Diritto e Fisco | Editoriale

SIAE e AFI: la strana coppia

15 Ottobre 2011 | Autore:
SIAE e AFI: la strana coppia

La S.I.A.E. e l’A.F.I. hanno concluso un importante accordo riguardante la riscossione dei diritti economici dei produttori fonografici.

Stato e privato: una strana coppia che, da sempre, nel nostro Paese, prima si odia e poi si ama…

Il 23 ottobre scorso, la S.I.A.E. ha concluso un importante accordo con l’Associazione Fonografici Italiani. I due presidenti delle associazioni [1] hanno firmato un accordo in virtù del quale tutti i diritti economici spettanti ai produttori fonografici associati alla A.F.I. e dovuti da coloro che utilizzano in pubblico supporti musicali (come discoteche, pub, radio in store, radio locali, attività ricreative) saranno riscossi dalla S.I.A.E. medesima.

In altre parole, l’Ente pubblico posto a difesa dei diritti di proprietà intellettuale sfrutterà da oggi la propria articolata dislocazione territoriale per fungere anche da esattore, a servizio dell’industria privata…

Ma le discutibili connessioni tra Istitutizioni pubbliche e industria dei contenuti non finiscono qui.

Il sito del Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha creato un link intitolato “I giovani, la musica e internet“. Cliccando su di esso, si rinvia al sito della Federazione dell’Industria Musicale italiana [2] dove, ovviamente, per ragioni di parte, la visione di internet e della musica viene rappresentata in modo del tutto parziale.


note

[1] Giorgio Assuma da un lato, Leopoldo Lombardi dall’altro.

[2] http://www.fimi.it/musicarete.php.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. ok, l’articolo è di un anno, non c’è però nulla di strano, così era fino a una decina di anni fa e così deve tornare ad essere. Anzi, anche scf dovrebbe smetterla con le richieste dirette agli utenti e andare in SIAE per il compenso sull’uso delle registrazioni.
    Il compenso di sui all’art. 73 e 73-bis DEVE essere incassato dalla SIAE perché facente parte dei proventi che gli utenti pagano per gli utilizzi commerciali dei diritti d’autore. Il principio è stato ribadito varie volte, fin anche dal Consiglio di Stato.

    Saluti a tutti

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube