HOME Articoli

Miscellanea PCT: il 24 dicembre il servizio PEC migra. Sospensione dei servizi

Miscellanea Pubblicato il 9 dicembre 2015

Articolo di




> Miscellanea Pubblicato il 9 dicembre 2015

La Direzione generale per i sistemi informativi automatizzati del Ministero della Giustizia deve procedere alla migrazione del servizio di posta elettronica certificata utilizzato dal Ministero verso il fornitore dei Servizi Pubblici di Connettività.

 

Dal 24 dicembre il servizio PEC del Ministero della Giustizia “migra” verso il Fornitore dei Servizi Pubblici di Connettività in ossequio a quanto previsto dalla legge [1]. Le operazioni di migrazione si svolgeranno tra le ore 14.00 del 24 dicembre e le ore 8.00 del 28 dicembre.

 

Sospensione dei servizi di PCT

Durante il periodo sopra indicato, pertanto, non saranno attivi:

– alcuni applicativi del settore civile (Sicid, Siecic, Sigp, Postale dei servizi telematici, Reginde, Servizio di verifica certificati, Pagamenti telematici, depositi telematici e connessione ai servizi telematici da parte degli applicativi per i magistrati);

– i servizi di comunicazione e notificazione da parte di tutti gli uffici giudiziari;

– l’invio e la ricezione di PEC da parte di S.N.T.;

– le funzionalità di invio PEC del SIAMM;

– la ricezione di fatture elettroniche da parte degli Uffici degli Archivi Notarili;

– gli applicativi in uso agli uffici UNEP;

– i servizi di invio e ricezione via PEC del protocollo;

– tutte le caselle PEC in uso al Ministero della Giustizia ed alle sue articolazioni, agli Uffici giudiziari di ogni ordine e grado, al Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria ed al Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità;

– le caselle PEC assegnate dal Ministero della Giustizia al CSM ed alla Scuola Superiore della Magistratura.

Cosa non sarà possibile fare

Non sarà quindi possibile inviare e/o ricevere messaggi di posta elettronica certificata, utilizzare le funzioni del Portale dei Servizi Telematici, consultare e/o compiere operazioni sui registri civili, effettuare depositi telematici nell’ambito del PCT, effettuare notifiche e/o comunicazioni telematiche.

Per quanto attiene alle caselle PEC amministrative, a partire dalle ore 14.00 del 24 dicembre sarà inibita la consultazione e saranno azzerati tutti gli account di accesso.

Quando i servizi torneranno attivi

Gli utenti potranno nuovamente consultare ed utilizzare le caselle PEC al più tardi a partire dalle ore 8.00 del 28 dicembre via internet.

Si potrà usare la mail ordinaria

Resteranno comunque operativi i depositi telematici, le comunicazioni e le notificazioni di cancelleria. Durante l’interruzione si potrà ricorrere ai mezzi di comunicazione ordinari: pertanto tutte le trasmissioni normalmente effettuate via PEC potranno essere effettuate utilizzando la posta elettronica ordinaria, il fax o gli ordinari mezzi preposti dall’ordinamento.

note

[1] Art. 83 d.lgs. n. 82/2005.

Fonte Diritto e Giustizia. it

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Martedì 23 febbraio 2016 si parlerà della PEC nel programma radiofonico “La radio ne parla” su RADIO UNO RAI, alle ore 10:30.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI