Diritto e Fisco | Articoli

Modello F24: come correggere l’errore codice tributo o codice Comune

30 Novembre 2015 | Autore:
Modello F24: come correggere l’errore codice tributo o codice Comune

È possibile rimediare all’errore di compilazione del modello F24; occorre distinguere tra codice tributo e codice ufficio e verificare se si tratta di un errore di compilazione oppure di digitazione da parte dell’intermediario (banca o posta).

Nella compilazione del modello F24 necessario per il pagamento di alcuni tributi (come IMU e TASI) possono capitare errori di individuazione o di mera scrittura del codice tributo o del codice ufficio al quale il tributo è destinato. L’errore può essere commesso dal contribuente stesso al momento della compilazione o dall’operatore (banca o posta) al momento dell’inserimento del codice nel terminale.

Le conseguenze di tali errori possono essere abbastanza spiacevoli per il contribuente in quanto l’ufficio o l’ente destinatario che non riesce ad abbinare correttamente il versamento al relativo atto o documento, può richiedere il pagamento delle somme in realtà già versate.

Vediamo allora come è possibile rimediare all’errore ed evitare di dover pagare due volte lo stesso tributo.

Se l’errore riguarda il codice tributo: il contribuente deve inviare una comunicazione all’ufficio locale destinatario del tributo (per IMU e TASI codice del comune di ubicazione dell’immobile). Con la comunicazione si richiede la correzione del codice e, dunque, l’abbinamento del versamento al codice corretto.

Se l’errore riguarda il codice ufficio: in questo caso, il pagamento del tributo potrebbe essere avvenuto a favore di un altro Comune che nulla a che vedere con quello titolare del potere di imposta. Il contribuente deve inviare una comunicazione sia all’ufficio locale il cui codice è stato indicato erroneamente sul modello F24, sia a quello cui si riferisce correttamente il versamento.

Non sono previste sanzioni per il contribuente. Infatti la legge esclude le sanzioni “quando i versamenti sono stati tempestivamente eseguiti ad ufficio o concessionario diverso da quello competente” [1].

Le istanze di correzione devono essere presentate attraverso il modello predisposto dal Comune e generalmente disponibile sul sito istituzionale dell’ente nella sezione modulistica. All’istanza occorre allegare copia del modello F24 già pagato.

 

Se l’errore di digitazione è stato commesso dall’’intermediario (banca o posta): ciò accade quando il codice presente sull’F24 è corretto ma viene digitato in modo sbagliato dall’operatore alla cassa. In questa ipotesi il contribuente può rivolgersi alla banca o all’ufficio postale presso il quale ha eseguito il versamento e presentare una richiesta di correzione allegando la ricevuta del modello F24 in suo possesso contenente l’esatta indicazione del codice ufficio. A seguito della richiesta, la banca o la posta devono procedere alla rettifica del codice [2].

Quando l’errore di compilazione è stato commesso dal contribuente, non è possibile interpellare la banca o l’ufficio postale in cui è avvenuto il pagamento ma, come sopra specificato, occorre rivolgersi direttamente all’ente erroneamente indicato per richiedere la rettifica (con riversamento della somma a favore dell’ufficio corretto qualora si sia trattato di errore relativo al codice ufficio).


note

[1] Art. 13 D.lgs. n. 471/1997.

[2] Ministero dell’Economia e delle Finanze, risoluzione n. 2/2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube