Diritto e Fisco | Articoli

Microcredito Sfirs Sardegna, prestiti a tasso zero sino a 25000 Euro

1 Dic 2015 | Autore:


> Lavoro e Concorsi Pubblicato il 1 Dic 2015



Riaperto il Bando Microcredito Sfirs, destinato a soggetti svantaggiati che vogliono mettersi in proprio.

 

La Sfirs (Società Finanziaria Regione Sardegna S.p.A.) ha appena reso noto che sono stati riaperti i termini per presentare le domande di Microcredito FSE (Fondo Sociale Europeo), poiché sono state aumentate le risorse disponibili.

Il Microcredito Sfirs è una forma di prestito destinato a finanziare sia nuove iniziative imprenditoriali, che ampliamenti ed innovazioni di attività già esistenti.

Le somme erogate possono arrivare ad un massimo di 25.000 Euro, sotto forma di mutuo a tasso zero, che potrà essere restituito a partire da 12 mesi dalla stipula del finanziamento (18 mesi per le nuove attività), in 60 rate, senza richiesta di garanzia.

 

Microcredito: beneficiari

Il Microcredito Fse è riservato a soggetti svantaggiati, cioè a coloro che hanno difficoltà di accesso ai canali tradizionali del credito, che abbiano intenzione di avviare un’attività d’impresa in Sardegna, o che vogliano effettuare nuovi investimenti in imprese già presenti nel territorio regionale.

I soggetti ammissibili al Microcredito, nel dettaglio, sono:

– soggetti a rischio di esclusione sociale (lavoratori over 50, giovani disoccupati o inoccupati, cassa integrati);

disoccupati o inoccupati;

donne;

diversamente abili;

migranti;

– famiglie monoparentali;

ex detenuti;

ex tossicodipendenti;

– coloro che non possiedono un diploma di scuola media superiore o professionale;

nuovi imprenditori (da non più di 36 mesi);

microimprese costituende o già costituite (anche sotto forma di società di persone, srl, cooperative);

cooperative (di tipo A e B) costituende o già costituite;

piccole imprese da costituire;

– organismi no profit e operatori del privato sociale.

Microcredito: settori ammessi

Sono considerati di prioritaria importanza i seguenti settori:

– servizi al turismo (alloggio, ristorazione, servizi);

servizi sociali alla persona;

– tutela dell’ambiente;

ICT (servizi multimediali, informazione e comunicazione);

– risparmio energetico ed energie rinnovabili;

– servizi culturali e sevizi ricreativi;

manifatturiero;

commercio di prossimità;

artigianato;

servizi alle imprese (incluse le consulenze di tipo gestionale, scientifico e tecnico).

Sono invece esclusi il settore agricolo, della pesca e dell’acquacoltura, la trasformazione dei prodotti agricoli, le attività di produzione primaria connesse all’agricoltura, i trasporti, l’esportazione, le lotterie e le scommesse, e le attività di organizzazioni associative (sindacati, associazioni di datori di lavoro, etc.).

Microcredito: investimenti ammessi

Sono ammessi al finanziamento i seguenti costi:

– spese di funzionamento e di gestione;

consulenze e spese inerenti all’avvio attività;

– spese per risorse umane, con esclusione del personale per il quale si fruisca di sgravi contributivi o di bonus assunzionali;

macchinari, impianti, attrezzature, mezzi mobili, opere murarie;

autovetture inerenti all’attività d’impresa.

Sono esclusi Iva ed interessi passivi.

Microcredito: come presentare la domanda

Le domande devono essere compilate ed inoltrate, assieme agli allegati richiesti (documenti d’identità, preventivi, dichiarazioni dei redditi, moduli antiriciclaggio, schede di monitoraggio) tramite il portale web della Sfirs: il form di domanda consiste in un business plan semplificato, quindi bisognerà essere in grado di effettuare la stesura di un bilancio preventivo triennale, di una relazione descrittiva dell’attività, del mercato di riferimento e delle strategie di marketing, nonché del curriculum proprio e di eventuali soci.

Vuoi sapere se la tua iniziativa è finanziabile, ti serve aiuto per la compilazione della relazione o del business plan? Richiedici una consulenza.

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI