Business | Articoli

Social lending: guadagni maggiori di bond e conti deposito

13 Luglio 2016 | Autore:
Social lending: guadagni maggiori di bond e conti deposito

I Bond e i conti deposito non offrono guadagni tanto alti come il social landing e i rischi sono più bassi: ecco di cosa si tratta e come accedervi.

Chi volesse provare a diversificare il proprio portafogli investimenti potrebbe pensare al social lending, una forma di prestito tra privati che sta prendendo sempre più piede e che offre risultati economicamente rilevanti agli investitori, con interessi maggiori rispetto agli investimenti in Bond e Conti deposito e con rischi tutto sommato contenuti. Vediamo di cosa si tratta.

Cos’è il social lending?

Il social lending, letteralmente “prestito sociale” o prestito “social” per usare un’espressione ormai di uso comune, consiste nella possibilità di offrire una parte dei propri risparmi in forma di prestito ad altri privati. Il prestito viene effettuato di solito per il tramite di piattaforme online che facilitano la transizione, offrendo garanzie in merito alla restituzione dei fondi e favorendo anche un controllo della solvibilità del potenziale richiedente.

Quali vantaggi per il Social lending?

Il social lending è una tipologia di investimento che offre notevoli vantaggi, a partire già dai tassi di interesse che a seconda della solvibilità del debitore sono più o meno alti. Nel fare l’investimento il creditore generalmente non presta ad un unico debitore, ma ad un portafogli all’interno del quale sono individuate fasce di rischio differenti.

Ma c’è di più: il contenimento del rischio, nei servizi di social lending è molto efficace. Le risorse messe a disposizione dai prestatori vengono difatti suddivise in tante piccole quote, in modo da distribuire il rischio su diversi richiedenti, limitando i danni in caso di insolvenza di una posizione. In questo tipo di prodotto inoltre la curva di rimborso è anomala rispetto ai prodotti obbligazionari: se si investe oggi, si iniziano a percepire un’entrata costante già dal mese prossimo.

Infine si deve tenere presente che questo prodotto è completamente scollegato dai mercati obbligazionari, dunque non risente di quella volatilità che di tali ambiti è tipica.

Per sapere di più sulle procedure operative del social lending, ti consigliamo il nostro approfondimento: Social Lending, cos’è e come funziona.

Quanto si guadagna con il social lending?

I ritorni del social lending in termini di guadagno dall’investimento possono essere molto interessanti, a maggior ragione in considerazione del momento attuale in cui i rendimenti obbligazionari sono ridotti ai minimi storici -e i rischi derivanti da quei prodotti sono particolarmente alti.

Smartika, ad esempio, una delle più importanti piattaforme del settore, offre la possibilità, investendo dai 50mila ai 100mila euro, di ottenere un rendimento dal 4 al 7%, a seconda della durata del prestito e della scelta del “mercato”, in cui vengono raggruppati i richiedenti per fasce di profilo di rischio.

Prestiamoci consente di investire già a partire da 1.500, senza una soglia massima (sebbene l’investimento da parte di persone fisiche viene di solito contenuto al massimo in 50mila euro) e offre un rendimento medio del 6,5% lordo per una durata dei prestiti media di 40 mesi sul portafoglio misto, che raggruppa debitori con fasce di rating differenti.

Soisy permette di investire da 10 a 50mila euro con rendimenti attesi tra il 5% e il 7% a seconda del rating dei prestiti finanziati, o del 4% se si aderisce alla Garanzia di rendimento, che tutela in caso di insolvenze.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA