Diritto e Fisco | Articoli

Parcella avvocato: come calcolare tariffe forensi e contributo unificato

6 Dicembre 2015
Parcella avvocato: come calcolare tariffe forensi e contributo unificato

Spese, diritti, onorari degli avvocati, le parcelle e il decreto ministeriale, gli scaglioni, il contributo unificato, le spese, le tasse, l’indennità di trasferta.

Tariffe e avvocati, un binomio spesso incerto per vari elementi: così il timore della parcella di un avvocato fa desistere spesso, numerose persone, dall’intraprendere una causa e, di conseguenza, dal difendere i propri diritti. Sebbene esistono ormai diversi settori in cui la parte può accedere a una sorta di giustizia anche senza l’assistenza di un legale (si pensi alla possibilità di mediazione, di ricorso ad organismi di composizione della lite come le conciliazioni con gli operatori telefonici, le società elettriche e del gas, l’arbitro bancario per le controversie con la banca, ecc.), è anche vero che ciò che non si conosce spaventa di più di ciò che è noto. Ecco quindi, questa breve guida per comprendere a quanto può ammontare la parcella di un avvocato.

La variabili della parcella dell’avvocato

Il primo punto da tenere in considerazione è che non esistono tariffe fisse e ciò per due ragioni:

  • – innanzitutto ogni avvocato è libero di far pagare quanto crede, senza essere ormai vincolato (come in passato) da tariffari prestabiliti (il decreto Bersani ha cancellato l’obbligo delle tariffe minime);
  • – in secondo luogo, sulla parcella pesano tre variabili: la difficoltà del lavoro da svolgere, la durata del giudizio (vi sono alcune cause che durano di più di altre) e, soprattutto, le tasse che bisogna pagare in anticipo. La voce più consistente di queste ultime è data dal contributo unificato.

Cerchiamo quindi di analizzare tutte le voci che compongono la parcella dell’avvocato.

IL CONTRIBUTO UNIFICATO

In verità, il contributo unificato viene pagato, per comodità, all’avvocato che poi lo versa allo Stato (in via telematica o acquistando il contributo in un normale Tabacchi). Si tratta, tuttavia, di una spesa che può sostenere direttamente il cliente in prima persona, senza dover necessariamente consegnare la somma al proprio difensore.

I valori del contributo unificato sono determinati sulla base di scaglioni, a seconda del valore della causa:

  • – per i processi di primo grado si parte da un minimo di 43 euro per le cause di valore fino a 1.100,00 euro per arrivare a 1.686,00 per le cause di valore superiore a 520.000,00;
  • – per i processi di secondo grado si parte da un minimo di 64,50 euro per le cause di valore fino a 1.100,00 euro per arrivare a 2.529,00 per le cause di valore superiore a 520.000,00;
  • – per i processi in Cassazione si parte da un minimo di 86 euro per le cause di valore fino a 1.100,00 euro per arrivare a 3.372,00 per le cause di valore superiore a 520.000,00.

Ecco la tabella del contributo unificato 2016:

Processo civile ordinario
Valore1° gradoImpugnazioneCassazione
Per i processi di valore fino a € 1.100,00€ 43,00€ 64,50€ 86,00
Per i processi di valore superiore a € 1.100,00 e fino a € 5.200,00€ 98,00€ 147,00€ 196,00
Per i processi di valore superiore a € 5.200,00 e fino a € 26.000,00€ 237,00€ 355,50€ 474,00
Per i processi di valore superiore a € 26.000,00 e fino a € 52.000,00€ 518,00€ 777,00€ 1.036,00
Per i processi di valore superiore a € 52.000,00 e fino a € 260.000,00€ 759,00€ 1.138,50€ 1.518,00
Per i processi di valore superiore a € 260.000,00 e fino a € 520.000,00€ 1.214,00€ 1.821,00€ 2.428,00
Per i processi di valore superiore a € 520.000,00€ 1.686,00€ 2.529,00€ 3.372,00
Il contributo è aumentato della metà per i giudizi di impugnazione (quindi non solo l’Appello ma anche il Reclamo, come confermato da recente circolare ministeriale) ed è raddoppiato per i processi dinanzi alla Corte di Cassazione.
Attenzione:
Nell’atto introduttivo del giudizio:
– Ove il difensore non indichi il proprio indirizzo di posta elettronica certificata e il proprio numero di fax ai sensi degli artt. 125,co. 1 c.p.c. e 16 co. 1 bis, del D.Lgs. n. 546/1992
– ovvero qualora la parte ometta di indicare il codice fiscale
Il C.U. è aumentato della metà

IL COMPENSO DELL’AVVOCATO: LA PARCELLA VERA E PROPRIA

C’è poi il compenso vero e proprio per l’avvocato. Come detto, esso è stato liberalizzato. L’avvocato potrebbe addirittura svolgere gratuitamente la propria prestazione senza più incorrere né in sanzioni deontologiche che in problemi fiscali.

La parcella deve essere necessariamente concordata prima del conferimento dell’incarico. Se così non dovesse avvenire, si applicherebbero dei parametri ministeriali che vedremo a breve.

L’avvocato deve prima informare il cliente circa il livello di complessità dell’incarico, fornendo le informazioni utili sugli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento alla conclusione dell’incarico. Deve indicare al cliente anche i dati della propria polizza assicurativa per i danni provocati nell’esercizio dell’attività professionale (compresa quella per la custodia di documenti, somme di denaro, titoli e valori ricevuti in deposito dai clienti).

L’accordo tra avvocato e cliente può essere stipulato per iscritto o anche oralmente.

È obbligatorio il preventivo?

Il preventivo scritto è obbligatorio sempre. Esso dovrà indicare la prevedibile misura del costo della prestazione, distinguendo fra oneri, spese, anche forfetarie, e compenso professionale.

Nella redazione del preventivo vi sono degli oneri necessari, sempre presenti nel naturale svolgimento della prestazione (come la redazione dell’atto introduttivo del giudizio o delle memorie o la partecipazione alle udienze); gli oneri eventuali sono invece per loro natura imprevedibili, in quanto legati all’andamento del processo (sono tali ad esempio le consulenze tecniche o la chiamata di un terzo).

Forme particolari di accordi

Sono ammesse le seguenti pattuizioni:

  • – a tempo;
  • – in misura forfetaria;
  • – secondo una convenzione prestabilita avente ad oggetto uno o più affari;
  • – in base all’assolvimento e ai tempi di erogazione della prestazione;
  • – per singole fasi o prestazioni o per l’intera attività;
  • – a percentuale sul valore dell’affare o su quanto si prevede possa giovarsene, non soltanto a livello strettamente patrimoniale, il destinatario della prestazione.

Sono invece vietati i patti con i quali l’avvocato percepisce come compenso in tutto o in parte una quota del bene oggetto della prestazione o della ragione litigiosa. Si tratta del cosiddetto divieto del “patto di quota lite”.

Se manca l’accordo preventivo

Nel caso in cui manchi un accordo tra avvocato e cliente si applicano i nuovi parametri forensi. I parametri si applicano nelle seguenti ipotesi:

  • – quando all’atto dell’incarico o successivamente il compenso non è stato determinato in forma scritta;
  • – in ogni caso di mancata determinazione consensuale;
  • – in caso di liquidazione giudiziale dei compensi: si pensi al caso della condanna alle spese nei confronti della parte soccombente;
  • – quando la prestazione professionale è resa nell’interesse di terzi o per prestazioni officiose previste dalla legge.

Ecco le tabelle:

GIUDICE DI PACE

Valoreda € 0,01

a € 1.100,00

da € 1.100,01

a € 5.200,00

da € 5.200,01

a € 26.000,00

1. Fase di studio della controversia65,00225,00405,00
2. Fase introduttiva del giudizio65,00240,00335,00
3. Fase istruttoria e/o di trattazione65,00335,00540,00
4. Fase decisionale135,00405,00710,00

GIUDIZI ORDINARI E SOMMARI DI COGNIZIONE INNANZI AL TRIBUNALE

Valoreda € 0,01

a € 1.100,00

da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 6.000,01

a € 52.000,00

da € 2.000,01 a € 60.000,00da € 0.000,01

a € 20.000,00

1. Fase di studio della controversia125,00405,00875,001.620,002.430,003.375,00
2. Fase introduttiva del giudizio125,00405,00740,001.147,001.550,002.227,00
3. Fase istruttoria e/o di trattazione190,00810,001.600,001.720,005.400,009.915,00
4. Fase decisionale190,00810,001.620,002.767,004.050,005.870,00

CAUSE DI LAVORO

Valoreda € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 6.000,01 a € 52.000,00da € 2.000,01 a € 60.000,00da € 0.000,01 a € 20.000,00
1. Fase di studio della controversia200,00846,001.735,003.090,004.536,006.350,00
2. Fase introduttiva del giudizio120,00405,00740,001.145,001.620,002.225,00
3. Fase istruttoria e/o di trattazione120,00540,001.116,001.790,002.550,003.450,00
4. Fase decisionale170,00710,001.540,002.790,004.050,005.990,00

CAUSE DI PREVIDENZA

Valoreda € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da€ 26.000,01a € 52.000,00da€ 52.000,01 a € 260.000,00€ 260.000,01 a € 520.000,00
1. Fase di studio della controversia125,00405,00885,001.620,002.430,003.375,00
2. Fase introduttiva del giudizio115,00405,00740,001.147,001.620,002.225,00
3. Fase istruttoria e/o di trattazione170,00810,001.585,002.565,003.645,004.925,00
4. Fase decisionale235,00875,001.925,003.500,003.950,007.490,00

PROCEDIMENTI PER CONVALIDA LOCATIZIA

Valoreda € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
1. Fase di studio della controversia170,00505,00875,001.620,002.360,003.375,00
2. Fase introduttiva del giudizio170,00470,00675,001.010,001.350,001.485,00
3. Fase istruttoria e/o di trattazione40,00135,00200,00335,00470,00675,00
4. Fase decisionale135,00405,00710,001.280,001.820,002.700,00

ATTO DI PRECETTO

Valoreda € 0 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52,000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
compenso135,00225,00315,00405,00540,00

PROCEDIMENTI DI VOLONTARIA GIURISDIZIONE

valoreda € 0 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52,000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
compenso405,001.350,002.225,003.170,004.320,00

PROCEDIMENTI MONITORI

valoreda € 0 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52,000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
Fase di studio, istruttoria, conclusiva450,00540,001.305,002.135,004.185,00

PROCEDIMENTI DI ISTRUZIONE PREVENTIVA

Valoreda € 0 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
Fase di studio della controversia200,00540,00945,001.080,002.025,00
Fase introduttiva del giudizio270,00675,00750,00945,001.385,00
Fase istruttoria335,001.010,001.215,001.620,002.225,00

PROCEDIMENTI CAUTELARI

Valoreda € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00€ 260.000,01 a € 520.000,00
1. Fase di studio della controversia200,00540,00945,001.690,002.430,003.510,00
2. Fase introduttiva del giudizio135,00335,00640,00810,001.145,001.485,00
3. Fase istruttoria e/o di trattazione200,00810,001.147,001.890,002.700,003.780,00
4. Fase decisionale100,00370,00605,001.145,001.687,002.430,00

GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE DEI CONTI

Valoreda € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
1. Fase di studio della controversia170,00510,00875,001.690,002.360,003.510,00
2. Fase introduttiva del giudizio100,00305,00470,00675,001.010,001.350,00
3. Fase istruttoria e/o di trattazione100,00335,00540,00875,001.215,001.690,00
4. Fase decisionale170,00575,001.010,001.820,002.630,003.850,00

GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE DI APPELLO

Valoreda € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
1. Fase di studio della controversia135,00510,001.080,001.960,002.835,004.180,00
2. Fase introduttiva del giudizio135,00510,00877,001.350,001.820,002.430,00
3. Fase istruttoria e/o di trattazione170,00945,001.755,002.900,004.120,005.600,00
4. Fase decisionale200,00810,001.820,003.305,004.860,006.950,00

GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE DI CASSAZIONE E ALLE GIURISDIZIONI SUPERIORI

Valorea € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
1. Fase di studio della controversia240,00675,001.215,002.225,003.240,004.725,00
2. Fase introduttiva del giudizio270,00740,001.080,001.875,002.360,003.105,00
3. Fase decisionale135,00370,00640,001.150,001.690,002.430,00

GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE COSTITUZIONALE, ALLA CORTE EUROPEA, ALLA CORTE DI GIUSTIZIA UE

Valoreda € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
1. Fase di studio della controversia240,00875,001.890,003.510,005.130,007.425,00
2. Fase introduttiva del giudizio200,00740,001.280,001.960,002.767,003.700,00
3. Fase istruttoria e/o di trattazione135,00675,001.280,002.090,002.970,004.050,00
4. Fase decisionale135,00740,001.280,002.360,003.440,004.930,00

GIUDIZI PENALI

Fasi del giudizio1. studio della controversia2.fase introduttiva del giudizio3.fase istruttoria e/o dibattimentale4. fase decisionale
Giudice di Pace360,00450,00720,00630,00
Indagini preliminari810,00630,00990,001.170,00
Indagini difensive810,001.350,00
Cautelari personali360,001.170,001.350,00
Cautelari reali360,001.170,001.350,00
GIP e GUP810,00720,00990,001.350,00
Tribunale monocratico450,00540,001.080,001.350,00
Tribunale collegiale450,00720,001.350,001.350,00
Corte di Assise720,001.350,002.250,002.700,00
Tribunale di Sorveglianza450,00900,001.350,001.350,00
Corte di Appello450,00900,001.350,001.350,00
Corte di Assise di Appello720,001.890,002.160,002.225,00
Corte di Cass. E Giur. Sup.900,002.520,002.610,00

PROCEDURE ESECUTIVE MOBILIARI

Valoreda € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
1. Fase di studio della controversia120,00350,00526,00820,001.110,001.460,00
2. Fase istruttoria e/o di trattazione60,00175,00290,00470,00700,00935,00

PROCEDURE ESECUTIVE PRESSO TERZI, PER CONSEGNA E RILASCIO, IN FORMA SPECIFICA

Valoreda € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
1. Fase introduttiva105,00315,00526,00820,001.110,001.460,00
2. Fase di trattazione e conclusiva225,00540,00810,001.295,001.835,00

PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI

Valoreda € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
1. Fase introduttiva140,00430,00650,001.000,001.365,001.800,00
2. Fase istruttoria e/o di trattazione72,00285,00430,00645,00935,001.220,00

ISCRIZIONE IPOTECARIA / AFFARI TAVOLARI

valoreda € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
compenso65,00270,00405,00675,00945,001.280,00

PROCEDIMENTI PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO

Valoreda € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
compenso160,00590,00860,001.400,001.995,002.750,00

GIUDIZI INNANZI AL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE

Valoreda € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
1. Fase di studio della controversia170,00605,001.080,001.955,003.240,004.185,00
2. Fase introduttiva del giudizio170,00540,00875,001.350,001.820,002.430,00
3. Fase istruttoria e/o di trattazione100,00605,00945,001.550,002.160,002.970,00
4. Fase decisionale270,001.010,001.820,003.305,004.790,006.950,00
5. Fase cautelare200,00540,001.010,001.820,002.630,003.780,00

GIUDIZI INNANZI AL CONSIGLIO DI STATO

Valoreda € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
1. Fase di studio della controversia170,00605,001.215,002.160,003.240,004.725,00
2. Fase introduttiva del giudizio170,00605,001.010,001.550,002.160,002.900,00
3. Fase Istruttoria e/o di trattazione100,00340,00675,001.010,001.485,002.025,00
4. Fase decisionale135,00340,00675,001.145,001.690,002.430,00
5. Fase cautelare200,00605,001.010,001.800,002.295,003.915,00

GIUDIZI INNANZI ALLA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE

Valoreda € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
1. Fase di studio della controversia170,00540,00945,001.685,002.430,003.510,00
2. Fase introduttiva del giudizio100,00340,00540,00810,001.145,001.485,00
3. Fase istruttoria e/o di trattazione85,00270,00470,00945,001.350,001.955,00
4. Fase decisionale170,00875,001.350,002.090,003.970,004.115,00
5. Fase cautelare135,00405,00675,001.280,001.820,002.630,00

GIUDIZI INNANZI ALLA COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE

Valoreda € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
1. Fase di studio della controversia170,00605,001.080,001.955,002.900,004.185,00
2. Fase introduttiva del giudizio100,00405,00605,001.010,001.350,001.820,00
3. Fase istruttoria e/o di trattazione100,00405,00740,001.350,001.955,002.900,00
4. Fase decisionale170,00875,001.350,002.360,003.105,004.320,00
5. Fase cautelare135,00470,00810,001.485,002.160,003.170,00

PRESTAZIONI DI ASSISTENZA STRAGIUDIZIALE

valoreda € 0,01 a € 1.100,00da € 1.100,01 a € 5.200,00da € 5.200,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
compenso270,001.215,001.890,002.295,004.320,005.870,00

ARBITRATO

valoreda € 0,01 a € 26.000,00da € 26.000,01 a € 52.000,00da € 52.000,01 a € 260.000,00da € 260.000,01 a € 520.000,00
compenso1.620,004.050,007.085,0016.200,00

SPESE VIVE

L’avvocato potrebbe sostenere altre spese che ovviamente sono a carico del cliente. Si tratta in particolare di:

  • – indennità di trasferta;
  • – richiesta di notifica degli atti (di norma 11 euro ad atto);
  • – notifiche di intimazione ai testimoni;
  • – spese di consulenza di parte, di custodia, ecc.;
  • – quelle dei corrispondenti fuori sede: è il cosiddetto domiciliatario, nel caso in cui l’avvocato sia di un foro diverso da quello ove si svolge la causa;
  • – quelle anteriori al processo sostenute per un accertamento tecnico preventivo o per perizie stragiudiziali;
  • – quelle successive alla sentenza, come quelle di richiesta copie e notifica della sentenza;
  • – quelle per certificati, visure camerali e iscrizioni ipotecarie.
  • – le richieste di copie di atti e di certificati dalle cancellerie (anche qui gli importi sono bassi e non superano qualche decina di euro).
  • Per essere rimborsate queste spese devono essere documentate in relazione alle singole prestazioni.

Sono infine dovute la spese forfetarie, nella misura del 15% del compenso totale per la prestazione.

Indennità di trasferta

Se l’avvocato per eseguire il proprio incarico si è trasferito fuori del luogo in cui svolge la professione in modo permanente ha diritto al rimborso delle spese sostenute e dell’indennità di trasferta.

Si tiene conto del soggiorno documentato dal professionista, con il limite di un albergo quattro stelle, unitamente, di regola, a una maggiorazione del 10% quale rimborso delle spese accessorie. In caso di utilizzo di autoveicolo proprio, per le spese di viaggio è riconosciuta un’indennità chilometrica pari di regola a 1/5 del costo del carburante al litro, oltre alle spese documentate di pedaggio autostradale e parcheggio.

LE TASSE DELL’AVVOCATO

Sono a carico del cliente le tasse sulla parcella. In particolare:

  • – il contributo della cassa previdenza avvocati applicato sul compenso (CPA) pari al 4% sull’onorario
  • – l’IVA sul compenso pari al 22% della somma tra onorario e CPA.

Cassa previdenza avvocati (CPA)

La CPA è il contributo previdenziale dovuto dagli avvocati alla propria cassa di previdenza. Essa è dovuta in percentuale sul compenso richiesto al cliente (4%) (art. 11 L. 576/80).

LA CPA costituisce un costo per il legale e quindi rientra tra le spese che ricadono sul cliente. Esso è ripetibile dal soccombente, così come gli altri costi del procedimento.

In caso di contrasto sulla parcella

In mancanza di accordo tra avvocato e cliente, ciascuno di essi può rivolgersi al consiglio dell’ordine affinché esperisca un tentativo di conciliazione.

In mancanza di accordo il consiglio, su richiesta dell’iscritto, può rilasciare un parere sulla congruità della pretesa dell’avvocato in relazione all’opera prestata. Il giudice adito per ingiungere il pagamento al cliente è vincolato al parere del Consiglio dell’ordine. Tuttavia, se il cliente debitore fa opposizione al decreto ingiuntivo, tale parere non è più vincolante in quanto non prova l’effettiva esecuzione delle prestazioni in esso indicate.

Revoca o rinuncia al mandato

Se il cliente revoca il mandato, all’avvocato è dovuto il rimborso delle spese ed il compenso per l’attività svolta.

Se invece l’avvocato rinuncia al mandato, ha diritto al rimborso delle spese e al compenso per l’attività svolta, nei limiti del risultato utile che ne sia derivato al cliente.



1 Commento

  1. Gli aggiornamenti della Legge per tutti sono utili al professionista e al cittadino per le informazioni

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube