Politica | News

UE: passeggeri di viaggi aerei schedati

5 Dicembre 2015
UE: passeggeri di viaggi aerei schedati

Istituita una banca dati che registrerà in passeggeri in entrate e uscita dall’Europa.

Uno dei settori toccati maggiormente dal terrorismo internazionale è sempre stato quello dei viaggi in aereo: per evitare un collasso del settore come fu dopo l’11 settembre 2001, ieri l’Unione Europea, nella doppia lotta al terrorismo islamico e all’immigrazione clandestina, ha approvato un accordo in vista della nascita di una banca dati europea dei passeggeri aerei. Saranno schedati tanto i passeggeri in entrata, quanto in uscita dallo spazio dell’UE.

È stata per ora accantonata l’ipotesi di una sospensione duratura della libera circolazione nello Spazio Schengen. I 28 membri dell’UE hanno quindi deciso di coordinare meglio le eventuali decisioni sulla reintroduzione provvisoria dei controlli d’identità alle frontiere intra-Schengen e di meglio controllare i confini esterni dell’Unione.

È stato così trovato un accordo su una direttiva in discussione dal 2011 che regolerà la gestione delle informazioni relative ai passeggeri tra linee aeree e governi nazionali. Il testo legislativo noto con l’acronimo inglese Pnr (Passenger Name Record) prevede che ogni Paese si doti di una unità speciale che raccoglierà i dati sui passeggeri aerei in partenza o in arrivo nell’Unione. Le compagnie aeree saranno obbligate a trasferire le informazioni alle autorità nazionali.
La raccolta delle informazioni sui voli intra-europei sarà volontaria. Per i primi sei mesi, i dati saranno visibili, poi verranno criptati per altri quattro anni e mezzo. La polizia potrà avervi accesso solo con un benestare della magistratura.

note

Fonte: Sole24 Ore


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube