimi per anno, da quest’anno il servizio è illimitato e sino a qualche tempo fa (sino all’ultimo aggiornamento) era verificabile nel vostro profilo: alla voce “pagamenti” il sistema riportava difatti una validità “a vita”.  Oggi tale voce è stata eliminata dal programma perchè non più pertinente.

Truffa WhatsApp ecco le immagini

Ecco come si presenta la truffa WhatsApp sui vostri cellulari.

(clicca per ingrandire)

Truffa WhatsApp: chiedono il pagamento via carta di credito



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube