Diritto e Fisco | Editoriale

Causa contro la banca: interessi usurari e consulenza tecnica d’ufficio

5 Dicembre 2015 | Autore:
Causa contro la banca: interessi usurari e consulenza tecnica d’ufficio

Nelle cause relative all’accertamento degli interessi usurari applicati ai contratti bancari, la consulenza tecnica d’ufficio deve effettuare il calcolo corretto degli interessi e verificare la presenza di clausole illegittime.

 

Nelle cause instaurate dal cliente contro la banca per l’illegittima applicazione degli interessi usurari ai contratti di mutuo o conto corrente, uno strumento di prova decisivo è quello offerto dalla consulenza tecnica d’ufficio. L’utilità della perizia tecnica, come suggerito da una recente ordinanza del Tribunale di Parma [1], consente infatti di accertare l’eventuale illegittimità degli interessi applicati dalla banca e di ricalcolarli in modo corretto.

In particolare, il CTU deve verificare se gli interessi sul conto corrente o sul mutuo superano la soglia di usura con riferimento al Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) [2], tenendo conto che, per la determinazione del tasso d’interesse usurario devono considerare le commissioni, le remunerazioni a qualsiasi titolo e le spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate all’erogazione del credito.

Il TEGM è rilevato trimestralmente dalla Banca d’Italia per conto del Ministro dell’Economia e delle Finanze e le relative tabelle sono pubblicate nella Gazzetta Ufficiale, sui siti della Banca d’Italia e del Ministero.

La perizia non deve però limitarsi al mero calcolo del tasso globale risultante dalla documentazione, ma deve considerare i rapporti contrattuali tra le parti, in modo da individuare eventuali clausole illegittime che causano l’applicazione del tasso superiore a quello soglia.

A tal fine, è possibile fare in modo che tutta la documentazione contrattuale in possesso della banca entri nel processo e diventi oggetto dell’indagine sugli interessi. Ciò può avvenire attraverso il cosiddetto ordine di esibizione [3] relativamente ai contratti e a tutti gli estratti di conto corrente che il cliente non ha ricevuto dall’istituto di credito.

A tal proposito, in merito agli estratti conto, la banca ha un preciso obbligo di comunicazione che deve avvenire con periodicità annuale o, a scelta del cliente, semestrale, trimestrale o mensile [4].


note

[1] Tribunale di Parma, ord. novembre 2015.

[2] Legge n. 108/1996.

[3] Art. 210 cod. proc. civ.

[3] Art. 119 TUB.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube